La NATO ribadisce l’impegno ad espandersi in Ucraina e Georgia, nonostante il conflitto

RT – 30/11/2022

La NATO ribadisce l’impegno ad espandersi in Ucraina e Georgia, nonostante il conflitto — RT World News

 

La NATO ha ribadito il suo impegno del 2008 ad ammettere l’Ucraina e la Georgia – entrambi vicini alla Russia, insistendo sul fatto che l’organizzazione continuerà ad espandere la sua presenza nell’ex Unione Sovietica.

Mosca ha ripetutamente avvertito che considera l’invasione del blocco militare verso i suoi confini come una grave minaccia alla sicurezza.

A seguito degli incontri nella capitale rumena di Bucarest martedì, i ministri degli esteri della NATO hanno rilasciato una dichiarazione che riafferma il tentativo di 14 anni di concedere un giorno l’adesione a Kiev e Tbilisi

Insieme alle controparti dei due stati, così come della Bosnia-Erzegovina e della Moldavia, i ministri degli Esteri hanno affermato di “sostenere fermamente il nostro impegno per la politica della porta aperta dell’alleanza” e “riaffermare le decisioni che abbiamo preso al vertice di Bucarest del 2008 e tutte le decisioni successive rispetto alla Georgia e all’Ucraina”.

I funzionari hanno continuato a condannare l’azione militare della Russia in Ucraina come “la più grave minaccia alla sicurezza euro-atlantica degli ultimi decenni” e hanno promesso di continuare ad aiutare Kiev “per tutto il tempo necessario”.

La dichiarazione ha anche annunciato che la NATO creerà una “nuova linea di base per la nostra posizione di deterrenza e difesa, rafforzandola significativamente e sviluppando ulteriormente l’intera gamma di forze e capacità robuste e pronte al combattimento” in Europa.

Nelle osservazioni all’apertura del vertice di martedì, il segretario generale della NATO Jens Stoltenberg ha delineato come l’alleanza rafforzerà la sua presenza militare, dicendo che ha “raddoppiato il numero di gruppi tattici della NATO da quattro a otto” e ora sta lavorando su modi per aumentare rapidamente quelle unità e schierare “attrezzature pre-posizionate”.

Mentre Stoltenberg ha sottolineato che la NATO “non è parte del conflitto in Ucraina”, ha detto che il blocco sta fornendo “un sostegno senza precedenti” a Kiev per garantire che “prevalga come stato sovrano indipendente”. Ha osservato che l’assistenza occidentale precede di molto l’inizio dell’offensiva russa a febbraio, sottolineando che le forze della NATO hanno addestrato “decine di migliaia di truppe” dal 2014, contribuendo a rendere l’esercito ucraino “molto più grande, molto meglio equipaggiato e molto meglio guidato”.

Il capo della NATO ha anche dichiarato che la “porta dell’alleanza è aperta” a nuovi membri, citando le ultime ammissioni di Montenegro e Macedonia del Nord, nonché le recenti richieste di Finlandia e Svezia. Tuttavia, quando è stato sollecitato su quando l’Ucraina potrebbe finalmente ottenere l’adesione, Stoltenberg ha suggerito che la questione non sarebbe stata risolta per qualche tempo.

“L’obiettivo principale ora è sostenere l’Ucraina, assicurando che [il presidente russo Vladimir Putin] non vinca ma che l’Ucraina prevalga”, ha detto, senza fornire dettagli sui progressi della domanda formale di adesione di Kiev presentata a settembre.

Nonostante la professata “politica della porta aperta” della NATO, l’alleanza richiede che gli aspiranti membri soddisfino determinati criteri prima di aderire, tra cui il mantenimento di un sistema politico democratico e di un’economia basata sul mercato, un trattamento equo dei gruppi minoritari, il controllo civile delle forze armate e un certo livello di compatibilità con le forze NATO esistenti, tra le altre cose. Non è chiaro se l’Ucraina abbia soddisfatto tali requisiti, poiché i funzionari occidentali sono stati riluttanti a discutere qualsiasi calendario esatto per quando la NATO manterrà il suo impegno del 2008.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi