L’ultimo round di disordini ciadiani pone la più grande sfida alla “sfera di influenza” della Francia

Andrew Korybko – 21/10/2022 (traduzione automatica)

The Latest Round Of Chadian Unrest Poses The Greatest Challenge To France’s “Sphere Of Influence” (substack.com)

La caduta della giunta militare del Ciad, sostenuta dalla Francia, sarebbe un evento spartiacque non solo per la sua regione, ma per l’intero continente nel suo complesso. In effetti, potrebbe anche infliggere un colpo mortale al concetto egemonico neo-imperiale di “Françafrique”.

La Francia sta rapidamente perdendo il controllo della sua auto-dichiarata e condiscendente “sfera di influenza” nella cosiddetta “Françafrique” come risultato della sollevazione pacifica del suo popolo contro questa declinante egemonia neo-coloniale. Nemmeno la sua infowar contro la Russia in tutta l’Africa che Axios ha appena esposto può fermare questa tendenza geostrategica, che è guidata dalla rinascita del pensiero antimperialista e panafricano, influenzato in larga misura dall’orgoglioso esempio dell’Etiopia e dal manifesto rivoluzionario globale del presidente Putin.

Lo sviluppo più recente di importanza riguarda l’ultimo round di disordini ciadiani guidati dal malcontento del suo popolo per il rifiuto della giunta militare sostenuta dalla Francia di completare la transizione democratica promessa secondo il calendario precedente. Invece, un artificiale “dialogo di riconciliazione nazionale” che persino Voice of America ha ammesso essere stato “boicottato dalla maggior parte dei membri dell’opposizione, due dei tre gruppi ribelli armati chiave e dalle organizzazioni della società civile” è stato sfruttato per ritardarlo.

Decine di persone sono state uccise dopo che le forze armate hanno aperto il fuoco sui manifestanti, l’ultimo dei quali ha anche lasciato intendere che l’America e la Francia erano dietro la decisione antidemocratica della giunta. Washington ha risposto condannando l’attacco mortale fuori dalla sua ambasciata a N’Djamena, mentre Parigi ha affermato che “non ha alcun ruolo” negli eventi, che ha descritto come “strettamente legati alla politica interna del Ciad”. Il nocciolo della questione, tuttavia, è che entrambi i membri del Golden Billion occidentale sostengono fermamente la giunta militare.

Gli Stati Uniti e la Francia – che cooperano ma a volte competono anche tra loro nell’imporre le strutture antidemocratiche, neocoloniali e di estrazione di ricchezza del loro blocco della Nuova Guerra Fredda in tutta l’Africa – considerano il Ciad come forse il loro più potente proxy nel continente. Le sue forze armate si sono guadagnate la reputazione di essere tra le più efficaci in questa parte del Sud del mondo dopo essere intervenute militarmente in tutta l’Africa centro-occidentale nel corso degli anni, incluso in Mali come parte della campagna francese lì.

Sono fondamentalmente le “pistole noleggiate” del Golden Billion per imporre le strutture egemoniche di quel blocco sopra menzionate in questo spazio geostrategico, motivo per cui l’ultima crisi interna della loro giunta è di tale importanza per tutti a cui prestare attenzione. Ho citato tre precedenti analisi di fondo sul Ciad nel mio pezzo della primavera 2021 che può essere letto qui, che è stato pubblicato dopo che il suo leader di lunga data è stato ucciso sul campo di battaglia per mano dei ribelli. I lettori dovrebbero rivederli per una comprensione più profonda.

Quel fedele procuratore occidentale è stato rapidamente sostituito da suo figlio, che ora funge da volto del cosiddetto “governo di transizione”. Un anno fa, nel settembre 2021, il suo governo si è posizionato per guidare la carica contro le incursioni della Russia in “Françafrique” dopo aver contribuito alla campagna di disinformazione allarmistica del Golden Billion sul presunto ruolo destabilizzante della Russia nella vicina Repubblica Centrafricana (CAR).

N’Djamena ha anche votato in modo affidabile con Washington e Parigi contro Mosca tutte e tre le volte alle Nazioni Unite dall’inizio dell’operazione speciale della Russia in Ucraina, dimostrando così il suo impegno nei confronti dei due attori più potenti del Golden Billion per imporre l’egemonia di quel blocco in tutta l’Africa. Per queste ragioni, la caduta della sua giunta sostenuta dall’estero sarebbe un evento spartiacque non solo per la sua regione, ma per l’intero continente nel suo complesso. In effetti, potrebbe alla fine infliggere un colpo mortale al concetto stesso di “Françafrique”.

Senza i suoi “cannoni noleggiati” su cui fare affidamento né basi aeree da cui bombardare le regioni dell’Africa centro-occidentale, la Francia sarebbe praticamente in grado di contare sulla sua presenza nel vicino Niger solo dopo essere stata cacciata dalla Repubblica Centrafricana, dal Mali e forse presto anche dal Burkina Faso. L’ultimo dei quali ha appena sperimentato un colpo di stato militare multipolare che è stato sostenuto con entusiasmo dalle masse proprio come il vicino Mali, il che significa che uno scenario simile non può essere completamente escluso nemmeno in Ciad.

Per essere chiari, le probabilità che ciò accada rimangono scarse dal momento che l’influenza francese è così profondamente radicata nelle forze armate di quel leader regionale, ma si pensava anche che fosse profondamente radicata anche in Mali e Burkina Faso. Il primo menzionato, tuttavia, ha dimostrato di essere un pioniere africano nel guidare quella che potrebbe essere la tendenza più ampia dei colpi di stato militari multipolari, che fa venire i brividi lungo la spina dorsale neocoloniale della Francia poiché significa che ora deve guardare tutti i suoi delegati con sospetto.

A differenza della Repubblica Centrafricana, del Mali e del Burkina Faso, dove la Francia era fondamentalmente impotente a fermare l’erosione della sua influenza egemonica, Parigi potrebbe seriamente prendere in considerazione l’idea di respingere il Ciad se un simile scenario diventasse improvvisamente credibile. Questo perché la base militare della “Françafrique” andrebbe immediatamente in frantumi se perdesse il controllo di quel paese geostrategico, catalizzando così una rapida catena di eventi che potrebbe portare a perdere il controllo del suo bastione militare in Niger, che fornisce anche il suo uranio.

Ho scritto dell’importanza di quest’ultimo paese senza sbocco sul mare in un editoriale analitico per RT nel lontano 2014, che è più rilevante che mai poiché la Francia considera di fare più affidamento sull’uranio fornito dal Nigerino per alimentare i suoi reattori nucleari di fronte alla crisi energetica autoinflitta dall’Europa. Le conseguenze a cascata della “perdita” del Ciad potrebbero quindi portarlo a “perdere” anche il Niger, e con esso un accesso affidabile alla risorsa di generazione di energia da cui dipende in modo sproporzionato la sua economia.

Questa previsione di scenario, tuttavia, rafforza ulteriormente la previsione che Parigi non si siederà passivamente e lascerà cadere il primo domino a N’Djamena. Molto probabilmente, la Francia sosterrà pienamente le forze armate dei suoi delegati, non importa quanto violentemente reagiscano all’ultimo round di disordini, il che era del tutto evitabile se la cosiddetta transizione democratica promessa si fosse svolta come previsto. L’unica ragione per cui è stato ritardato è perché la Francia sapeva che sinceramente andare fino in fondo avrebbe indebolito la sua influenza.

Invece di accettare la graduale erosione della sua influenza egemonica e di adattarsi responsabilmente al suo inevitabile ruolo di partner paritario di quel paese che deve quindi trattare la sua controparte con il rispetto che merita come Stato sovrano, la Francia ha cercato di aggrapparsi al ruolo neocoloniale sbiadito lì. Ciò ha finito per essere estremamente controproducente nella pratica poiché ha provocato l’ultimo round di disordini che ora minaccia di infliggere un colpo mortale alla “Françafrique” se non viene fermato con la forza.

Qui sta il dilemma per la Francia, dal momento che ora è sotto pressione per una “missione strisciante” in Ciad, almeno dietro le quinte per ora. Non può “perdere” quel paese per paura che il vicino Niger su cui già dipende in modo sproporzionato per l’uranio sarà il prossimo. Le opzioni politiche emergenti saranno quindi o sostenere una dittatura ultradispotica sostenuta dalla Francia; orchestrare un colpo di stato militare appoggiato dalla Francia per ingannare i manifestanti per il momento facendogli credere di esserci riusciti; o un intervento diretto.

L’incapacità della Francia di riuscire con una di queste opzioni potrebbe portarla a perdere il pieno controllo delle dinamiche strategico-militari in tutta la “Françafrique”, con il risultato che quella parte del continente sarà finalmente in grado di completare i suoi processi di decolonizzazione esattamente come la Russia ha promesso di sostenerla a luglio. Per non essere frainteso, questo risultato non è imminente dal momento che Parigi probabilmente respingerà il più possibile fino al punto di un intervento diretto, ma questo dimostra solo quanto sia alta la posta in gioco in Ciad.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi