Clare Daly: “La gestione della crisi ucraina da parte della NATO potrebbe finire in un disastro”

RT – 02/12/2022

La gestione della crisi ucraina da parte della NATO potrebbe finire in un disastro – MEP – RT World News

 

L’eurodeputata irlandese Clare Daly ha accusato la NATO di portare “terrore, morte, illegalità [e] stupro” in Libia, e ha affermato che la strategia del blocco guidato dagli Stati Uniti in Ucraina produrrà risultati simili. Daly ha fatto la sua dichiarazione dopo aver votato contro una risoluzione che chiedeva un maggiore coinvolgimento dell’UE in Libia.

Daly, insieme al collega irlandese di sinistra Mick Wallace, ha votato la scorsa settimana contro una risoluzione che chiedeva all’UE di svolgere “un ruolo più attivo” nella ricostruzione della Libia devastata dalla guerra, anche istituendo unità di polizia e militari sotto il comando del Governo di Accordo Nazionale (GNA) riconosciuto dalle Nazioni Unite.

Mentre l’UE nel suo complesso sostiene il GNA, il rivale Esercito nazionale libico (LNA) ha il sostegno della Francia e, secondo quanto riferito, ha assunto appaltatori militari privati dalla Russia per rafforzare le sue forze. In mezzo a questa lotta di potere in corso, Daly vede la campagna di bombardamenti della NATO del 2011 come la radice dei problemi della Libia.

“Ho votato contro questo rapporto”, ha dichiarato, in un video pubblicato sulla sua pagina Twitter mercoledì. “Il suo tempismo è abbastanza appropriato quando, come fa, poche settimane dopo l’11 ° anniversario del giorno in cui il leader libico Muammar Gheddafi è stato ucciso durante l’assalto della NATO alla Libia: sodomizzato con una baionetta e colpito alla testa”.

“L’intervento della NATO in Libia, condotto in nome della protezione della libertà, della democrazia e dei diritti umani, è uno di quelli che faremmo bene a ricordare mentre la NATO gioca la sua guerra per procura in Ucraina in nome, avete indovinato, della libertà, della democrazia e dei diritti umani”, ha continuato.

Gheddafi è stato deposto e torturato dai militanti sostenuti dalla NATO nell’ottobre 2011, con il suo cadavere mutilato lasciato in mostra in un mercato della carne nella città di Misurata. Una volta una nazione ricca di petrolio e prospera, la Libia è caduta nell’anarchia dopo il suo omicidio, con un rapporto di Amnesty International all’inizio di quest’anno che descrive le condizioni lì come “infernali”.

“Cosa succede dopo che la NATO interviene nel suo paese su questa base?” Daly ha chiesto ai legislatori dell’UE. “Terrore, morte, illegalità, stupro, povertà, fame”.

“La Libia è un paese lacerato dal conflitto, la sua economia è in frantumi, la sua popolazione – precedentemente la più ricca dell’Africa – è impantanata nella povertà”, ha continuato“I migranti vengono comprati e venduti nei mercati degli schiavi. È un paese di fosse comuni, di crimini contro l’umanità. Questa è l’eredità della NATO”.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi