I media occidentali a guida USA hanno “dimenticato” di parlare delle armi UK verso Kiev tramite il Pakistan

Andrew Korybko – 07/09/2022 (traduzione automatica)

Speculative Pakistani Arms Sales To Kiev vs. Speculative North Korean Ones To Russia (substack.com)

I media mainstream occidentali guidati dagli Stati Uniti hanno ignorato i rapporti sul coinvolgimento speculativo del Pakistan in un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito per rifornire militarmente Kiev, mentre si lamentavano della presunta vendite di armi della Corea del Nord alla Russia. Il loro vistoso silenzio nei confronti del primo suggerisce molto fortemente qualche elemento di verità a tali affermazioni, mentre la loro isterica eccessiva amplificazione delle seconde suggerisce allo stesso modo che manca di qualsiasi sostanza effettiva.

Due rapporti sulle vendite speculative di armi ai combattenti più diretti nell’ultima fase provocata dagli Stati Uniti del conflitto ucraino hanno iniziato a circolare nei media. Alla fine del mese scorso, i dati dei siti web di monitoraggio dei voli suggerivano che il Pakistan stava vendendo munizioni a Kiev tramite un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito, che è stato seguito poco dopo da un video virale che pretendeva di mostrare la sua artiglieria utilizzata sul campo. Poi, all’inizio di questa settimana, il New York Times ha riferito di intelligence statunitensi recentemente declassificate che affermavano che la Corea del Nord stava vendendo proiettili di artiglieria e razzi alla Russia. Queste accuse quasi back-to-back sono state accolte con risposte completamente diverse dai media mainstream occidentali (MSM) guidati dagli Stati Uniti.

Hanno ignorato i primi rapporti sul coinvolgimento speculativo del Pakistan in un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito per rifornire militarmente Kiev, mentre si lamentano del secondo collegato alle presunte vendite di armi della Corea del Nord alla Russia. Il loro vistoso silenzio nei confronti del primo suggerisce molto fortemente qualche elemento di verità a tali affermazioni, mentre la loro isterica eccessiva amplificazione delle seconde suggerisce allo stesso modo che manca di qualsiasi sostanza effettiva. In altre parole, gli interessi del MSM sono serviti assicurando che il rapporto pakistano non ottenga alcuna trazione e allo stesso tempo assicurando che quello nordcoreano diventi virale.

Due reazioni a ciascuna di esse si distinguono come degne di nota di analisi, tuttavia. L’India, che pratica una politica di neutralità di principio nei confronti del conflitto ucraino al fine di bilanciare attentamente i suoi interessi nazionali oggettivi rispetto al Golden Billion guidato dagli Stati Uniti e al Sud globale guidato dai BRICS di cui fa parte, secondo quanto riferito ha sollevato il primo menzionato con Londra. Kiev, nel frattempo, ha fatto deridere il suo Ministero della Difesa russia e Corea del Nord in un tweet che leggeva parzialmente che “Coloro che non sono in grado di trasformarsi agli standard della NATO, passano agli standard nordcoreani: che si tratti di armi, politica, tenore di vita”. Mentre Delhi è seriamente intenzionata a indagare sul primo, Kiev vuole solo sfruttare il secondo per scopi di infowar.

Da ciò, gli osservatori obiettivi possono giungere a due conclusioni per aiutare a far luce sulla credibilità di queste rispettive relazioni. L’India, nonostante abbia ovvie ragioni egoistiche nel perseguire il rapporto sulle vendite di armi pakistane a Kiev attraverso un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito, attribuisce una certa credibilità a tale affermazione per indagare nonostante i delicati colloqui di difesa in corso con Londra. Al contrario, Kiev non si preoccupa di indagare sul rapporto sulle vendite di armi nordcoreane alla Russia e invece si preoccupa solo di armare l’ottica di questa affermazione non provata al fine di manipolare le percezioni pubbliche su Mosca. Abbastanza chiaramente, non è importante per Kiev se questo rapporto sia credibile o meno.

In ogni caso, vale la pena discutere brevemente di ciò che potrebbe significare lo scenario in cui entrambi i rapporti sono credibili. A partire dal primo sul Pakistan, non si dovrebbe automaticamente presumere che Islamabad abbia intenzioni di guerra per procura anti-russe poiché il suo motivo principale sarebbe probabilmente solo affari, anche se non si può negare che il suo regime golpista post-moderno installato dagli Stati Uniti abbia interessi politici nel sostenere militarmente l’alleato dell’Europa orientale del loro patrono. Per quanto riguarda il secondo, è quasi certamente anche motivato esclusivamente da attività legate al business, poiché è noto che sta lottando per la valuta forte a causa delle sanzioni internazionali e sicuramente non intende intervenire direttamente ulteriormente nel conflitto.

Per quanto riguarda i destinatari, non c’è nulla di sorprendente nel fatto che Kiev riceva armi da una vasta gamma di partner internazionali poiché è volontaria per essere utilizzata come pedina principale nella guerra per procura della NATO guidata dagli Stati Uniti contro la Russia attraverso l’Ucraina. Dopotutto, è puramente a causa di un sostegno militare straniero senza precedenti che è stato in grado di mantenere artificialmente il conflitto in corso invece di capitolare entro la fine di marzo al più tardi dopo che il consigliere senior di Zelensky, Arestovich, ha confermato che Mosca ha completamente distrutto il complesso militare-industriale della sua parte. In questo contesto di una guerra per procura parzialmente globale contro di essa, nessuno dovrebbe essere sorpreso che la Russia possa anche cercare di rifornirsi da partner affidabili come la Corea del Nord.

Per concludere, resta da vedere se entrambi gli accordi speculativi sulle armi abbiano qualche sostanza, ma gli osservatori obiettivi dovrebbero riflettere profondamente sul contrasto tra l’indagine in corso dell’India e la chiara mancanza di kiev. Mentre Delhi ha ovvie ragioni per determinare se Islamabad ha iniziato a svolgere un ruolo militare indiretto dalla parte dell’Occidente, è anche neutrale nel conflitto ucraino, quindi le sue preoccupazioni non dovrebbero essere respinte come guidate esclusivamente da interessi personali. Allo stesso modo, Kiev ha ovvie ragioni per determinare se Pyongyang ha iniziato a svolgere un ruolo identico da parte della Russia, il che rende la sua mancanza di interesse a indagare su questo molto sospetto e quindi suggerisce che non è vero.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi