Putin annuncia una mobilitazione parziale, assicura la sicurezza della Russia a livello nazionale

MOSCA, 21 settembre. /TASS/.

Putin annuncia una mobilitazione parziale, assicura la sicurezza della Russia nel discorso nazionale – Russian Politics & Diplomacy – TASS

Il presidente russo Vladimir Putin ha annunciato una mobilitazione parziale in un discorso televisivo alla nazione mercoledì, sottolineando le minacce all’esistenza del paese poste dall’Occidente e l’inevitabile natura dell’operazione militare speciale in Ucraina.

La linea del fronte allungata, il costante bombardamento delle aree di confine russe da parte dell’esercito ucraino e gli attacchi alle regioni liberate hanno richiesto la chiamata di militari dalla riserva, ha spiegato Putin.

La Russia chiamerà i riservisti che hanno già prestato servizio nell’esercito e organizzerà il loro addestramento. I riservisti e i volontari del Donbass avranno diritto alle stesse garanzie di cui godono i militari arruolati a contratto.

TASS ha messo insieme i momenti salienti del discorso di Putin trasmesso in diretta dai canali televisivi russi.

Mobilitazione parziale

La linea di combattimento si estende ora per oltre 1.000 km nell’operazione militare speciale in Ucraina, mentre gli attacchi terroristici da armi occidentali sono già stati consegnati contro le aree di confine russe. “La NATO sta conducendo ricognizioni in tutto il sud della Russia in tempo reale, utilizzando sistemi avanzati, aerei e navi, satelliti e droni strategici”.

Anche il ricatto nucleare ha iniziato a essere usato: “Ciò comporta non solo i bombardamenti incoraggiati dall’Occidente della centrale nucleare di Zaporozhye, che potrebbero innescare un disastro nucleare, ma anche le dichiarazioni dei rappresentanti dei principali paesi della NATO sulla possibilità e l’ammissibilità di utilizzare armi di distruzione di massa contro la Russia”.

Come proposto dallo Stato Maggiore russo e dal Ministero della Difesa, la Russia chiamerà una mobilitazione parziale e queste misure inizieranno già il 21 settembre.

La Russia chiamerà i riservisti, in primo luogo quelli che hanno prestato servizio nell’esercito. I cittadini mobilitati saranno sottoposti alla formazione richiesta e godranno delle stesse garanzie che vengono date al personale arruolato a contratto. Il governo russo e il Ministero della Difesa equipaggeranno le formazioni di volontari del Donbass ai militari russi nel loro status.

Le autorità russe risolveranno immediatamente anche tutte le questioni relative alla fornitura alle imprese dell’industria della difesa delle forniture e delle risorse finanziarie necessarie.

Operazione militare speciale come misura necessaria

“Dopo che l’attuale regime di Kiev ha respinto pubblicamente la soluzione pacifica al problema del Donbass e, per di più, ha annunciato le sue rivendicazioni sulle armi nucleari, è diventato assolutamente chiaro che una nuova offensiva su larga scala sul Donbass, come è avvenuto due volte in passato, era inevitabile. Dopo di che, sarebbe seguito un attacco alla Crimea russa, alla Russia”.

La risoluzione pacifica del conflitto in Ucraina che è continuata dal 2014 non è stata adatta all’Occidente ed è per questo che i compromessi raggiunti nei colloqui di Istanbul sono stati respinti e gli accordi sono stati interrotti “in realtà sotto un’istruzione diretta dei paesi occidentali”.

Le repubbliche del Donbass e le regioni ucraine liberate si sono rivolte alla Russia con la richiesta di sostenere i referendum e Mosca farà del suo meglio per garantire la sicurezza e la sicurezza per i residenti di quei territori per fare la loro scelta. “Sosterremo la decisione sul loro futuro che la maggioranza dei residenti delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk, delle regioni di Zaporozhye e Kherson prenderà”.

La Repubblica Popolare di Lugansk “è già stata praticamente completamente liberata dai neonazisti”. Le battaglie nella Repubblica popolare di Donetsk continuano e “lì il regime occupazionale di Kiev ha creato una linea profondamente stratificata di fortificazioni a lungo termine per otto anni”.

Le minacce dell’Occidente sono inammissibili

Ci sono state dichiarazioni nei paesi occidentali sulla necessità della disintegrazione della Federazione Russa, come nel caso dell’URSS nel 1991, “in una serie di regioni e aree fatalmente in guerra”. La Russia ha sempre fermato coloro che cercavano la supremazia mondiale e lo farà di nuovo ora.

La Russia adotterà anche misure urgenti per preservare la sua indipendenza. “Coloro che stanno tentando di ricattarci con armi nucleari devono essere consapevoli che i venti prevalenti possono anche volgersi dalla loro parte”.

“I cittadini russi devono essere fiduciosi: l’integrità territoriale della nostra Patria, la nostra indipendenza e libertà saranno garantite. Lo sottolineo ancora una volta: questo sarà assicurato da tutti i mezzi a nostra disposizione”.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi