Rave, sbarchi e clima: La selezione è tra chi ha denaro e chi non ce l’ha

Enrico Euli – 07/11/2022 – Comune Info

 

Se parlassi con le lingue degli uomini e degli angeli, ma non avessi denaro, sarei come bronzo che rimbomba o come cimbalo che strepita. E se avessi il dono della profezia, se conoscessi tutti i misteri e avessi tutta la conoscenza, se possedessi tanta fede da trasportare le montagne, ma non avessi denaro, non sarei nulla… Il denaro tutto scusa, tutto crede, tutto spera, tutto sopporta… Ed ora dunque rimangono queste tre cose: la fede, la speranza e il denaro. Ma la più grande di tutte è il denaro” (Prima lettera ai Corinzi, 13 – testo modificato) G. Orwell, Fiorirà l’aspidistra, 1936

Un’unica logica permea le scelte, le decisioni, i decreti di questi giorni. La guerra dei ricchi ai poveri, degli integrati ai marginali, degli agiati ai diseredati, dei fortunati agli sfigati.

I giovani possono sfondarsi di musica a palla, sballarsi di anfetamine, riempirsi di birra come otri, ballare come scemi per tutto il giorno, ma solo se pagano in una discotecaI rave autogestiti e clandestini sono pericolosi, turbano l’ordine pubblico perché occupano le proprietà private (abbandonate) e non sono sotto il controllo delle autorità. Ma soprattutto perché non sottostanno alle leggi del mercato dell’intrattenimento e del divertimento sociale organizzato. Tutto si può fare, sotto sotto, se si paga chi di dovere e se si infrangono le leggi fingendo di seguirle. Ma niente si può fare, se i soldi non girano e non arrivano a chi già li ha.

Gli esseri umani possono viaggiare per il mondo, ma solo se hanno soldi con sé, da spendere o, ancor meglio, da investire nei paesi in cui arrivano. Se puoi pagarti un passaporto o una cittadinanza, va tutto bene. Ma se ti devi sputtanare tutto quel che hai tu o la tua famiglia per pagare degli scafisti, non potrai entrare, atterrare o sbarcare qui. A meno che non te lo meriti per qualcosa che sai fare (sportivamente, ad esempio) o per qualcosa che ti manca (malattie, minorità, disabilità). Se non vuoi far parte del “carico residuale” e vuoi ottenere il diritto allo “sbarco selettivo”, devi meritartelo. Non basta essere affamati, disperati, stremati o, semplicemente, umani. Devi anche pagarla, se sei povero.

La catastrofe climatica procede e i paesi ricchi continuano ad abbindolare quelli poveri. Promettendo loro protezione, aiuti, sussidi, compensazioni (che non arriveranno mai) per poterci permettere di continuare a inquinare e distruggere il mondo, la loro vita e (più tardi possibile) la nostra. Questo, nella migliore delle ipotesi, proseguirà ad accadere anche alla Cop27, come già è avvenuto nelle precedenti conferenze. Credere ancora nei nuovi maghi d’Egitto ha un solo significato: voler proseguire a fare come ci pare, proseguendo a devastare i contesti in cui vivono miliardi di persone impoverite e disperate, costrette così a trasformarsi in profughi e a subire altre umiliazioni e spietati respingimenti alle nostre agiate frontiere.

La selezione è sempre e soltanto tra chi ha denaro e chi non ce l’ha. Tutto il resto (valutazioni di merito, diagnosi sanitarie, diritti umani e internazionali…) è solo mistificazione.

L’unico torto


 

Newsletter

logo-comune

Dieci anni e più. Campagna 2022

0-1-1-1024x576
Marzo 2012 / Marzo 2022: grazie per averci fatto compagnia per tutto questo tempo e per aver alimentato la voglia di camminare ancora

Là dove tutto il mondo è prigione

Là dove tutto il mondo è prigione
Come ricorda Patrizia Cecconi in questa bella ed eloquente recensione di un libro imperdibile – “La prigione più grande del mondo. Storia dei territori occupati” di Ilan Pappé -, è proprio nei primi anni Sessanta che a Givat Ram viene elaborato il progetto sionista dell’annessione che serve a spiegare ancora meglio di ogni altra cosa l’Apartheid e i crimini israeliani del nostro tempo. È su quella collina, nel quartiere che ospita la Knesset e il parco dell’Università ebraica, che venne deciso come realizzare e gestire per più di mezzo secolo la più grande prigione del pianeta

Lo spettro, oggi, è la resa

Lo spettro, oggi, è la resa
Se la “guerra”, salvo che nell’immediato delirio repressivo moscovita seguito all’invasione, non è mai stata un tabù. Lo è invece, da tempo immemorabile e in ogni angolo del mondo, la “resa”, l’atto dell’arrendersi, secondo l’utilizzo più comune. Ma siamo certi che la resa comporti necessariamente la fine della lotta e del conflitto?

Alla ricerca dell’isola sconosciuta

Alla ricerca dell'isola sconosciuta
Non esistono vie di uscita. È questo che ci fanno sempre credere

Sbarchi selettivi e ostaggi ambientali

Sbarchi selettivi e ostaggi ambientali
Due storie molto diverse in cui si diventa ostaggi sulle imbarcazioni

L’unico torto

L'unico torto
Rave, sbarchi, clima: la selezione è tra chi ha denaro e chi non ce l’ha

L’illusione della perfezione

L'illusione della perfezione
Dentro all’accettazione della fragilità non c’è produzione

La sete assedia il Corno d’Africa

La sete assedia il Corno d'Africa
In alcune zone si rileva la peggior siccità degli ultimi 40 anni

I faraoni del fossile

I faraoni del fossile
Un interessante rapporto sugli affari italiani con il regime di al-Sisi

Il clima non cambia

Il clima non cambia
Sulla Cop 27 c’è molta attenzione e quasi nessuna speranza

La violenza di Haiyan

La violenza di Haiyan
L’8 novembre 2013 un tifone devasta le Filippine. L’inutilità di Cop27

La comunità conviviale in festa

La comunità conviviale in festa
Tre belle giornate in Sardegna all’insegna del far da sé

Il respingimento collettivo

Il respingimento collettivo
Minacciati i comandanti di navi che non respingono “carichi residuali”

Le frontiere umanitarie

Le frontiere umanitarie
Sulla chiusura delle linee di confine degli Stati del Sahel

Sperimentare una scuola diversa

Sperimentare una scuola diversa
Un maestro di Serravalle d’Asti è in presidio permanente davanti al Miur
agenda2
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi