Medvedev: “Zelensky non vuole negoziare perchè non riconosce il crollo dell’Ucraina”

MOSCA, 19 novembre. /TASS/.

Медведев: Зеленскому не нужны переговоры, чтобы не признавать реалии распада Украины (tass.ru)

 

L’Occidente non vuole una rottura definitiva con la Russia, quindi sta spingendo Kiev a negoziare con Mosca, ma il presidente ucraino Vladimir Zelensky non li vuole per non riconoscere la realtà del crollo dell’Ucraina. Questa opinione è stata espressa sabato dal vice presidente del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa Dmitry Medvedev nel suo canale Telegram.

Ha osservato che nessuno, compresi i polacchi, ha accettato i “goffi tentativi” dell’Ucraina di trasferire la responsabilità dell’incidente missilistico in Polonia alla Russia. E questo, secondo il vice capo del Consiglio di sicurezza della Federazione Russa, è un sintomo importante del fatto che “tutti sono molto stanchi del regime di Kiev”, specialmente di Zelensky, “che intensifica costantemente le passioni” e “estorce sempre più sussidi con denaro e armi”.

“Gli Stati Uniti, la NATO e l’Unione Europea non vogliono una rottura definitiva con la Russia, che potrebbe condurre alla terza guerra mondiale. Da qui i frequenti tentativi di accorciare e ragionare con Kiev, per spingerla ai negoziati”, ha scritto Medvedev. Tuttavia, ha continuato, “Zelensky non ha bisogno di negoziati per ovvi motivi di pelle” e “inoltre, sono molto pericolosi per lui”.

“Dopo tutto, se non si riconosce la realtà del crollo dell’Ucraina, è inutile sedersi al tavolo. E ammettete – uccideranno i loro stessi nazionalisti, che sono in congiunzione con il vertice dell’esercito. E che ha paura di svenire”, crede il vicepresidente del Consiglio di sicurezza. Ha designato questa situazione con il termine scacchistico “zugzwang” (quando qualsiasi mossa di un giocatore porta a un deterioramento della sua posizione).

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi