Il manifesto rivoluzionario di Vladimir Putin cambierà per sempre la politica globale

Andrew Korybko – 01/10/2022 (traduzione automatica)

Vladimir Putin’s Revolutionary Manifesto Will Forever Change Global Politics (substack.com)

Il presidente Putin sta assumendo il mantello di Lenin nelle moderne condizioni internazionali senza alcun programma ideologico se non la promozione del multipolarismo, della sovranità e dei valori tradizionali.

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto un discorso dettagliato (qui in italiano)venerdì pomeriggio mentre incorporava formalmente quattro regioni precedentemente ucraine nella Federazione Russa, il che equivaleva a un manifesto rivoluzionario che cambierà per sempre la politica globale. Ha iniziato difendendo l’ultima mossa politica del suo paese sulla base del diritto all’autodeterminazione della Carta delle Nazioni Unite, che il leader russo ha detto essere innegabilmente espresso in modo democratico da milioni di persone nell’ultima settimana.

Ha poi sottolineato le intenzioni pacifiche del suo paese chiedendo a Kiev di accettare immediatamente un cessate il fuoco e tornare ai negoziati, ma il presidente Putin ha aggiunto che Mosca non discuterà lo status di quelle quattro regioni che sono state appena incorporate nella Federazione Russa. A questo proposito, ha promesso di proteggere il loro popolo con tutti i mezzi a sua disposizione, il che conferma il possibile uso di armi nucleari per autodifesa come ultima risorsa assoluta, se necessario.

È stato a questo punto che il presidente Putin ha iniziato il suo manifesto rivoluzionario spiegando lo stato attuale delle relazioni internazionali. A suo avviso, l’élite occidentale si è strappata le maschere e ha mostrato il suo vero volto imperialista. Vogliono saccheggiare e distruggere tutti quei paesi che non possono controllare, compresa la Russia, nel corso delle loro guerre ibride aggressive e non provocate contro di loro. Tutti i paesi che praticano politiche indipendenti e sovrane sono presi di mira, compresi gli alleati degli Stati Uniti a volte.

L’Occidente Collettivo, come lo descrisse, ha la volontà di dominare. Vuole colonie, non libertà per tutti, saccheggio invece di partnership, e schiavi invece di cittadini. Il cosiddetto “ordine basato sulle regole” non è altro che ipocriti doppi standard che nessun altro ha accettato, il che è dimostrato dal fatto che sono a sostegno dell’indivisibilità dei confini ogni volta che gli conviene come nel caso degli ultimi referendum, ma contro di esso ogni volta che avanza i loro interessi in un’allusione alla Serbia e al Kosovo.

Le ambizioni dell’apartheid sono ciò che guida questi due pesi e due misure, ha concluso il presidente Putin, che ha aggiunto non è altro che l’imperialismo e il parassitismo in cui l’Occidente ruba a tutti gli altri. Non si pentiranno per i loro precedenti crimini di colonialismo e genocidio, ma invece accuseranno coloro che si difendono da questo e altro ancora. Le crisi globali del cibo e dei carburanti sono state causate dalle loro stesse politiche, ha affermato, ma non vogliono risolverle ma sfruttarle.

La causa della “deterrenza” che il leader russo ha detto essere inclusa praticamente in ogni documento di sicurezza occidentale al giorno d’oggi non è altro che un eufemismo per minare lo sviluppo di ogni centro di potere indipendente e sovrano nell’emergente ordine mondiale multipolare. La Russia, tuttavia, è sempre falsamente incolpata per tutto ciò che va storto nel mondo, anche se è colpa dell’Occidente Collettivo e in particolare delle loro élite canaglia.

Il presidente Putin ha poi richiamato l’attenzione sul modello storico di queste stesse élite che usano la guerra – sia convenzionale che ibrida – per risolvere temporaneamente i propri problemi. L’economia statunitense si riprese dalla Grande Depressione grazie ai profitti che ottenne dalla seconda guerra mondiale, mentre la crisi del 1980 fu risolta saccheggiando l’URSS mentre crollava e soprattutto dopo. Il leader russo ha minacciosamente avvertito che per il futuro potrebbero essere pianificati complotti parassiti e globalmente destabilizzanti più simili.

Il mondo intero viene privato del diritto di scegliere il proprio stile di vita mentre l’Occidente Collettivo impone il suo modello radicale a tutti gli altri a scapito delle concezioni tradizionali della famiglia e dei valori. Esempi di questo sono incarnati dalla cosiddetta “ideologia di genere”, che rimuove i riferimenti al genere dei genitori e insegna persino ai bambini delle scuole elementari ciò che il presidente Putin ha descritto come valutatori degradati e perversi che portano all’estinzione. Per questo motivo, li accusa di sostenere il “puro satanismo”.

Il leader russo ha anche fatto riferimento a Gesù, che ha detto che i falsi profeti saranno riconosciuti dal frutto velenoso che portano, che ha detto che tutti – compresi molti in Occidente stesso – si stanno rendendo conto. I centri di potere emergenti che rappresentano la maggioranza dell’umanità e che difendono i loro interessi come stati indipendenti definiranno il futuro delle relazioni internazionali, ha detto, ed è per questo futuro che la Russia sta combattendo. È inevitabile, ha detto, che l’egemonia occidentale sarà spezzata.

La storia ha chiamato la Russia a svolgere questo ruolo esattamente come ha fatto molte volte in passato nel fermare tutti coloro che aspirano al dominio globale, ha proclamato il presidente Putin. Ha promesso che la sua civiltà millenaria salverà i bambini dalla schiavitù e dagli esperimenti volti a mutilare le loro anime. La Russia non sarà mai cancellata, ma diventerà più forte consolidandosi sulla base di valori universali. Con la storia dalla sua parte, la Russia e il mondo intero vinceranno mentre l’élite occidentale perderà.

Analizzando brevemente il suo manifesto rivoluzionario, è chiaro che la Russia ora si considera il leader delle forze antimperialiste del mondo che si oppongono congiuntamente all’Occidente Collettivo e alla sua élite canaglia. Non c’è più alcun dubbio che una Nuova Guerra Fredda sia tra tutti e che questo cambierà la politica globale. Il presidente Putin sta assumendo il mantello di Lenin nelle moderne condizioni internazionali senza alcun programma ideologico se non la promozione del multipolarismo, della sovranità e dei valori tradizionali.

A differenza dell’ex Unione Sovietica, tuttavia, il presidente Putin non si aspetta che la Federazione Russa crolli mai. Al contrario, continua ad espandere il suo territorio, come dimostra l’incorporazione di venerdì pomeriggio di quattro regioni precedentemente ucraine, anche se nessun membro della comunità internazionale deve ancora riconoscerlo. Difendendo unilateralmente i suoi interessi come la sua leadership li intende sinceramente indipendentemente dalle controversie, la Russia ha solo catalizzato cambiamenti globali irreversibili.

Putin: “Una sfida per tutti” – Discorso integrale

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi