“Gli USA ribadiscono il loro status di partecipante al conflitto ucraino concedendo a Kiev più armi”

WASHINGTON, 11 ottobre. /TASS/.

Gli Stati Uniti ribadiscono il loro status di partecipante al conflitto ucraino concedendo a Kiev più armi – Russian Politics & Diplomacy – TASS

 

Le dichiarazioni recentemente annunciate da Washington sulla disponibilità a fornire all’Ucraina “ulteriori forniture di prodotti militari, compresi gli ultimi modelli” dimostrano che gli Stati Uniti fanno parte del conflitto, ha dichiarato l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Anatoly Antonov.

“La decisione della Russia di colpire con armi a guida di precisione nelle infrastrutture in Ucraina è stata una risposta agli atti terroristici commessi nel nostro paese”, ha affermato Antonov. “La responsabilità per loro è interamente del regime di Kiev”.

Il presidente russo Vladimir Putin ha detto in una riunione urgente del Consiglio di sicurezza lunedì che un massiccio attacco è stato inflitto alle strutture ucraine di energia, comando militare e comunicazione e ha avvertito Kiev che se l’Ucraina avesse cercato di continuare gli attacchi terroristici in Russia, avrebbero ricevuto una risposta dura.

“Non ci aspettavamo nessun’altra reazione da parte dell’amministrazione [statunitense]”, ha sottolineato Antonov. “Tuttavia, percepiamo le dichiarazioni della leadership statunitense sulla loro intenzione di sostenere Zelensky con ulteriori forniture di prodotti militari, compresi gli ultimi modelli, come un’altra prova che Washington si è assicurata il proprio status di partecipante al conflitto”.

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha tenuto una conversazione telefonica con il presidente ucraino Vladimir Zelensky lunedì. Biden ha assicurato al leader ucraino che Washington continuerà a fornire a Kiev l’aiuto militare.

“Tale assistenza, oltre a fornire a Kiev intelligence, istruttori e linee guida di combattimento, porta a un’ulteriore escalation e aumenta i rischi di uno scontro tra Russia e NATO”, ha osservato il diplomatico russo. “Per non parlare delle forze ucraine che usano ripetutamente armi occidentali per colpire infrastrutture civili ed edifici residenziali”.

“Chiediamo agli Stati Uniti e ai loro alleati di non attraversare le ‘linee rosse’ a cui si sono avvicinati. Smettetela di rifornire il regime di Kiev con armi letali. Porterà solo a nuove vittime e distruzione, oltre a prolungare ulteriormente il conflitto”, ha aggiunto l’ambasciatore russo negli Stati Uniti Antonov.

La mattina dell’8 ottobre, un camion è esploso sul ponte di Crimea, facendo crollare due parti in direzione est della sua sezione stradale e successivamente dando fuoco a un treno di serbatoi di carburante su una porzione ferroviaria separata e adiacente del ponte.

Come risultato dell’esplosione, tre persone sono state uccise. Una commissione governativa presieduta dal vice primo ministro russo Marat Khusnullin è stata istituita dopo l’incidente. Il traffico ferroviario è stato ripristinato sul ponte, che è stato anche in parte riaperto per autobus e automobili.

L’operazione militare speciale della Russia in Ucraina

La situazione lungo la linea di impegno nel Donbass si è intensificata il 17 febbraio. A quel tempo, le Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk (DPR e LPR) riportarono la peggiore ondata di bombardamenti da parte dell’esercito ucraino, che danneggiò le infrastrutture civili e causò vittime civili.

Il 21 febbraio, il presidente Vladimir Putin ha annunciato che Mosca avrebbe riconosciuto la sovranità delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. La Russia ha firmato accordi di amicizia, cooperazione e assistenza reciproca con i loro leader. Mosca ha riconosciuto la repubblica del Donbass in conformità con le costituzioni DPR e LPR all’interno dei confini delle regioni di Donetsk e Lugansk a partire dall’inizio del 2014.

Il presidente russo Putin ha annunciato il 24 febbraio che in risposta a una richiesta di assistenza da parte dei capi della repubblica del Donbass aveva deciso di effettuare un’operazione militare speciale in Ucraina. Il leader russo ha sottolineato che Mosca non aveva intenzione di occupare i territori ucraini, osservando che l’operazione era finalizzata alla denazificazione e alla smilitarizzazione dell’Ucraina.

La DPR e la LPR lanciarono un’operazione per liberare i loro territori sotto il controllo di Kiev.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi