Perché il presidente Putin ha minimizzato l’importanza del suo incontro con il presidente Xi?

Andrew Korybko – 18/09/2022 (traduzione automatica)

Why Did President Putin Downplay The Importance Of His Meeting With President Xi? (substack.com)

Il loro incontro è stato in realtà piuttosto importante, ma non nel modo in cui molti nella comunità Alt-Media si aspettavano né il giornalista che ha formulato la sua domanda al leader russo nel modo particolare in cui lo ha fatto concentrandosi sull’aspetto geostrategico dei loro legami.

Molti nella Comunità Alt-Media (AMC) si aspettavano che l’incontro del presidente Putin con la sua controparte cinese a margine del vertice SCO della scorsa settimana a Samarcanda avrebbe portato ad alcuni annunci drammatici considerando tutto ciò che è accaduto in tutto il mondo dall’ultima volta che si sono incontrati di persona all’inizio di febbraio. Le brevi osservazioni condivise da ciascun leader prima dei loro colloqui hanno riaffermato gli stretti legami di queste grandi potenze nella transizione sistemica globale verso il multipolarismo, il che ha ulteriormente sollevato speranze tra gli osservatori che potrebbero coordinare una cooperazione rivoluzionaria durante il loro tête-à-tête.

In effetti, anche uno dei giornalisti che ha posto una domanda al presidente Putin durante la sua conferenza stampa dopo il vertice si aspettava che il leader russo discutesse alcune questioni geostrategiche molto importanti con la sua controparte cinese. Ahimè, quel professionista dei media è rimasto deluso come lo sono stati molti nell’AMC quando hanno scoperto che non era così, con quei due invece che parlavano principalmente di questioni economiche. Ecco lo scambio completo tra il presidente Putin e quel giornalista, dopo di che seguirà una spiegazione sul perché ha minimizzato l’importanza del suo incontro con il presidente Xi (enfasi aggiunta):

“Domanda: Il suo più importante incontro bilaterale ha avuto luogo con il leader della Cina. Questo è stato un incontro molto importante, data l’atmosfera tesa in tutto il mondo, e il mondo intero lo stava seguendo. Quali sono i risultati più importanti dell’incontro?

Vladimir Putin: Per quanto strano possa sembrare, non c’era nulla di fondamentale importanza. Questo era in realtà un incontro di routine tra di noi. Non ci siamo incontrati di persona per un po ‘, dal mio viaggio a Pechino per l’apertura delle Olimpiadi, e abbiamo semplicemente dichiarato un aumento significativo del commercio bilaterale.

Il nostro commercio si è attestato a 140 miliardi di dollari l’anno scorso, come ho detto prima, e avevamo fissato l’obiettivo di raggiungere i 200 miliardi di dollari, ma lo consideravamo un compito a lungo termine. Si prevede che il commercio reciproco di quest’anno raggiungerà circa 180 o addirittura 190 miliardi di dollari, il che significa che l’obiettivo di 200 miliardi di dollari sta per essere raggiunto, e credo che questa sia la linea di fondo.

Abbiamo parlato di ulteriori sforzi necessari per espandere il commercio bilaterale e di ciò che deve essere fatto nelle condizioni attuali per resistere efficacemente alle restrizioni illegali e a tutti i tipi di guerre commerciali scatenate qua e là dai nostri cosiddetti partner commerciali, che applicano varie restrizioni illegittime.

Tuttavia, dobbiamo agire per rispondere in qualche modo a questo. Siamo consapevoli di ciò che sta accadendo.

Abbiamo anche parlato della necessità di espandere il commercio e gli insediamenti in valute nazionali, che stanno gradualmente aumentando – non così velocemente come vorremmo, ma ci sono comunque progressi. Abbiamo parlato di grandi progetti che stiamo implementando e abbiamo menzionato progetti infrastrutturali che ci consentirebbero di sbloccare i flussi di materie prime in crescita. Questi sono stati gli argomenti di discussione.

Ma abbiamo anche menzionato alcune questioni legate alla crisi e ne abbiamo parlato in modo amichevole ma di principio”.

Come si può vedere, il leader russo ha sottolineato che l’essenza della loro discussione riguardava la cooperazione economica, che coinvolgeva anche dimensioni più ampie come contrastare le sanzioni illegali del Miliardo d’oro. Questo in realtà si allinea con la strategia Asia-Pacifico del suo paese che ha riassunto nei suoi saluti ai partecipanti al Forum economico orientale di questo mese a Vladivostok. Il presidente Putin ha suggerito che creare, mantenere ed espandere complesse relazioni di interdipendenza economica (come quelle che la Russia ha con la Cina in questo contesto) è un prerequisito per costruire in modo sostenibile il multipolarismo.

Tuttavia, questo non vuol dire che i presidenti Putin e Xi non abbiano discusso di questioni geostrategiche da quando è iniziata l’operazione militare speciale , ma solo che questo probabilmente è già accaduto nelle loro precedenti conversazioni telefoniche nei mesi precedenti l’incontro di persona della scorsa settimana. Inoltre, le loro burocrazie militari, di intelligence e diplomatiche permanenti (“stato profondo”) cooperano strettamente su una vasta gamma di questioni. Pertanto, nessuno dei due leader ha sentito il bisogno di perdere tempo prezioso a rivedere in modo ridondante quelle questioni precedentemente concordate, scegliendo invece saggiamente di concentrarsi su quelle economiche pressanti.

Con questa intuizione in mente su come vengono realmente condotte le relazioni internazionali, coloro che avevano grandi aspettative che l’incontro tra i presidenti Putin e Xi sarebbe stato geostrategicamente rivoluzionario potrebbero aver bisogno di saperne di più sulle complessità di cui sopra. Tra quegli osservatori che hanno già familiarità con questo flusso di lavoro ma hanno ancora sbagliato, evidentemente hanno frainteso la sequenza di eventi che hanno portato ai loro ultimi discorsi di persona. Ciò potrebbe essere attribuibile al fatto che cadono sotto l’influenza dello stesso pio desiderio contro cui il leader russo ha messo in guardia all’inizio di questa estate.

Dopo aver chiarito perché il presidente Putin ha minimizzato l’importanza del suo incontro con il presidente Xi (che non era per le cosiddette ragioni degli “scacchi 5D” per “psicheggiare” chiunque come alcuni dei teorici della cospirazione letterale dell’AMC potrebbero immaginare come un meccanismo di coping), ciò non significa che non ne valesse ancora la pena. Al contrario, poiché l’espansione globale dei legami finanziari e commerciali russo-cinesi costituisce una delle basi geo-economiche dell’emergente Ordine mondiale multipolare e si allinea con la strategia Asia-Pacifico del presidente Putin, era imperativo per lui discutere i dettagli con il presidente Xi.

Considerando questo, il loro incontro è stato in realtà piuttosto importante, ma non nel modo in cui molti nell’AMC si aspettavano né il giornalista che ha formulato la sua domanda al leader russo nel modo particolare in cui lo ha fatto concentrandosi sull’aspetto geostrategico dei loro legami. Se questi ultimi avessero sottolineato l’importanza delle loro relazioni economiche per accelerare la transizione sistemica globale verso il multipolarismo, per non parlare della strategia Asia-Pacifico del presidente Putin che ha toccato all’inizio di questo mese, allora non ci sarebbe stata la necessità di minimizzare i loro colloqui per evitare false percezioni sulla loro sostanza.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi