Stati Uniti, Dr. Mercola: “Il 100% dei vaccinati ha problemi al cuore”

Dr. Joseph Mercola – 15/11/2022

“IL 100 % DEI VACCINATI HA PROBLEMI DI CUORE”. Il Medico Americano J. Mercola svela Studio Svizzero e Metodi per Curare Long Covid (gospanews.net)

 

Da Gospa News:

Il Dr. Joseph Mercola è il fondatore di Mercola.com. Medico osteopatico, autore di best seller e vincitore di numerosi premi nel campo della salute naturale, la sua visione principale è quella di cambiare il moderno paradigma sanitario fornendo alle persone una risorsa preziosa per aiutarle a prendere il controllo della propria salute.

Tutti i link agli articoli di Gospa News sono stati aggiunti a posteriori per l’attinenza coi temi trattati.


Riluttanza ad affrontare pubblicamente il Long COVID post-iniezione

Nel gennaio 2021, i ricercatori del National Institutes of Health hanno avviato i test e tentato il trattamento di pazienti sospettati di avere da tempo il COVID dopo la loro somministrazione, ma per ragioni sconosciute l’indagine si è esaurita entro la fine dell’anno, lasciando i pazienti a bocca aperta, senza risposte.

Secondo Science, i ricercatori del NIH hanno continuato il loro lavoro “dietro le quinte” e anche altri ricercatori, in tutto il mondo, hanno iniziato a studiare il fenomeno. Tuttavia, sembra esserci un’estrema riluttanza ad affrontare pubblicamente i sintomi del Long COVID post-jab. Come mai?

La dottoressa Avindra Nath, direttrice clinica del National Institute of Neurological Disorders and Stroke (NINDS) e quella che guida l’indagine del NIH sul lungo COVID, ci fornisce un indizio.

“L’indagine sui possibili effetti collaterali presenta un dilemma per i ricercatori: rischiano di fomentare il rigetto dei vaccini che sono generalmente sicuri, efficaci e cruciali per salvare vite umane”, scrive Science. “‘Devi stare molto attento’ prima di legare i vaccini COVID-19 alle complicazioni, avverte Nath. ‘Puoi trarre la conclusione sbagliata… Le implicazioni sono enormi.’”

In altre parole, si tratta di proteggere l’industria dei vaccini, che ora si è fusa con l’industria della terapia genica sperimentale.

Nel frattempo, i soggetti del test umano sono lasciati a soffrire, molti dei quali non si rendono nemmeno conto di ESSERE soggetti del test. Hanno comprato le bugie “sicure ed efficaci” e “rigorosamente testate”. In difesa di Nath, ha cercato di pubblicare una serie di casi su circa 30 di questi pazienti, ma le riviste mediche si sono rifiutate di pubblicarla.

Cosa sta causando il lungo COVID?

Per quanto riguarda i meccanismi alla base del Long COVID, le opinioni variano. La ricerca presentata dal Dr. Bruce Patterson all’International COVID Summit di Roma, nel settembre 2021, suggerisce che i monociti, che hanno dimostrato di causare danni ai polmoni nei pazienti con COVID acuto, sono coinvolti anche nel Long COVID.

In sintesi, le citochine infiammatorie che dovrebbero innescare l’attivazione dei linfociti T non riescono a farlo in alcune persone, risultando in una risposta antivirale inadeguata. Invece dei linfociti T, necessari per sedare l’infezione, i linfociti B e un particolare sottoinsieme di monociti sono elevati. Come descritto da HealthRising.org

“Quando hanno usato gli anticorpi per cercare prove delle proteine ​​del coronavirus nei monociti … li hanno trovati – a picche. Il 73% dei monociti “non classici” nei pazienti con COVID lungo trasportava le proteine ​​​​del coronavirus …

Si è spesso pensato che questi tipi di monociti fossero antinfiammatori, ma studi recenti dimostrano che possono, in alcune situazioni, produrre citochine pro-infiammatorie. Sono principalmente coinvolti nella “pulizia dei rifiuti” e nella risposta antivirale …

Gli autori ritengono che questi monociti siano stati attratti dalle cellule infettate dal coronavirus nei vasi sanguigni, dove li hanno ingeriti, e quindi hanno messo una proteina del coronavirus sulla loro superficie per allertare il sistema immunitario.

Il problema nel lungo COVID si verifica quando vengono attratti dai vasi sanguigni e li feriscono o causano una dilatazione inappropriata dei vasi sanguigni.

Questi monociti non classici sono gli unici monociti a trasportare il recettore CX3CR1, che quando si lega alla frattalchina, attiva una proteina anti-apoptotica che consente ai monociti di sopravvivere più a lungo del normale. Inoltre, fa sì che i monociti tornino dal loro stato antinfiammatorio e inizino a pompare citochine pro-infiammatorie.

Questi sono passaggi importanti poiché la maggior parte dei monociti muore entro pochi giorni e avere monociti portatori di proteine ​​​​del coronavirus di lunga durata (fino ad almeno 16 mesi) è un aspetto cruciale dell’ipotesi di Patterson …

Il legame dei monociti innesca anche la produzione di VEGF, che secondo Patterson è elevato in quasi tutti i trasporti a lungo raggio. Il VEGF quindi dilata i vasi sanguigni causando, pensa Patterson, sensazioni di pienezza alla testa, emicrania e forse problemi cognitivi.

La teoria degli autoanticorpi

Un’altra teoria, avanzata da Harald Prüss, neurologo presso il Centro tedesco per le malattie neurodegenerative e l’ospedale universitario Charité di Berlino, è che gli anticorpi che prendono di mira la proteina spike SARS-CoV-2 potrebbero causare “danni collaterali”. Come riportato da Science.

“Nel 2020, mentre cercavano terapie anticorpali per COVID-19, [Prüss] e i suoi colleghi hanno scoperto che di 18 anticorpi che hanno identificato con potenti effetti contro SARS-CoV-2, quattro hanno anche preso di mira i tessuti sani nei topi, un segno che potrebbero innescare problemi autoimmuni…

Nell’ultimo anno, gruppi di ricerca hanno rilevato livelli insolitamente elevati di autoanticorpi, che possono attaccare le cellule e i tessuti del corpo, nelle persone dopo un’infezione da SARS-CoV-2.

In Nature nel maggio 2021, gli immunologi Aaron Ring e Akiko Iwasaki della Yale School of Medicine e i loro colleghi hanno riferito di aver trovato autoanticorpi in pazienti acuti con COVID-19 che prendono di mira il sistema immunitario e il cervello; ora stanno studiando per quanto tempo persistono gli autoanticorpi e se possono danneggiare i tessuti…

In un articolo che Prüss e i suoi colleghi stanno per presentare, descrivono la scoperta di autoanticorpi che attaccano i neuroni del topo e altre cellule cerebrali in almeno un terzo di quei pazienti”.

I ricercatori stanno anche studiando se il COVID lungo post-jab potrebbe essere dovuto ad autoanticorpi contro il recettore dell’enzima di conversione dell’angiotensina 2 (ACE2), che è l’obiettivo della proteina spike.

[…]

L’intero articolo qui: “IL 100 % DEI VACCINATI HA PROBLEMI DI CUORE”. Il Medico Americano J. Mercola svela Studio Svizzero e Metodi per Curare Long Covid (gospanews.net)

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi