“Biden deve sapere che sta perdendo la testa”

Bill Rice, Jr. – 29/09/2022 (traduzione automatica)

Biden must know he’s losing his mind – by Bill Rice, Jr. (substack.com)

 

Normalmente provo grande simpatia per qualsiasi persona che combatte la terribile malattia della demenza. Tuttavia, nel caso del presidente Biden il sentimento che sento è più vicino al disgusto.

[…]

il migliore esempio che dimostra la mia congettura si è verificata quando gli assistenti della Casa Bianca hanno vestito un volontario come il coniglietto pasquale e hanno detto che Easter Bunny ha svolto il suo compito assegnato di tenere il nostro presidente lontano dai giornalisti e dai cacciatori di uova di Pasqua.

Ciò che mi ha motivato a scrivere questo articolo è il momento in cui il presidente Biden, nella giornata di ieri, ha chiesto se una persona del Congresso deceduta fosse nella stanza.

Abbiamo tutti conosciuto persone che stanno ovviamente perdendo la loro acutezza mentale. Conosco diversi amici che stanno lottando con questa condizione in questo momento. (In effetti, mi chiedo se questa “nebbia del cervello”, almeno in alcune persone, potrebbe essere una reazione avversa ai “vaccini” Covid.)

Indipendentemente dalla causa, la maggior parte delle persone che attraversano questa problema in realtà lo ammettono, sia a se stessi che agli altri. Quando le persone iniziano a soffrire di questa condizione, hanno molti momenti in cui il loro cervello funziona così come sempre. Ho avuto persone (tutte in pensione tra l’altro) che mi hanno confidato: “Bill, sto perdendo la testa”.

Quindi non ho dubbi che il presidente Biden sappia cosa gli sta succedendo.

Il mio punto principale è che qualsiasi persona con un briciolo di carattere genuino riconoscerebbe ciò che gli sta accadendo, e per il bene del paese che dovrebbe guidare, farsi da parte. In assenza di ciò, si spera che le persone che amano e si preoccupano di questa persona lo convincano a farlo.

Ma queste non sono le persone che stanno “guidando” il nostro paese. Invece, sono il tipo di persone che si preoccupano solo della loro posizione, status e potere e non hanno scrupoli di sorta a partecipare a una cospirazione per coprire la verità. (Una possibilità ancora più sinistra è che i poteri che stanno dietro le quinte in realtà amano il fatto di avere un burattino così facile da controllare.)

Il vero scandalo (lo stesso vecchio) …

La cospirazione per ignorare l’evidente demenza di Biden è grande quasi quanto la cospirazione per nascondere il fatto che i “vaccini” sono pericolosi e inefficaci. Certamente ogni giornalista che copre il presidente e la Casa Bianca conosce la sua condizione. Ma proprio come tutte le verità Covid “off-limits”, è tabù menzionare che l’imperatore non ha cervello.

Probabilmente tutti abbiamo conosciuto una persona cara che aveva la demenza. Sapendo questo, sappiamo tutti che questa condizione non migliora mai. Peggiora, spesso in modo rapido. Quindi ad un certo punto, si presume, un “adulto nella stanza” prenderà da parte il presidente Biden e lo convincerà che deve dimettersi.

Quando questo accadrà, la stampa dovrà riportare il vero motivo per cui il nostro presidente ha deciso di uscire tardivamente dalla scena politica a sinistra… probabilmente dopo aver prima vagato verso il palco destro, cosa che – brutto scherzo o meno – è effettivamente accaduto più volte.

Non vedo l’ora che arrivi questo giorno, se non altro per vedere come la stampa reagirà dopo aver nascosto questa storia per anni. (“Il nostro presidente soffre di demenza” è, infatti, una storia). Quando arriverà questo giorno, spero che più di qualche americano faccia una domanda ai nostri giornalisti in cerca di verità: perché non hai svelato questa storia? E poi una domanda ancora più importante: quali altre storie importanti ti sei rifiutato di indagare e riferire?

A dire il vero, la storia non riportata di Biden sofferente di demenza si lega a tutte le altre storie non rivelate. Il vero scandalo è che l’America è “servita” da una stampa controllata che apparentemente esiste per nascondere veri scandali, specialmente quando coinvolgono politici e leader nella “loro squadra”.

La storia della demenza di Biden probabilmente ci dà anche una ragione per cui la stampa non esporrà mai tutti gli scandali e le bugie del Covid. Se la stampa mainstream lo riportasse tardivamente, ammetterebbe di aver nascosto o ignorato una storia di enorme importanza per anni. Non accadrà.

Prevedo che il presidente Biden si dimetterà prima della fine del suo mandato. Ma questa è probabilmente un’ipotesi ingenua. (Una volta ho anche pensato che se e quando i “vaccini” si fossero dimostrati inefficaci nel prevenire l’infezione o la diffusione, il nostro governo non avrebbe potuto assolutamente imporre un vaccino sperimentale).

La mia nuova massima è che ciò che non dovrebbe accadere … accadrà (e viceversa). Quindi è molto probabile che il presidente Biden sarà ancora presidente nel gennaio 2025. A quel punto, non riesco a immaginare lo stress post-traumatico dei gestori della Casa Bianca che hanno ottenuto “Bernie” non attraverso un fine settimana, ma 208 fine settimana.

Ogni giorno includerà più “gaffe” presidenziali, gaffe che una volta avrebbero potuto fornire alla nazione il tanto necessario sollievo comico, ma ora non sono più divertenti.

In realtà mi sembra crudele che così tante persone che apparentemente si preoccupano del presidente Biden non facciano nulla per aiutarlo. È anche un malaffare o un’abdicazione di qualche dovere morale o etico che queste persone permettano a un uomo che potrebbe iniziare una guerra nucleare di rimanere in carica.

Un giorno qualcuno scriverà alla Casa Bianca di tutti i tell-all e il pubblico imparerà tardivamente quanto fosse grave la condizione cognitiva del presidente Biden. Fino a quel giorno, continueremo a vivere nel mondo surreale raffigurato nel classico cult di Peter Sellers “Being There”.

In quel film, il giardiniere dalla mente semplice non era ancora stato eletto presidente. Quindi l’America ci è arrivata.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi