Gli effetti globali della transizione in atto verso un Mondo Multipolare

Andrew Korybko – 09/09/2022 (traduzione automatica)

The Global Consequences Of South Asia’s Grand Strategic Reorientation (substack.com)

Mentre resta da vedere se il Pakistan si trasformerà grottescamente dalla “cerniera dell’Eurasia” alla “linea di faglia dell’Eurasia” come si teme, questo scenario è ancora abbastanza credibile da preoccupare seriamente tutte le parti interessate.

Il ruolo centrale dell’Asia meridionale nella grande biforcazione

La transizione sistemica globale verso il multipolarismo sta portando a profondi cambiamenti in tutto il mondo, in particolare la Grande Biforcazione del sistema precedentemente globalizzato nel Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e nel Sud globale guidato dai BRICS. I complessi processi connessi a questo megatrend stanno rapidamente convergendo nell’Asia meridionale, il che non è un caso. Questa regione geostrategica dell’Eurasia si trova tra le metà occidentale e orientale del supercontinente, collocandola così nel centro letterale della transizione sistemica precedentemente menzionata che sta spostando il centro di gravità globale dall’Atlantico al Pacifico.

Lo stato delle cose precedente

Fino all’ultima fase provocata dagli Stati Uniti del conflitto ucraino scoppiata a fine febbraio, lo stato delle cose in Asia meridionale era relativamente semplice da capire: la rivalità decennale indiano-pakistana era diventata parte della Nuova Guerra Fredda tra le superpotenze americane e cinesi. . Il rafforzamento globale dei legami strategico-militari tra America e India è parallelo a quello di Cina e Pakistan. Inoltre, il dilemma di sicurezza cinese-indiano esacerbato dagli Stati Uniti è culminato durante gli scontri tra questi due nell’estate 2020 e quindi sembrava destinato a condannarli per sempre alla rivalità.

Gli osservatori si aspettavano quindi ragionevolmente che queste dinamiche sarebbero rimaste coerenti per tutto il prossimo futuro. Considerando il ritmo e la profondità con cui le partnership strategiche di queste due coppie si erano sviluppate nell’ultimo decennio, e soprattutto tenendo presente come il dilemma di sicurezza cinese-indiano sembrava aver messo quelle due grandi potenze asiatiche sulla strada di una rivalità irreversibile che gli Stati Uniti potevano facilmente manipolare per dividerle e governarle perpetuamente, questa previsione aveva senso. Sembrava infatti che non ci fossero sorprese serie in serbo per l’Asia meridionale in tempi brevi.

I ruoli geostrategici divergenti di India e Pakistan

Tutto ciò è improvvisamente cambiato dopo l’operazione militare speciale che la Russia è stata costretta a iniziare per difendere le sue linee rosse di sicurezza nazionale in Ucraina dopo che la NATO sostenuta dagli Stati Uniti le ha violate. L’America ha immediatamente chiesto all’India di condannare e sanzionare la Russia in solidarietà con il Miliardo d’Oro, anche se Delhi ha respinto con orgoglio tutte queste pressioni al fine di difendere i suoi obiettivi interessi nazionali. Che i grandi calcoli della civiltà-stato dell’Asia meridionale erano di rafforzare la sua autonomia strategica nella Nuova Guerra Fredda mantenendo il suo multi-allineamento tra tutti gli attori rilevanti.

Il vicino Pakistan ha tentato qualcosa di simile, anche se purtroppo è caduto vittima di un colpo di stato post-moderno orchestrato dagli Stati Uniti ma guidato internamente che ha estromesso il suo primo ministro multipolare all’inizio di aprile come punizione per la sua politica estera altrettanto indipendente, in particolare la sua dimensione eurasiatica e il rifiuto di ospitare basi statunitensi o almeno concedere diritti di transito ai suoi droni. Sebbene Islamabad mantenga ufficialmente la sua politica di neutralità di principio nei confronti del conflitto ucraino, la realtà è che le sue autorità golpiste post-moderne sono in pratica prevedibilmente sotto il controllo quasi totale americano.

Il percorso del Pakistan verso lo status di vassallato

Non solo i talebani (con i quali il Pakistan è oggi in un pericoloso dilemma di sicurezzali hanno accusati di concedere segretamente i diritti di transito al drone statunitense che ha attaccato un presunto obiettivo terroristico a Kabul all’inizio di agosto, ma secondo quanto riferito hanno anche spedito munizioni a Kiev attraverso un ponte aereo transnazionale guidato dal Regno Unito. Inoltre, l’agenzia di spionaggio straniera russa sembrava aver suggerito un ruolo indiretto del Pakistan nell’attacco terroristico dell’ISIS-K contro la sua ambasciata nella capitale afghana, anche se solo le loro controparti si rifiutavano di condividere informazioni pertinenti in anticipo per lasciare astutamente che gli eventi si svolgessero.

L’America sembrava poi aver premiato i suoi delegati golpisti post-moderni per aver promosso i suoi interessi strategici dopo che il Dipartimento di Stato ha annunciato mercoledì che stava approvando la potenziale vendita di attrezzature F-16 per un valore fino a $ 450 milioni che sono state congelate sotto l’amministrazione Trump. In quella che non è stata una coincidenza, la Cina e l’India hanno concordato il giorno dopo di disimpegnare reciprocamente le loro forze militari dalla frontiera contesa in quella che equivaleva a una grande de-escalation del loro dilemma di sicurezza, che era dovuta al fatto che Pechino apprezzava l’orgogliosa dimostrazione di autonomia strategica di Delhi di fronte alla pressione degli Stati Uniti.

Le mutevoli percezioni della Cina sull’Asia meridionale

È stato a questo punto che è diventato possibile parlare del grande riorientamento strategico in Asia meridionale, che è una delle conseguenze più inaspettate della transizione sistemica globale recentemente accelerata verso il multipolarismo. Lo stato di cose precedente in questa regione che gli osservatori avevano finora dato per scontato sta indiscutibilmente cambiando dopo che gli Stati Uniti sono riusciti a ripristinare la loro influenza precedentemente persa sul Pakistan a seguito del colpo di stato post-moderno che hanno orchestrato, che contrasta con il declino dell’influenza degli Stati Uniti sull’India dopo che Delhi ha rifiutato di soddisfare le sue richieste anti-russe.

Questi sviluppi paralleli hanno contribuito a rimodellare la percezione cinese del ruolo che si aspettava che i due paesi più importanti dell’Asia meridionale svolgessero nell’emergente Ordine Mondiale Multipolare. Mentre il Pakistan era stato precedentemente considerato una risorsa e l’India un ostacolo, da allora hanno cambiato posto dopo che gli Stati Uniti hanno ripristinato con successo la loro egemonia sul primo, senza riuscire a imporlo sul secondo. Fattori correlati sono stati l’India che ha espresso pubblicamente la speranza di aprire congiuntamente la strada al secolo asiatico con la Cina e la Russia sospettando ufficiosamente il Pakistan di coinvolgimento indiretto nell’attacco all’ambasciata di Kabul dell’ISIS-K.

Tit-For-Tat ma senza intenzioni a somma zero (per ora)

Col senno di poi, era inevitabile che queste variabili avrebbero portato la Cina a cercare di controbilanciare il “bracconaggio” degli Stati Uniti al Pakistan migliorando completamente le relazioni con l’India, quest’ultima delle quali ha dimostrato la sua autonomia strategica e le sue intenzioni sinceramente multipolari. La tempistica dell’accordo di equipaggiamento F-16 ripristinato degli Stati Uniti con il Pakistan e la decisione di disimpegno militare cinese-indiano suggeriscono che entrambe le superpotenze hanno previsto con precisione l’inversione del ruolo di quegli stati dell’Asia meridionale nella Nuova Guerra Fredda mesi prima e pianificato di conseguenza, quindi perché i loro sforzi hanno dato i loro frutti nello stesso periodo.

Tuttavia, il grande riorientamento strategico che è in corso in questo momento in Asia meridionale non dovrebbe essere interpretato erroneamente come implicante la creazione di blocchi rigidi o l’ossessione immediata (parola chiave) di qualsiasi partito per le politiche a somma zero. L’India manterrà ancora stretti legami strategico-militari con gli Stati Uniti e continuerà a non essere d’accordo con la Cina su alcune questioni per ora, così come il Pakistan manterrà tali legami con la Cina (in particolare quelli economico-finanziari tramite CPEC) pur continuando probabilmente ad essere occasionalmente criticato dagli Stati Uniti su alcune questioni interne (anche se questo diventa più raro e molto più mite).

L’importanza della previsione strategica

L’importanza nel discutere il potenziale grande riorientamento strategico in Asia meridionale è prevedere l’impatto che potrebbe avere sulla traiettoria più ampia della transizione sistemica globale verso il multipolarismo, che a sua volta può consentire ai decisori di preparare meglio i loro paesi per gli scenari più credibili. Con questo in mente, proprio come il “bracconaggio” degli Stati Uniti del Pakistan è stato risposto dalla Cina attraverso il suo miglioramento globale dei legami con l’India, così anche i progressi della seconda coppia nel pioniere congiunto del secolo asiatico potrebbero essere risolti dagli Stati Uniti che sfruttano il Pakistan come un ostacolo.

Per non essere fraintesi, ci sono ben note linee di faglia preesistenti tra India e Pakistan (per lo più collegate al conflitto irrisolto del Kashmir) che occasionalmente portano all’aggravarsi organico delle tensioni reciproche che ognuna incolpa sempre l’altra per aver provocato. Gli Stati Uniti quindi non devono svolgere alcun ruolo in questa dinamica poiché di tanto in tanto fluiscono e rifluiscono naturalmente. Tuttavia, non si può escludere che potrebbe cercare di incoraggiare il Pakistan a violare unilateralmente il cessate il fuoco che è in vigore dal febbraio 2021 come parte di un piano più ampio per manipolare le percezioni del suo popolo sulla Cina.

L’affondamento del cessate il fuoco incoraggiato dagli Stati Uniti in Pakistan

Per spiegare, i pakistani considerano giustamente la Cina come il loro partner più vicino e affidabile in qualsiasi parte del mondo, anche se l’ottica di Pechino che rifiuta di sostenere Islamabad nello scenario che quest’ultima viola unilateralmente il cessate il fuoco con il tacito incoraggiamento di Washington, ma incolpa pubblicamente Delhi potrebbe non stare bene con molti. Dopotutto, tutto ciò che è collegato al Kashmir è diventato una parte inestricabile dell’identità pakistana dall’indipendenza di 75 anni fa, quindi molti dei suoi cittadini potrebbero essere indotti a essere delusi dalla Cina se Pechino non li sostiene sempre su questo tema.

Nonostante la posizione della Cina nei confronti della risoluzione di quel conflitto decennale sia molto vicina a quella del Pakistan, la Repubblica popolare è ancora costantemente contraria a qualsiasi parte che interrompa lo status quo. Ciò significa che Pechino non “tradirebbe” Islamabad non sostenendola nello scenario in cui il suo regime golpista post-moderno violi unilateralmente il cessate il fuoco con l’incoraggiamento di Washington. Tuttavia, molti pakistani potrebbero ancora essere fuorviati poiché è ampiamente considerato patriottico sostenere le loro autorità sul Kashmir indipendentemente dal contesto, il che può fornire un’apertura narrativa per gli Stati Uniti.

Argomenti contro l’India che provoca prima il Pakistan

Gli obiettivi della guerra dell’informazione americana in questo scenario sono diversi, ma prima di arrivarci, dovrebbe essere brevemente spiegato perché è improbabile che l’India sia quella che viola unilateralmente il cessate il fuoco. Delhi è fiduciosa che il Sud globale guidato dai BRICS abbia già concluso che gli Stati Uniti hanno ripristinato con successo il precedente status di vassallo del Pakistan e quindi considera il suo vicino come se avesse invertito i ruoli con esso nel diventare il più grande ostacolo regionale al multipolarismo. Violare il cessate il fuoco fermerebbe immediatamente anche il riavvicinamento cinese-indiano e quindi saboterebbe lo scenario del secolo asiatico.

Mantenendo lo status quo, tuttavia, l’India sta calcolando che il grande riorientamento strategico dell’Asia meridionale continuerebbe a procedere a ritmo sostenuto. Ciò a sua volta accelererebbe la sua ascesa come Grande Potenza influente a livello globale in grado di plasmare la transizione sistemica globale verso il multipolarismo, mentre il nuovo isolamento regionale del Pakistan causato dalla sottomissione strategica del suo regime post-golpe agli Stati Uniti si intensificherebbe. Semplicemente lasciando che gli eventi si svolgano naturalmente lungo questa traiettoria prevedibile, gli interessi nazionali oggettivi dell’India sarebbero avanzati senza alcun costo per se stessa, compresa la sua migliore reputazione.

Attacchi Infowar degli Stati Uniti contro il partenariato strategico cinese-pakistano

Chiarito questo, è ora il momento di parlare degli obiettivi di guerra dell’informazione che l’America mirerebbe a raggiungere incoraggiando i suoi delegati pakistani a violare unilateralmente il cessate il fuoco con l’India. Fabbricare artificialmente percezioni negative sulla Cina manipolando l’ottica di quello scenario di cui sopra rispetto alla falsa insinuazione che la Repubblica popolare abbia “tradito” il Pakistan non sostenendolo durante un altro round di tensioni sul Kashmir è prima di tutto destinato a migliorare la posizione degli Stati Uniti agli occhi del pubblico al contrario.

Ciò ha lo scopo di renderli contemporaneamente più ricettivi alla crescente conformità del loro regime golpista post-moderno con le richieste strategiche regionali dell’America in parallelo con il sostegno artificiale della base per quegli stessi burattini con un falso pretesto patriottico. Per non far fraintendere o far girare l’intuizione precedente da forze ostili di guerra dell’informazione, non è implicito che il sostegno alla posizione di Islamabad sul conflitto del Kashmir non sia veramente una posizione patriottica per i pakistani. Piuttosto, ciò che viene trasmesso è che ci sono secondi fini per provocare una crisi su di esso.

Lo scenario uiguro/xinjiang

Quelli collegati alle richieste strategiche regionali dell’America includono il regime golpista post-moderno che chiude un occhio sulla coltivazione sostenuta dall’estero del sentimento anti-cinese nella società che arma le false percezioni sullo Xinjiang al fine di fabbricare artificialmente il sostegno della base per cambiare la posizione di Islamabad verso quella questione inesistente nel tempo. Lo scopo dietro a ciò è quello di indebolire i loro legami strategici in modo che gli Stati Uniti possano quindi assumere il controllo del CPEC e quindi porre l’economia pakistana interamente sotto il suo controllo egemonico, che perpetuerebbe indefinitamente la vassallatura di quel paese.

Lo scenario peggiore sarebbe che il regime golpista post-moderno sostenuto dagli Stati Uniti alla fine fornisca rifugio (e forse varie forme di sostegno) a forze che la Cina considera giustamente terroristi, anche se ciò sembra ancora lontano e può ancora essere compensato molto prima che accada. In ogni caso, il punto nel richiamare l’attenzione su questo è descrivere la sequenza di eventi che dovrebbero prima accadere, che molto probabilmente sarebbero legati alla manipolazione dell’ottica della Cina che rifiuta di sostenere il Pakistan nel caso in cui quest’ultimo violi unilateralmente il cessate il fuoco con l’India dopo essere stato incoraggiato dagli Stati Uniti.

Mantenere il colpo di stato post-moderno al potere

Il secondo obiettivo della guerra dell’informazione collegato all’ulteriore motivo dietro l’impostazione di tale scenario è quello di fabbricare artificialmente il sostegno di base al regime golpista post-moderno con un falso pretesto patriottico. L’ex primo ministro Khan è riuscito selvaggiamente a esporre i suoi sostituti come burattini americani agli occhi della maggior parte dei pakistani, il che spiega perché ha ispirato le più grandi proteste pacifiche nella storia del suo paese e poi ha portato il suo partito a una vittoria schiacciante nelle elezioni suppletive del Punjab. Anche se il regime golpista post-moderno lo imprigiona o lo uccide, Dio non voglia, il suo messaggio continuerà a vivere.

Ciò significa che la base socio-politica dell’influenza egemonica degli Stati Uniti sul suo vassallo pakistano appena restaurato rimarrà perennemente instabile, il che temono possa nel peggiore dei casi (dal loro punto di vista) alla fine rendere inevitabile una manifestazione moderna della rivoluzione anti-americana dell’Iran. Gli Stati Uniti potrebbero facilmente evitare questo ordinando ai loro burattini di tenere elezioni libere ed eque il prima possibile al fine di fungere da valvola di pressione democratica, anche se ciò riporterebbe al potere il loro leader estromesso, dopo di che libererebbe il Pakistan dal suo status di vassallo appena ripristinato.

L’ex primo ministro Khan non è anti-americano come i suoi nemici interni e internazionali lo hanno maliziosamente maltrattato, ma pro-pakistano, motivo per cui quasi certamente cercherebbe di replicare l’atto di equilibrio della vicina India nella Nuova Guerra Fredda coltivando contemporaneamente relazioni reciprocamente vantaggiose sia con il Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti che con il Sud globale guidato dai BRICS. Questo, tuttavia, è assolutamente inaccettabile per l’America dal momento che l’egemone unipolare in declino ha orchestrato il suo rovesciamento proprio a causa dei suoi grandi progetti strategici nella Nuova Guerra Fredda legati all’impedimento del multipolarismo.

Dalla “cerniera dell’Eurasia” alla “linea di faglia dell’Eurasia”

Gli Stati Uniti non rinunceranno mai volontariamente alla loro egemonia appena restaurata sul Pakistan poiché intendono sfruttare il loro tradizionale vassallo allo scopo di ostacolare l’emergente Ordine Mondiale Multipolare in Asia meridionale attraverso i mezzi che sono stati precedentemente spiegati. Va anche da sé che l’America aspira ad avere il suo burattino che destabilizza attivamente anche l’Afghanistan, il che danneggerebbe indirettamente gli interessi di sicurezza di tutte le parti interessate vicine responsabili e della Russia. Se il Pakistan alla fine ospita uiguri violenti, allora lo stato cardine globale potrebbe interrompere il multipolarismo a est, ovest e nord.

Questo è esattamente il risultato potenzialmente rivoluzionario che l’America vuole avanzare nella Nuova Guerra Fredda attraverso la sua “riconquista” del Pakistan e il conseguente grande riorientamento strategico che ha catalizzato nell’Asia meridionale. Lo scopo è quello di trasformare il suo ospite in una piattaforma unipolare armata per esportare la destabilizzazione in Asia meridionale, orientale, centrale e occidentale come “Linea di faglia dell’Eurasia” invece di lasciare che mantenga il ruolo multipolare positivo che ha precedentemente svolto nel riunire quelle regioni come la “cerniera dell’Eurasia” tramite CPEC + come spiegato nella tesi di dottorato dell’autore sulle relazioni russo-pakistane.

Offset di scenario

Per quanto terribile possa sembrare tutto questo, non è ancora inevitabile. “Il potere del popolo pakistano sconfiggerà il suo impopolare governo importato” se si terranno elezioni libere ed eque il prima possibile nella remota possibilità che i membri della scuola di pensiero multipolare all’interno dell’establishment pakistano convincano in un modo o nell’altro i loro più potenti pari filo-americani farlo per motivi patriottici. Dopotutto, il ritorno dell’ex primo ministro Khan al potere in quello scenario non porterebbe ad alcun risultato “anti-americano”, ma puramente filo-pakistano considerando la sua visione del mondo multipolare e le intenzioni di bilanciamento.

Anche nello scenario oscuro in cui viene imprigionato o ucciso, Dio non voglia, il suo messaggio vivrà ancora e ispirerà i suoi compatrioti a continuare la loro ricerca per liberare il Pakistan dalle catene del neo-imperialismo. Vietare il più grande movimento nella storia del loro paese dall’indipendenza, per non parlare di perseguitare i suoi milioni di membri o peggio Dio non voglia, indebolirebbe ulteriormente la già molto fragile base socio-politica su cui è costruita l’egemonia restaurata degli Stati Uniti. Ciò significa che il suo collasso è destinato al tempo, anche se non è chiaro se sarà pacifico e / o accadrà prima che vengano inflitti troppi danni regionali.

Pensieri conclusivi

Riflettendo su tutto ciò che è stato condiviso in questa analisi, non ci dovrebbe essere alcun dubbio che un grande riorientamento strategico è attivamente in corso in Asia meridionale. È stato catalizzato dalla “riconquista” del Pakistan da parte degli Stati Uniti in seguito al colpo di stato post-moderno che ha orchestrato e portato al suo livello successivo dal riavvicinamento cinese-indiano che alla fine si è verificato in risposta. Mentre resta da vedere se il Pakistan si trasformerà grottescamente dalla “cerniera dell’Eurasia” alla “linea di faglia dell’Eurasia” come si teme, questo scenario è ancora abbastanza credibile da preoccupare seriamente tutte le parti interessate.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi