Elezioni Brasile, la reazione di Biden mostra che gli USA preferiscono Lula a Bolsonaro

Andrew Korybko – 01/11/2022 (traduzione automatica)

Biden’s Reaction To Brazil’s Latest Election Shows That The US Prefers Lula Over Bolsonaro (substack.com)

A differenza dell’inizio dell’ultimo decennio, gli Stati Uniti non stanno sostenendo le interruzioni della destra, cospirando per rovesciare un leader multipolare in buona fede (che guarda caso è stato colui di cui hanno orchestrato in precedenza la cacciata), o screditando quella stessa figura. Al contrario, gli Stati Uniti sono a favore di un trasferimento pacifico del potere dallo stesso uomo che le loro agenzie di intelligence hanno indirettamente aiutato a salire al potere, ha riconosciuto la legittimità delle ultime elezioni ed è in realtà desideroso di continuare ad espandere le relazioni bilaterali secondo la dichiarazione di Biden.

Lanuova guerra fredda tra il Golden Billiondell’Occidente guidato dagli Stati Uniti e il Sud globale guidato congiuntamentedai BRICS e dalla SCO sul futuro dellatransizione sistemica globalerende più facile che mai per gli osservatori arrivare prematuramente a conclusioni a somma zero sulle intenzioni dei vari paesi e dei loro leader. Tuttavia, questo paradigma semplicistico di comprensione è andato in frantumi dopo le ultime elezioni presidenziali brasiliane poiché il risultato ha dimostrato quanto sia complicato tutto in questo momento.

Bolsonaro è stato sconfitto di misura, anche se finora ha rifiutato di concedere al momento della stesura di martedì mattina ora di Mosca. Fino ad allora era considerato filo-americano sotto tutti gli aspetti a causa del suo percorso verso la presidenza che era stato creato da quel paese nel corso della sua guerra ibrida guidata dal “lawfare” contro il Brasile. Molti osservatori devono essere rimasti sorpresi quando Bidensi è congratulatocon il suo rivale Lula, che torna a guidare il suo paese per la terza volta in una delle più grandi storie di rimonta della storia.

Vale anche la pena sottolineare che non sembra esserci alcun sostegno straniero per le proteste che sonoattualmente in corsodai sostenitori di Bolsonaro, alcuni dei quali stanno bloccando corridoi di trasporto cruciali in tutto il Brasile. A differenza dell’inizio dell’ultimo decennio, gli Stati Uniti non stanno sostenendo le interruzioni della destra, cospirando per rovesciare un leader multipolare in buona fede (che guarda caso è stato colui di cui hanno orchestrato in precedenza la cacciata), o screditando quella stessa figura.

Al contrario, gli Stati Uniti sono a favore di un trasferimento pacifico del potere dallo stesso uomo che le loro agenzie di intelligence hanno indirettamente aiutato a salire al potere, ha riconosciuto la legittimità delle ultime elezioni ed è in realtà desideroso di continuare ad espandere le relazioni bilaterali secondo la dichiarazione di Biden. Tutto ciò dimostra che “Le conseguenze geostrategiche della rielezione di Lula non sono così chiare come alcuni potrebbero pensare“, che è stato elaborato un po ‘più a lungo nel collegamento ipertestuale precedente.

Lo scopo del presente articolo non è quello di rielaborare quei punti precedentemente condivisi, ma di costruire su di essi da angolazioni complementari. A tal fine, alcune osservazioni intriganti saranno condivise di seguito con l’intento di generare una discussione più sostanziale sui social media e altrove tra coloro che sono interessati a questo argomento. Detto questo, ecco alcuni punti che tutti devono considerare in futuro, che contraddicono le aspettative precedenti e dimostrano che ci sono eccezioni ai modelli esistenti:

———-

* Il complotto di Bolsonaro per manipolare il voto non ha avuto il sostegno degli Stati Uniti

Gli Stati Uniti chiaramente non volevano aiutare Bolsonaro a rimanere al potere, non importa cosa, quindi perché le sue agenzie di intelligence non hanno avuto alcun ruolo nel suo complotto riferito per manipolare il voto attraverso vari mezzi.

Gli Stati Uniti disapprovavano la sua politica estera pragmatica nei confronti di Cina e Russia

In quello che è stato certamente uno shock per molti osservatori, la politica estera di Bolsonaro nei confronti della Cina e della Russia è stata in realtà piuttosto pragmatica, nel senso che ha fatto marcia indietro sulla sua retorica anti-cinese e si è anche rifiutato di sanzionare la Russia, probabilmente a causa della pressione dei suoi elettori focalizzati sull’agricoltura.

Bolsonaro ha bloccato la cattura totale dello stato brasiliano da parte degli Stati Uniti

Qualunque siano state le sue ragioni, Bolsonaro non è riuscito a svolgere il compito geostrategico più importante che ci si aspettava da lui dai suoi protettori dell’intelligence statunitense che hanno contribuito a facilitare la sua ascesa al potere, e che stava consentendo all’egemone unipolare in declino di catturare il controllo totale dello stato brasiliano.

* Il Brasile ha continuato ad aspirare all’autonomia strategica (anche se in modo diverso)

Bolsonaro e Lula hanno visioni del mondo molto diverse, eppure il Brasile sotto entrambe le loro leadership ha continuato ad aspirare all’autonomia strategica nella transizione sistemica globale verso ilmultipolarismo, il che suggerisce che ognuno di loro voleva un posto simile per il proprio paese nel mondo, ma ha cercato di farlo in modo molto diverso.

Lula ha più in comune con l’élite al potere negli Stati Uniti al giorno d’oggi di quanto non faccia Bolsonaro

A parte le loro posizioni opposte su alcune delicate questioni di politica estera come la Palestina e il Venezuela, nonostante la loro posizione simile nei confronti di Cina e Russia, la differenza principale tra Bolsonaro e Lula è la loro visione interna, che quest’ultima ha più in comune con l’élite al potere negli Stati Uniti al giorno d’oggi.

* I liberali statunitensi sperano di dirottare e far deragliare il movimento socialista brasiliano

Qui potrebbe risiedere una delle risposte al motivo per cui gli Stati Uniti preferiscono Lula a Bolsonaro dal momento che la sua élite democratica al potere spera che la loro ideologia liberale possa dirottare e far deragliare il movimento socialista brasiliano attraverso guerre culturali e retorica dal suono socialista progettata per fuorviare quelle masse prese di mira lontano dal loro obiettivo.

* Il “wokeismo” non era ancora una cosa quando gli Stati Uniti orchestrarono il rovesciamento di Lula

La guerra ibrida degli Stati Uniti contro il Brasile guidata dal “lawfare” è stata effettuata come punizione per la politica estera indipendente di Lula e del suo successore e si è verificata in un periodo in cui il “wokeismo” non era ancora una cosa, quindi perché l’ex élite democratica al potere non è stata in grado di cercare di cooptare il Partito dei Lavoratori (PT).

* Gli Stati Uniti sono ancora contrari al Brasile che pratica una politica estera indipendente

Indipendentemente da qualsiasi fazione ideologica stia governando gli Stati Uniti in un dato momento, la sua élite sarà sempre costantemente contro il Brasile che pratica una politica estera indipendente per paura che le sue grandi conseguenze strategiche possano infliggere un colpo mortale alla loro influenza emisferica unipolare in declino.

* La guerra ibrida contro il Brasile potrebbe quindi trasformarsi in una guerra ibrida contro il PT

Con l’intuizione precedente in mente, la guerra ibrida degli Stati Uniti contro il Brasile potrebbe quindi trasformarsi in una guerra ibrida al PT volta a dirottare e far deragliare il più grande movimento socialista dell’emisfero corrompendolo in un cavallo di liberale che ingannerà il partito dal suo obiettivo mentre peggiora le divisioni interne.

Bolsonaro potrebbe alla fine fare di più per gli Stati Uniti all’opposizione di quanto non abbia mai fatto mentre era al potere

Basandosi su ciò, l’evoluzione della guerra ibrida contro il Brasile attraverso il tentativo di cooptare elementi allineati liberali all’interno del PT potrebbe verificarsi in parallelo con l’intelligence statunitense che amplifica le linee di faglia culturali al fine di manipolare il movimento di Bolsonaro nel funzionare come suoagente di caosper esercitare ulteriori pressioni sul PT.

La strategia di tensione degli Stati Uniti non si placherà mai a meno che il Brasile non vi si sottometta completamente

Il punto finale è che ci si aspetta che gli Stati Uniti continuino a perseguire la loro agenda egemonica unipolare in Brasile attraverso la costante ricalibrazione della loro strategia di guerra ibrida che si tradurrà nella continua esacerbazione delle tensioni a meno che la Grande Potenza multipolare mirata non si sottometta pienamente alla volontà di Washington.

———-

Mettendo tutto insieme, i punti che sono stati condivisi sopra suggeriscono fortemente che è prematuro per i brasiliani aspettarsi sollievo dalle pressioni degli Stati Uniti dopo l’elezione di Lula. A dire il vero, gli Stati Uniti stanno sondando le grandi intenzioni strategiche del PT al momento per scoprire se la visione del mondo di quel partito si è evoluta al punto che oggi potrebbe esserci più terreno comune con l’élite democratica al potere negli Stati Uniti rispetto a prima, ma ciò non significa di per sé che le relazioni siano entrate in una fase completamente nuova.

Piuttosto, gli Stati Uniti si stanno adattando in modo flessibile alle mutevoli circostanze in modo opportunistico volto a far avanzare i loro obiettivi attraverso mezzi diversi rispetto a prima. Aprire la strada all’ascesa al potere di Bolsonaro ha cambiato alcuni aspetti dei calcoli strategici del Brasile, ma tuttavia non è riuscito a portare gli Stati Uniti a prendere il controllo totale di quel paese. In risposta, l’ultimo approccio sembra essere un tentativo di dirottare e far deragliare il PT attraverso mezzi ideologici iper-liberali volti a fuorviarlo dalla sua missione socialista.

A tal fine, alcuni punti in comune culturali tra il PT e l’élite democratica al potere negli Stati Uniti potrebbero essere sfruttati come incursioni per ottenere la fiducia di membri ed elettori chiave, per non parlare della creazione di un pretesto per l’intelligence statunitense per amplificare le differenze culturali allo scopo di provocare la destra. Questa duplice politica di avvicinarsi al PT in modo amichevole e allo stesso tempo lavorare alle sue spalle incoraggiando il movimento di Bolsonaro a distruggere la società brasiliana in segno di protesta è la norma del corso.

Gli Stati Uniti cercheranno sempre di far avanzare i loro grandi interessi strategici come la loro leadership li intende, che a volte è vista in modo diverso a seconda della fazione ideologica al potere, ma tuttavia mira sempre a rafforzare la sua egemonia unipolare, non importa quale. Nel contesto contemporaneo della Nuova Guerra Fredda rispetto al Brasile, l’élite democratica al potere negli Stati Uniti sta cercando di cooptare il PT proprio come Trump ha cercato di fare lo stesso con Bolsonaro su una base ideologicamente guidata simile.

Il difetto di questa strategia è che nessuna delle fazioni ideologiche dominanti degli Stati Uniti rispetta il diritto sancito dalle Nazioni Unite del Brasile di formulare politiche indipendenti, il che li porta sempre a oltrepassare e quindi provocare una reazione negativa da parte delle loro controparti che complica la sua agenda egemonica. Stando così le cose, ci si può quindi aspettare che qualcosa di simile accadrà con Lula a meno che gli Stati Uniti non dirottano prima il suo partito, altrimenti ricorreranno alla manipolazione della destra per destabilizzare il Brasile.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi