Vendetta in Ucraina: iniziata la caccia a chi ha partecipato all’organizzazione dei referendum

KYIV, 28 settembre. /TASS/.

Украина начала разыскивать граждан, принявших участие в организации референдумов (tass.ru)

 

Il Ministero degli Affari Esteri dell’Ucraina ha dichiarato che le autorità competenti hanno già iniziato a cercare gli ucraini che hanno preso parte all’organizzazione di referendum nei territori non controllati da Kiev.

“Tutti i cittadini ucraini che hanno preso parte all’organizzazione di questa azione < … > sarà punito equamente in conformità con le norme del codice penale dell’Ucraina. Le autorità competenti dell’Ucraina stanno già adottando misure per cercarli e consegnarli alla giustizia”, si legge nella dichiarazione pubblicata mercoledì sul sito web del ministero degli Esteri ucraino.

In precedenza, il vice primo ministro, ministro per la reintegrazione dei territori incontrollati dell’Ucraina Iryna Vereshchuk ha dichiarato che gli organizzatori dei referendum rischiano da 5 a 10 anni di carcere con confisca di proprietà. Sono inoltre privati del diritto di ricoprire determinate posizioni per un massimo di 15 anni. Inoltre, Vereshchuk ha ammesso che le azioni dei cittadini che hanno preso parte al referendum possono rientrare nell’articolo “Invasione dell’integrità territoriale e dell’inviolabilità dell’Ucraina”, e quindi rischiano fino a cinque anni di carcere.

Dal 23 al 27 settembre si sono tenuti referendum nella DPR e nella LPR, così come nella regione di Kherson e nei territori liberati della regione di Zaporizhzhya sull’ingresso di queste regioni in Russia come sudditi della Federazione Russa. In tutte queste regioni, la stragrande maggioranza degli elettori ha votato a favore dell’adesione alla Federazione Russa.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi