L’importanza dell’indagine russa sull’attacco all’ambasciata di Kabul dell’ISIS-K

Andrew Korybko – 08/09/2022

The Importance Of Russia’s Investigation Into ISIS-K’s Kabul Embassy Attack (substack.com)

Si può solo speculare su ciò che questa indagine rivelerà alla fine al suo completamento, ma gli osservatori possono essere certi che modellerà la politica russa per gli anni a venire.

L’attacco terroristico dell’ISIS-K contro l’ambasciata russa a Kabul è stato un evento importante che modellerà la strategia regionale di Mosca per gli anni a venire. Le sue implicazioni immediate erano già state affrontate dall’autore, così come la speculazione su quali agenzie di intelligence straniere avrebbero potuto essere dietro di esso e perché a seguito della vaga dichiarazione di un importante rappresentante talebano che attribuisce la responsabilità a tali forze. Come tale, il presente pezzo si concentrerà quindi sull’importanza dell’indagine della Russia su questo evento.

In primo luogo, Mosca deve garantire che nulla del genere accada mai più, a tal fine deve lavorare ancora più strettamente che mai con i talebani, nonostante non riconosca ancora formalmente la legittimità del loro dominio de facto sull’Afghanistan. Deve essere garantita la sicurezza della sua ambasciata, compresa quella di quegli afghani che fanno la fila fuori da quella struttura in attesa delle loro riunioni lì. I talebani non avevano adeguatamente protetto quelle persone, motivo per cui l’ISIS-K le considerava obiettivi facili.

In secondo luogo, oltre a coordinare misure di sicurezza fisica più robuste per difendere la sua ambasciata e coloro che la visitano, la Russia deve anche accertare quali fazioni talebane potrebbero aver facilitato questo attacco dall’interno come alcuni hanno iniziato a sospettare che fosse accaduto. Questa intuizione aiuterà Mosca a comprendere meglio le dinamiche interne del gruppo, che si tradurranno non solo nell’identificare quali fazioni possono essere considerate affidabili, ma anche quelle che potenzialmente rappresentano le maggiori minacce latenti (cellule dormienti).

In terzo luogo, le informazioni precedenti possono eventualmente essere costruite per mappare le reti di quegli elementi inaffidabili, anche con agenzie di intelligence straniere come quelle che il suddetto alto rappresentante talebano ha ipotizzato abbia avuto un ruolo nell’ultimo attacco terroristico. Oltre ad avere un quadro più chiaro di chi sta lavorando con chi e attraverso quali mezzi, la Russia può quindi iniziare a scavare più a fondo nelle loro capacità e intenzioni, incluso se hanno avuto una mano in ciò che è appena accaduto.

In quarto luogo, solo perché un’agenzia di intelligence straniera potrebbe avere risorse incorporate all’interno di reti terroristiche non significa automaticamente che siano responsabili di ogni attacco che un tale gruppo effettua poiché alcuni potrebbero funzionare solo come informatori e non come delegati proprio come fanno la Russia in Siria. Anche così, se si determina che un’agenzia di spionaggio straniera non ostile come quella pakistana aveva fonti vicine all’attentatore ISIS-K ma non condivideva informazioni pertinenti in anticipo, allora la Russia si chiederà naturalmente perché.

In quinto luogo, la potenziale direzione dell’indagine porterà inevitabilmente a uno dei due risultati. Il primo è una più stretta cooperazione con l’agenzia di spionaggio straniera in questione se si è concluso che in realtà non avevano informazioni utili, non consideravano credibile tutto ciò che avevano e / o non lo ricevevano in tempo. Il secondo, tuttavia, è la crescente sfiducia tra di loro se la Russia alla fine arriva a credere che avessero davvero informazioni utili, le considerassero credibili, le ricevessero in tempo, ma non le condividessero.

Tutto sommato, l’importanza dell’indagine della Russia sull’attacco all’ambasciata dell’ISIS-K sta nell’imparare di più sui legami di questo gruppo terroristico con le fazioni talebane e le agenzie di intelligence straniere, che consentiranno a Mosca di difendere con maggiore sicurezza i suoi interessi fisici e strategici in quel paese e nella regione più in generale. Si può solo speculare su ciò che questa indagine rivelerà alla fine al suo completamento, ma gli osservatori possono essere certi che modellerà la politica russa per gli anni a venire.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi