Punti salienti del discorso di Lavrov alle Nazioni Unite

TASS, 25 settembre – (traduzione automatica)

Punti salienti del discorso di Lavrov: Ordine mondiale senza torcere le braccia e protezione delle Nazioni Unite – Politica e diplomazia russa – TASS

 

L’attuale crisi nel mondo segnala che l’egemonia degli Stati Uniti è giunta al termine e c’è la possibilità di passare a un ordine mondiale multipolare equo e democratico, ha detto sabato il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov al dibattito generale durante la 77a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite.

Secondo Lavrov, la situazione è stata innescata dalla politica a lungo termine dell’Occidente, ma questo può essere cambiato con l’assistenza delle Nazioni Unite.

TASS ha messo insieme i punti salienti del discorso di Lavrov al dibattito generale durante l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite.

Nuovo ordine mondiale

La situazione nell’area della sicurezza internazionale si sta rapidamente deteriorando e invece di un dialogo equo e di una ricerca di compromesso l’Occidente porta avanti palesi provocazioni, ha detto Lavrov.

Il mondo sta vivendo “un momento difficile e drammatico” in questo momento, ha sottolineato il massimo diplomatico russo. “La crisi sta crescendo. La situazione nel settore della sicurezza internazionale si sta rapidamente deteriorando. Invece di un dialogo equo e di una ricerca di compromessi, dobbiamo affrontare la disinformazione, la messa in scena palese e le provocazioni”. Tutte queste tendenze sono “in forma concentrata” viste nel lavoro delle Nazioni Unite.

In effetti, si sta decidendo una domanda sul futuro dell’ordine mondiale poiché il modello di servire l’Occidente come “il miliardo d’oro” a scapito delle risorse in Asia, Africa e America Latina sta diventando la cosa del passato. Il sistema subordinato a un’egemonia può essere sostituito da un multipolare “mondo democratico ed equo senza ricatti e intimidazioni di coloro che sono indesiderabili, senza neonazismo e neocolonialismo”. La Russia sta chiedendo questa opzione, ha sottolineato il ministro Lavrov.

Torcere le braccia e desiderare di smembrare la Russia

Tutte queste tendenze sono viste da Washington e dalle élite dominanti negli stati occidentali completamente subordinate ad essa come una minaccia. “

Gli Stati Uniti e l’Europa stanno cercando di preservare la loro “egemonia sfuggente” sostituendo la diplomazia con sanzioni contro forti concorrenti. Al fine di “prevenire punti di vista alternativi nelle discussioni multilaterali”, la procedura di rilascio dei visti per i diplomatici sta diventando complicata.

Nel frattempo, gli anni di impunita interferenza occidentale non hanno migliorato da nessuna parte la situazione dei diritti umani o del benessere. “Nominare un paese nei cui affari Washington è intervenuta con forza e dove la vita è migliore di conseguenza?” Ha chiesto Lavrov. Insieme ai loro alleati, gli Stati Uniti “torcono le braccia a chiunque osi pensare in modo indipendente” e chiedono di essere guidati solo dalla loro comprensione della democrazia. “Questa non è affatto democrazia. Questa è pura dittatura”.

In Occidente, “non sono più timidi nel dichiarare apertamente l’intenzione di < … > distruggere e smembrare la Russia”, in modo che “un’entità geopolitica troppo indipendente” scompaia dalla mappa del mondo.

Gli Stati Uniti hanno cercato di trasformare l’intero globo nei loro “cortili”, compreso lo spazio asiatico, usando sanzioni in violazione della Carta delle Nazioni Unite e ricatti politici. Gli stati occidentali stanno “giocando con il fuoco” intorno a Taiwan, promettendo di fornirle assistenza militare. Tutto ciò richiede misure adottate dal Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres.

Il capo delle Nazioni Unite deve anche agire per quanto riguarda la crisi alimentare ed energetica scatenata dall’Occidente. È scoppiato “a causa delle emissioni monetarie incontrollate negli Stati Uniti e nell’UE durante la pandemia e delle azioni irresponsabili dell’Unione europea sui mercati degli idrocarburi”, solo esacerbato dalla guerra economica dichiarata dall’Occidente alla Russia. “Il risultato è l’aumento dei prezzi mondiali di cibo, fertilizzanti, petrolio e gas”. Nonostante tutte le dichiarazioni, “gli ostacoli finanziari e logistici per l’esportazione russa di cereali e fertilizzanti” non sono stati rimossi mentre i prodotti alimentari ucraini non vengono inviati agli stati più poveri. Mosca si offre di consegnare oltre 300.000 tonnellate di fertilizzanti russi detenuti nei porti europei “gratuitamente a quegli Stati africani bisognosi, ma l’UE non sta reagendo”.

L’ONU ha bisogno di protezione

Lavrov ha invitato gli Stati del mondo ad aderire al Gruppo di Amici in Difesa della Carta delle Nazioni Unite al fine di confermare “in modo inequivocabile e senza riserve” il loro impegno nei confronti del documento.

“L’ONU non è stata creata per portare l’umanità in paradiso, ma piuttosto per salvare l’umanità dall’inferno. Queste sono parole molto attuali. Ci chiedono di comprendere la nostra responsabilità individuale e collettiva nel creare le condizioni per uno sviluppo pacifico e armonioso per le nostre generazioni future, e tutti devono mostrare volontà politica per questo”, ha detto il massimo diplomatico russo.

Potenziale espansione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

La Russia individua l’India e il Brasile come candidati degni per i membri permanenti del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite con la rappresentanza obbligatoria dell’Africa, ha detto Lavrov.

“Non possiamo che essere preoccupati per gli sforzi di alcuni paesi per minare i poteri del Consiglio di sicurezza [delle Nazioni Unite]. Senza dubbio, il Consiglio e l’ONU nel suo insieme dovrebbero essere adattati alle realtà odierne. Possiamo vedere prospettive per la democratizzazione delle attività delle Nazioni Unite esclusivamente attraverso una più ampia rappresentanza dei paesi africani, asiatici e latinoamericani. Individuiamo l’India e il Brasile come attori internazionali chiave e candidati degni per i membri permanenti del Consiglio, con mosse parallele obbligatorie per aumentare il profilo dell’Africa “, ha insistito Lavrov.

“Una delle conseguenze della crociata contro coloro che sono indesiderabili dichiarati dall’Occidente è l’approfondimento del decadimento delle istituzioni multilaterali, che gli Stati Uniti e i loro alleati stanno trasformando negli strumenti per soddisfare i loro interessi acquisiti. Questa linea è imposta all’ONU, al suo Consiglio per i diritti umani, all’UNESCO e ad altri organismi multilaterali”, ha affermato.

Operazione speciale innescata dall’Occidente

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina è stata lanciata perché l’Occidente non era stato in grado di venire a patti. Mosca era aperta all’insediamento in Ucraina e “su richiesta degli Stati Uniti e dell’UE” ha onorato l’accordo tra le autorità e l’opposizione a Kiev nel 2014. Tuttavia, questi accordi sono stati calpestati dai leader del sanguinoso colpo di stato che hanno umiliato i mediatori europei con l’Occidente che monitorava in silenzio mentre la giunta [golpista]  iniziava a bombardare l’Ucraina orientale.

La Russia non ha intenzione di sopportare il corso di Kiev verso “il divieto della lingua russa, dell’istruzione, dei mass media e della cultura russa, così come le richieste di espellere i russi dalla Crimea e dichiarare guerra al Donbass”. Mosca ha contribuito a firmare gli accordi di Minsk approvati dal Consiglio di sicurezza dell’Onu, ma questo pacchetto di misure “è stato sepolto da Kiev con il ruolo diretto degli Stati Uniti e dell’UE”.

Pur anticipando la crisi, Mosca per molti anni ha chiesto di concordare le regole della convivenza in Europa, ma le sue proposte, tra cui l’ultima nel dicembre 2021, “sono state respinte in modo arrogante”. La NATO ha creato minacce alla sicurezza per la Russia in Ucraina e Mosca ha avviato azioni “al fine di adempiere ai trattati di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca” con le repubbliche del Donbass in conformità con l’articolo 51 della Carta delle Nazioni Unite, ha detto Lavrov.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi