La neutralità dell’India nel conflitto russo-ucraino potrebbe esporla a campagne disinformative degli USA

Andrew Korybko – 16/09/2022

Modi’s Peacenik Approach Towards Putin Aligns With India’s Principled Neutrality (substack.com)

Osservatori occasionali potrebbero aver interpretato il loro scambio come la tacita condanna dell’India dell’operazione militare speciale in corso della Russia in Ucraina, ma questo non è il modo corretto di guardarlo.

Il primo ministro indiano Modi ha detto al presidente Putin durante il loro incontro a margine del vertice SCO di quest’anno a Samarcanda: “So che l’era di oggi non è un’era di guerra, e vi ho parlato al telefono di questo”. Ciò ha spinto il suo partner a rispondere: “conosco la tua posizione sul conflitto in Ucraina e conosco le tue preoccupazioni. Vogliamo che tutto questo finisca il prima possibile”. Osservatori occasionali potrebbero aver interpretato il loro scambio come la tacita condanna dell’India dell’operazione militare speciale in corso della Russia in Ucraina, ma questo non è il modo corretto di guardarlo.

Dall’inizio dell’ultima fase provocata dagli Stati Uniti del conflitto ucraino, l’India ha praticato con orgoglio una politica di neutralità di principio e ha coraggiosamente respinto tutte le pressioni americane su di essa per rivoltarsi contro la Russia. Ciò è stato fatto in modo che lo stato-civiltà dell’Asia meridionale evitasse preventivamente la dipendenza potenzialmente sproporzionata del suo partner strategico dalla Cina come valvola da una pressione occidentale senza precedenti. Se Delhi non fosse intervenuta con la stessa decisione con cui è intervenuta, Mosca avrebbe potuto diventare il “partner minore” di Pechino, il che avrebbe costretto Delhi a diventare di Washington per “bilanciarla”.

Questo risultato rivoluzionario ha contribuito alla transizione sistemica globale verso il multipolarismo continuando la sua graduale evoluzione dalla bi-multipolarità alla tripolarità prima della sua forma finale di multipolarità più complessa (“multiplexity”). Nel corso di questi processi di cambiamento di paradigma a spettro completo nelle relazioni internazionali, l’India aspira a completare la sua ascesa come polo indipendente di influenza (prima in partnership congiunta con Russia e Iran prima di diventare uno a sé stante), dopo di che eserciterà un’enorme influenza sul Sud del mondo che spera di istituzionalizzare informalmente attraverso il Neo-NAM.

Per rimanere il più attraente possibile di un partner per il maggior numero possibile di paesi in via di sviluppo, è assolutamente imperativo che l’India proietti l’immagine di essere una Grande Potenza pacifica e responsabile che dà sempre la priorità alla stabilità internazionale. A tal fine, i suoi rappresentanti applicano sempre un approccio peacenik per questo scopo di soft power a lungo termine previsto. Con questo in mente, l’osservazione del leader indiano su come “l’era di oggi non è un’era di guerra” e le precedenti “preoccupazioni” che ha condiviso con il presidente Putin si allineano pienamente con la neutralità di principio del suo paese e gli obiettivi strategici più grandiosi.

Gli osservatori non dovrebbero dimenticare questa intuizione, dal momento che l’India rimarrà probabilmente sotto una qualche forma perpetua di pressione da parte del Golden Billion dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti come punizione per non essersi rivoltato contro la Russia e diventare così il loro “partner minore”. Anche se continuerà a bilanciarsi tra loro e il Sud globale guidato dai BRICS di cui fa parte, l’India deve aspettarsi che almeno una qualche forma di guerra dell’informazione di basso livello sarà condotta contro di essa al fine di manipolare le percezioni sulle sue politiche, in particolare la dimensione russa. Ricordando l’intuizione di questa analisi, tuttavia, i lettori possono evitare di essere ingannati.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi