NATO e USA fanno marcia indietro (per ora) dopo la riunificazione della Novorossiya con la Russia

Andrew Korybko – 30/09/2022 (traduzione automatica)

Biden & Stoltenberg Back Down (For Now) After Novorossiya’s Reunification With Russia (substack.com)

Mentre entrambi hanno raddoppiato il loro sostegno ai confini pre-2014 di Kiev, che includono la Crimea e le altre quattro ex regioni che si sono appena unite alla Russia, nessuno dei due è arrivato al punto di accettare la domanda di adesione di Zelensky alla NATO che ha presentato all’inizio di quel giorno. Visto da una prospettiva a somma zero, che certamente non è sempre il modo più accurato per valutare qualcosa, questo risultato serve gli interessi geostrategici russi.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg hanno entrambi fatto marcia indietro, almeno per ora, dopo la riunificazione della Novorossiya con la Russia venerdì. Il primo ha semplicemente rilasciato una dichiarazione, promulgato più sanzioni e si è impegnato a sostenere l’Ucraina per tutto il tempo necessario, mentre il secondo ha tenuto una breve conferenza stampa in cui ha ribadito il punto che il leader americano ha fatto diverse ore prima di mantenere la rotta in questo conflitto. Mentre entrambi hanno raddoppiato il loro sostegno ai confini pre-2014 di Kiev, che includono la Crimea e le altre quattro ex regioni che si sono appena unite alla Russia, nessuno dei due è arrivato al punto di accettare la domanda di adesione di Zelensky alla NATO che ha presentato all’inizio di quel giorno.

Lo scenario di escalation di cui era stato precedentemente avvertito rispetto alla NATO incoraggiando la sua forza per procura in quella fatiscente ex Repubblica sovietica a lanciare una schiacciante invasione convenzionale dei territori con cui la Russia si è appena riunificata e quindi potenzialmente spingendo il presidente Putin ad autorizzare l’uso di armi nucleari tattiche in autodifesa come ultima risorsa assoluta rimane ancora sul tavolo. Detto questo, la Russia non ha lanciato una campagna “shock and awe” per preventivamente fermare questo, con il presidente Putin che ha invece chiesto a Kiev di attuare immediatamente un cessate il fuoco e tornare ai colloqui di pace il prima possibile (anche se in particolare aggiungendo che lo status delle sue quattro ex regioni non sarà discusso).

In una certa misura e per il momento, si può dire che sia la Russia che la NATO stanno agendo con molta cautela al fine di evitare di innescare inavvertitamente un conflitto più ampio con errori di calcolo. Al contrario, Zelensky sta apertamente cercando di realizzare lo scenario peggiore tentando ufficialmente di aderire alla NATO. Il leader ucraino si sente chiaramente come se la sua schiena fosse contro il muro da quando la sua controparte russa ha appena creato una nuova realtà geopolitica che è già di fatto riconosciuta in tutto il mondo. Potrebbe non rimanere tale se gli Stati Uniti gli ordinassero di invadere i territori perduti della sua parte, ma rappresenta comunque il nuovo status quo.

Più a lungo regge, maggiore sarà la capacità difensiva della Russia considerando la sua mobilitazione parziale in corso. È vero che le capacità offensive di Kiev cresceranno anche in parallelo a causa dell’impegno degli Stati Uniti e della NATO a sostenerla per tutto il tempo necessario, ma salvo sviluppi inaspettati come il lancio di una schiacciante invasione convenzionale come è stata descritta sopra, questo stato di cose potrebbe portare a una sorta di stallo che rafforza ulteriormente la nuova realtà geopolitica che gli ultimi referendum hanno appena provocato. Visto da una prospettiva a somma zero, che certamente non è sempre il modo più accurato per valutare qualcosa, questo risultato servirebbe gli interessi geostrategici russi.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi