Kabul, dietro l’attentato dell’ISIS all’Ambasciata russa ci sono i servizi segreti occidentali?

Andrew Korybko – 07/09/2022 (traduzione automatica)

Was Western Intel Behind ISIS-K’s Terrorist Attack Against The Russian Embassy In Kabul? (substack.com)

Gli interessi strategici dell’Asse anglo-americano sono: punire la Russia per il suo ruolo guida nell’atto di equilibrio geo-economico dei talebani; spingere Mosca a raddoppiare con gli schieramenti mercenari di Wagner al fine di sovraestendersi militarmente in Eurasia o ad abbandonare rapidamente la sua crescente influenza in Afghanistan; tentare di far rivivere la rivalità precedentemente accesa tra esso e il Pakistan su quel paese.

Il capo dell’ufficio politico dei talebani in Qatar Muhammad Suhail Shaheen ha detto ai media russi martedì che i servizi di intelligence stranieri hanno avuto un ruolo nell’attacco terroristico dell’ISIS-K contro l’ambasciata russa a Kabul. Secondo lui, “Alcuni elementi ben noti in Afghanistan che hanno il sostegno e il finanziamento di servizi speciali stranieri ricorrono a tali terribili atti terroristici progettati per mettere a repentaglio le nostre relazioni con la Russia e altri attori regionali cruciali. Odiano vedere queste relazioni rafforzate. E vorrebbero ugualmente spaventare gli investitori lontano dall’Afghanistan”.

Nonostante questo rappresentante di alto livello del governo de facto afghano si sia rifiutato di incolpare qualsiasi agenzia di spionaggio in particolare, è ancora possibile speculare sulla sequenza di eventi che hanno portato alla provocazione di questa settimana, compresa l’entità del coinvolgimento dell’intelligence straniera e le motivazioni dietro di esso. “L’asse anglo-americano è deciso a destabilizzare l’Eurasia“, a tal fine stanno guidando congiuntamente la guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina, quindi ne consegue naturalmente che questi due sono i colpevoli più probabili. Hanno anche una storia di divisione e governo degli altri, che aggiunge credibilità a questa teoria.

Mentre non è chiaro esattamente come le menti sospette possano aver orchestrato questo attentato suicida, potrebbero aver almeno favorito l’attacco attraverso quei beni che hanno mantenuto dopo la loro caotica evacuazione dall’Afghanistan l’anno scorso. Il ruolo dell’intelligence occidentale negli attacchi terroristici stranieri non è quasi mai diretto come molti nella Alt-Media Community (AMC) immaginano, ma indiretto rispetto al fatto che i loro beni forniscano incoraggiamento, intelligence, logistica e / o supporto materiale al fine di mantenere le proprie mani pulite e quindi “plausibilmente negare” qualsiasi coinvolgimento in quegli incidenti.

Così come è probabile che i beni afghani collegati all’Occidente abbiano svolto un tale ruolo dopo aver ricevuto almeno un occhiolino e un cenno dai loro protettori stranieri. Gli interessi strategici dell’Asse anglo-americano (AAA) sono punire la Russia per il suo ruolo guida nell’equilibrio geo-economico dei talebani; spingere Mosca a raddoppiare con gli schieramenti mercenari di Wagner al fine di estendersi militarmente in Eurasia o abbandonare rapidamente la sua crescente influenza in Afghanistan; e tentare di rilanciare la rivalità precedentemente accesa tra essa e il Pakistan su quel paese.

Il primo motivo menzionato è autoesplicativo poiché questi due sono sempre contro la Russia che espande la sua influenza in qualsiasi parte del mondo. La seconda coppia riguarda la costruzione della proposta politica della Rand Corporation del 2019 per “Sovraestendere e sbilanciare la Russia” e innescare la sua ritirata strategica dall’Eurasia rispettivamente. L’ultimo, tuttavia, merita un po ‘più di spiegazione poiché non è così ovvio a prima vista. È anche estremamente sensibile e dovrebbe quindi essere affrontato con molta attenzione da tutti gli osservatori interessati al fine di evitare di alimentare inavvertitamente le fiamme di questo schema di guerra ibrida .

Russia e Pakistan erano in un rapido riavvicinamento l’uno con l’altro nell’ultimo mezzo decennio prima del colpo di stato post-moderno orchestrato dagli Stati Uniti ma guidato internamente che rovesciava il primo ministro multipolare Imran Khan all’inizio di aprile come punizione per la sua politica estera indipendente, in particolare la sua dimensione eurasiatica. così come il suo rifiuto di ospitare basi statunitensi o almeno concedere diritti di transito ai suoi droni. Da allora, le relazioni rimangono ufficialmente cordiali ma sono state congelate nella pratica. Inoltre, le nuove autorità sono sospettate di “facilitare passivamente” un attacco di droni statunitensi di alto profilo a Kabul il mese scorso.

Quell’incidente ha esacerbato il pericoloso dilemma di sicurezza pakistano-talebano, con il risultato che i leader de facto dell’Afghanistan hanno accusato il loro vicino di essere un rappresentante militare americano, che ha coinciso con le notizie secondo cui stava anche spedendo clandestinamente attrezzature militari a Kiev attraverso un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito. Sebbene il secondo sviluppo menzionato dovrebbe essere interpretato esclusivamente come una decisione commerciale apolitica senza alcuna intenzione di guerra per procura, non si può nemmeno negare che il regime golpista post-moderno abbia un evidente interesse a ingraziarsi i loro protettori occidentali.

Considerando i sospetti degli ultimi due decenni che l’agenzia di spionaggio pakistana ISI abbia avuto un ruolo o nell’altro nei precedenti attentati suicidi dei talebani contro obiettivi occidentali in Afghanistan (cosa che è sempre negata), e ricordando la vasta rete di contatti che hanno coltivato con le varie fazioni di quel gruppo in quel periodo, l’ottica attuale potrebbe suggerire ad alcuni che potrebbe anche aver avuto una mano nell’ultimo attacco contro l’ambasciata russa a Kabul. o per lo meno non ha condiviso informazioni rilevanti su questa trama in anticipo per qualsiasi motivo.

A questo punto sono necessari alcuni chiarimenti cruciali affinché l’analisi non venga male interpretata o le intenzioni dietro di essa siano mal interpretate da forze guidate dall’agenda. Il Pakistan è stato indiscutibilmente una delle principali vittime mondiali del terrorismo dall’inizio del secolo, e le sue autorità hanno costantemente negato di aver mai litigato con tali gruppi nonostante le ripetute accuse da parte dell’America, dell’India e dell’ex governo afghano sostenuto dall’Occidente. Inoltre, nonostante sia attualmente governata da un regime golpista post-moderno installato dagli Stati Uniti, Islamabad non ha ancora condannato o sanzionato pubblicamente la Russia.

Un altro punto da menzionare è che la paralizzante crisi economica del Pakistan, che è stata catalizzata dalle conseguenze del cambio di regime contro l’ex primo ministro Khan, potrebbe potenzialmente portarlo a raggiungere la Russia per il sostegno alimentare e / o di carburante al fine di alleviare le sofferenze del suo popolo e quindi contribuire a garantire la sopravvivenza politica dei suoi governanti se non viene fornito un aiuto sufficiente dal loro patrono americano. Non solo, ma l’emergere di prove che suggeriscono che il Pakistan ha avuto un ruolo nell’attacco terroristico anti-russo dell’ISIS-K rischierebbe di rovinare le relazioni con la Cina, isolando così completamente Islamabad.

Per questi motivi, è estremamente improbabile che l’ISI abbia avuto una mano in ciò che è appena accaduto, ma non si può nemmeno escludere che la scuola di pensiero filo-americana all’interno di questa istituzione che è considerata di tirare le fila in Pakistan al giorno d’oggi dopo il colpo di stato post-moderno orchestrato dagli Stati Uniti avrebbe potuto rifiutare di condividere informazioni rilevanti con la Russia prima dell’attacco. Questo è puramente il regno delle congetture, ma non sarebbe sorprendente se i più immorali di questo gruppo potessero aver pensato di poter guadagnare favori economici o politici dai loro protettori occidentali non fermando l’attacco.

Detto questo, i lettori dovrebbero essere informati che il Ministero degli Esteri pakistano ha rapidamente condannato l’attentato suicida di lunedì, che scredita la teoria precedente. Anche nel caso in cui l’ISI – che è giustamente considerata la più potente agenzia di intelligence straniera attiva in Afghanistan – in qualche modo si imbattesse in alcune informazioni sull’attacco che alla fine è emerso, dovrebbe essere dato loro il beneficio del dubbio per non condividerlo poiché non avrebbe potuto essere considerato abbastanza credibile o dettagliato da trasmettere, oppure potrebbero averlo ricevuto proprio prima che accadesse l’attacco e quindi troppo tardi per fermarlo.

Il punto nel chiarire tutto questo da ogni angolazione possibile è garantire che nessuno cada nello schema speculativo dell’AAA per provocare un dilemma di sicurezza tra Russia e Pakistan in Afghanistan per scopi di divisione e dominio. Anche se la fiducia tra questi due partner eurasiatici è stata apparentemente danneggiata dal colpo di stato post-moderno degli Stati Uniti in Pakistan, mantengono ancora una stretta cooperazione antiterrorismo secondo il presidente Putin nel suo messaggio ottimistico a quel paese in occasione del suo Giorno dell’Indipendenza il mese scorso.

Per questo motivo, è assolutamente imperativo che Islamabad condivida volontariamente qualsiasi informazione di cui dispone attualmente sull’ultimo attacco suicida e sui suoi sospetti su quali agenzie di intelligence straniere i talebani si riferissero nella drammatica dichiarazione del suo rappresentante. Va anche da sé che i leader de facto dell’Afghanistan dovrebbero anche rivelare discretamente i sospetti colpevoli a porte chiuse se si sentono a disagio a individuarli pubblicamente per paura di peggiorare ulteriormente le loro già tristi possibilità di riconoscimento internazionale e di ricevere aiuti umanitari dall’Occidente.

Considerando l’indebitamento del regime golpista pakistano post-moderno nei confronti dell’Occidente per averlo portato al potere e il pericoloso dilemma di sicurezza di quel paese con i talebani, è possibile che Islamabad possa rifiutare di incolpare l’AAA per il suo probabile coinvolgimento in quell’attacco terroristico anche se ha un’intelligence indiscutibile che dimostra il loro ruolo, mentre i suoi rivali afghani potrebbero incolpare il Pakistan per ragioni di “convenienza politica”. Potrebbe quindi essere molto difficile per la Russia arrivare al fondo di quali agenzie di spionaggio erano dietro questo, quindi perché i suoi esperti devono essere giudiziosi durante le loro indagini.

Dall’intuizione che è stata condivisa in questa analisi, l’ISI quasi certamente non ha svolto un ruolo diretto in questo attacco terroristico e qualsiasi speculazione indiretta non sembra così credibile a questo punto. Piuttosto, tutto finora punta all’AAA, che aveva tre obiettivi strategici che voleva avanzare contemporaneamente: punire la Russia per la sua stretta collaborazione con i talebani; spingerlo a estendersi eccessivamente in Afghanistan o ad abbandonare la sua influenza lì; e fabbricare artificialmente le condizioni per provocare un ciclo autosufficiente di sospetti tra Russia e Pakistan.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi