Perché gli USA contraddicono le affermazioni di Kiev sull’acquisto di missili balistici iraniani da parte della Russia?

Andrew Korybko – 09/11/2022 (traduzione automatica)

Why’d The US Contradict Kiev’s Claims About Russia Buying Iranian Ballistic Missiles? (substack.com)

 

Non capita spesso che gli Stati Uniti contraddicano i loro delegati a Kiev, per non parlare di una questione strategico-militare molto delicata, eppure questo è esattamente ciò che il Pentagono ha appena fatto all’inizio di questa settimana. Il generale di brigata Patrick Ryder ha detto in una conferenza stampa martedì che “non abbiamo alcuna informazione per confermare in questo momento che l’Iran ha consegnato missili balistici alla Russia per l’uso in Ucraina”, il che va direttamente contro ciò che Kiev aveva precedentemente affermato.

Il consigliere ucraino Mikhail Podalyak era così isterico su questo scenario venerdì scorso che ha pubblicamente invitatogli Stati Uniti e i loro alleati “a lanciare attacchi contro droni e impianti di produzione di missili balistici [in Iran]”. Questo è stato seguito poco dopo dal portavoce dell’aeronautica ucraina Yuri Ihnat che ha chiesto che quei missili balistici che ancora finiscono per raggiungere la Russia siano distrutti nei loro siti di lancio all’interno di quel paese vicino prima che possano essere usati contro i suoi.

Va anche detto che l’escalation retorica di Kiev ha coinciso con il presunto ritorno al potere dell’ex primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu dopo le ultime elezioni del suo paese il 1 ° novembre. Mentre deve ancora formare un governo, le probabilità sono sicuramente a suo favore, il che potrebbe tradursi in un tintinnio di sciabole da parte di Israele contro l’Iran ancora una volta come uno dei suoi stretti alleati politici si aspetta. Ciò rende ancora più curioso che gli Stati Uniti abbiano appena contraddetto le affermazioni di Kiev sulla Repubblica islamica.

Dopotutto, pochi avrebbero potuto prevedere che l’America non avrebbe colto frutti così bassi della guerra dell’informazione rifiutando di estendere il falso credito alle accuse secondo cui l’Iran avrebbe appena inviato un mucchio di missili balistici alla Russia. Avrebbe potuto raggiungere tre obiettivi narrativi contemporaneamente: definire quei due [Iran e Russia] come cosiddetti “stati canaglia”; creare un maggiore senso di urgenza sulla necessità di inviare più aiuti militari a Kiev; e spianando la strada a Netanyahu per riprendere il suo tradizionale tintinnio di sciabole contro l’Iran.

Una possibile spiegazione per la sua sorprendente riluttanza potrebbe avere a che fare con il recente rapporto del Wall Street Journal secondo cui il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan è presumibilmente in una sorta di colloquio con funzionari russi sulla riduzione del rischio. Se c’è qualcosa di vero in quel rapporto, allora avrebbe senso per gli Stati Uniti procedere con cautela non estendendo immediatamente il credito alle affermazioni dell’Ucraina e quindi rischiando di far pensare alla Russia che Washington potrebbe essere a favore degli attacchi minacciati di Kiev contro i suoi siti di lancio.

Se Mosca arrivasse a credere che Washington sostenesse tale escalation, allora potrebbe essere preoccupata che le affermazioni di Kiev sull’acquisto di missili balistici iraniani possano essere sfruttate come pretesto per armare il suo avversario con missili a lungo raggio che potrebbero colpire siti militari sensibili nel profondo del suo territorio. In risposta, il Cremlino potrebbe calcolare che è meglio intraprendere azioni preventive, intensificando così il conflittoucrainoanche se questo non è ciò che né la Russia né gli Stati Uniti hanno intenzionalmente cercato di fare.

Il problema della sicurezza tra questi due significa che nessuno dei due si fida dell’altro, quindi perché i segnali pubblici di uno possono essere facilmente interpretati erroneamente dall’altro come allusivi a certe imminenti intenzioni militari anche se sono condivise solo per scopi narrativi / politici egoistici. In risposta, il secondo potrebbe sentirsi costretto a intraprendere azioni preventive per evitare ciò che sono arrivati a credere sia un’escalation imminente o almeno darsi un vantaggio finché possono ancora.

Questa intuizione aiuta a dare un senso all’inaspettato rifiuto degli Stati Uniti di estendere il credito alle affermazioni di Kiev sui missili balistici iraniani in Russia. Considerando i colloqui di avversione al rischio che Washington e Mosca sono presumibilmente impegnati dietro le quinte, il primo non voleva che il secondo interpretasse alcun supporto interessato alle affermazioni del suo procuratore come un segnale che suggerisce la sua intenzione di intensificare il conflitto attraverso l’invio di missili a lungo raggio e la relativa approvazione per colpire i siti di lancio russi in seguito.

Comunque sia, i calcoli strategici degli Stati Uniti potrebbero alla fine spostarsi nella direzione di estendere il credito alle stesse affermazioni di Kiev, ma per ora l’America rimane riluttante a farlo per la ragione che è stata appena spiegata. Da questa osservazione, si può intuire che Washington è preoccupata per la possibilità che Mosca intensifichi il conflitto, cosa che quest’ultima è anche riluttante a fare, ma che comunque non si tirerebbe indietro se ritenesse che ciò fosse necessario per difendersi preventivamente da minacce imminenti.

In vista del prossimo inverno tra la crisi energetica dell’Ucraina e la sua controffensiva Kherson in stallo, per non parlare della possibilità che i repubblicani riducano la guerra per procura degli Stati Uniti, sembra che Washington voglia evitare qualsiasi escalation inaspettata del conflitto per ora. A tal fine, ha rifiutato di dare credito alle affermazioni di Kiev sui missili balistici iraniani in Russia e alla sua conseguente richiesta di bombardare siti correlati in entrambi i paesi, il che era logico a posteriori.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi