[Pressenza] GKN: Rompiamo l’assedio, consultazione popolare per una fabbrica pubblica

Rassegna del 08/12/2022

Pressenza

Notizie da Pressenza IPA – 08.12.2022

GKN: Rompiamo l’assedio, consultazione popolare per una fabbrica pubblica

Per Un’Altra Città, Valentina Baronti

Oltre 150 seggi sparsi per la città, in circoli, mercati, centri sociali, cinema, librerie, comunità religiose, sedi dei sindacati di base, aziende, università, biblioteche. Una comunità intera che si è messa in moto per la fabbrica pubblica e socialmente integrata. L’ex-GKN è al centro di un nuovo attacco, fatto di calunnie e di stipendi saltati, un vero e proprio assedio, che in questo momento può essere rotto partecipando alla consultazione popolare autogestita, promossa dal Collettivo di Fabbrica e appoggiata da tante realtà sociali e sindacali del territorio.

Una squadra di oltre 500 volontari in questi giorni sta battendo le strade, le piazze, i luoghi di lavoro, di incontro e di cultura, per raccogliere voti sì, ma anche per spiegare e ascoltare. Perché i banchini della raccolta firme sono anche questo, un posto in cui si può esprimere la propria solidarietà, parlare con gli operai e raccontare di quando magari in quella situazione c’eravamo noi. E allora capita che si ferma un operaio del tessile con i capelli bianchi e ti dice che nella sua fabbrica erano più di mille e quando facevano sciopero saltavano i cancelli, per andare a far uscire i dirigenti asserragliati dentro: “però sai, allora eravamo forti, lavoro si trovava ovunque e ci si poteva permettere anche di fare sciopero ad oltranza fino a che non si ottenevano i diritti. Ora invece? Io non so dove la trovano questa forza. Diciassette mesi di presidio e ora anche senza stipendio”. Poi lo vedi andare via, sotto la pioggia, le spalle curve e il freddo umido di un pomeriggio d’inverno al mercato ti passa, con tutto quel calore.

Qualcuno passa distratto, altri non si fermano, qualcuno dice anche che non è giusto stare in cassa integrazione. E infatti la consultazione è proprio per questo, per dire che quella fabbrica vogliamo farla ripartire, quegli operai vogliamo vederli a lavorare, magari con un prodotto che sia utile a tutti, con una riconversione che sia nell’interesse di tutta la comunità. La fabbrica pubblica e socialmente integrata appunto. Non una cassa integrazione infinita, come le troppe che abbiamo visto negli ultimi anni, che serve solo a indebolire la lotta e poi lascia il territorio con un capannone vuoto e un’altra emorragia di posti di lavoro.

Con questa consultazione si chiede se si vuole un intervento pubblico per l’ex-GKN e se questo intervento debba però essere vincolato a progetti di pubblica utilità e al controllo pubblico della fabbrica. Una volontà di un intero territorio che poi approderà ai tavoli per la reindustrializzazione, dove potranno essere valutate proposte concrete e reali, visto che l’attuale proprietà, in quasi un anno di incontri istituzionali inefficaci, non ha ancora presentato un reale piano industriale.

La storia da raccontare è semplice: c’è un fondo finanziario che se ne va dall’oggi al domani, per puro calcolo speculativo, 500 lavoratori che non ci stanno, una comunità intera che li sostiene, con tutti gli strumenti che le varie fasi di lotta impongono. E si crea un modello, proprio nel momento in cui tutto sembrava perduto e la deriva del precariato e dell’individualismo inarrestabile.

Tanto semplice, che lo capirebbe anche un bambino. E infatti sono i giovanissimi a fermarsi ai banchini, conoscono la vicenda, l’hanno seguita e sentono sulla loro pelle quanto questo sia l’ultimo baluardo per il loro futuro: “andate avanti” dicono “perché la vostra lotta è per tutti, anche per noi”.

“La lotta stana i bugiardi” si legge su uno striscione all’ingresso della fabbrica e il voto li stana ancora di più. Per partecipare c’è tempo fino all’11 dicembre. Tutte le informazioni e i luoghi in cui votare su insorgiamo.org.

L’articolo originale può essere letto qui

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa


IRAN: La testardaggine delle mosche

East Journal, Emad Kangarani

Pressenza

Diritti Umani, Medio Oriente, Opinioni, Politica

Possesso d’armi: surreale accusa della questura agli attivisti di Extinction Rebellion

Extinction Rebellion, Torino

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa, Nonviolenza

8 dicembre 2022 – Fare memoria resistente: 17 anni da Venaus

Redazione Italia

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa, Nonviolenza

Giornata Internazionale dei Diritti Umani. Credenti cristiani in Medio Oriente: oppressi dalle forze islamiste

Associazione per i Popoli Minacciati

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Medio Oriente

Palestina Occupata: L’emittente Al-Jazeera denuncia Israele alla Corte Penale Internazionale

ANBAMED

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Medio Oriente

Napoli, Boscotrecase: La bellezza che mancava…

Redazione Italia

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa

Reggio Emilia: Flash-mob per Julian Assange nella giornata ONU dei diritti umani

Redazione Italia

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani

Paratico, Legambiente: “OK demolizione Bar Vela abusivo, ora tocca ai supermercati”

Redazione Sebino Franciacorta

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa

Non vogliamo un inceneritore per Natale

Redazione Italia, Biella

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente

Il 41 bis rispetta il “Diritto alla Vita”?

Natale Salvo

Pressenza

Diritti Umani, Opinioni

Possesso d’armi: surreale accusa della questura agli attivisti di Extinction Rebellion Torino

Extinction Rebellion, Torino

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa

Corte Costituzionale e obbligo vaccinale, quale scientificità?

Lorenzo Poli

Pressenza

Opinioni

10 dicembre, Giornata dei Diritti Umani: mobilitazione internazionale per Julian Assange

Redazione Italia

Pressenza

Diritti Umani, Internazionale

Il Politecnico di Torino conferma l’accordo con Frontex. Ignorate le richieste di tornare indietro

altreconomia, Luca Rondi

Pressenza

Diritti Umani, Europa, Migranti, Questioni internazionali

L’illusione del “progressismo” nella “conversione” del PD derenzianizzato

Antonio Minaldi

Pressenza

Opinioni, Politica

Processo Scripta Manent: deciderà la Corte Costituzionale, rinviate le sentenze.

Redazione Torino, Viola Hajagos e Emmegi

Pressenza

Diritti Umani, Europa

Di terra e di pietra, una presentazione

Daniela Musumeci

Pressenza

Cultura e Media

Unione Popolare: opposizione alla Torino-Lione e pieno appoggio al Movimento NoTav

Redazione Torino

Pressenza

Comunicati Stampa, Ecologia ed Ambiente, Europa

La fine di un mondo unipolare è l’inizio di uno nuovo

David Andersson, New York

Pressenza

Nord America, Opinioni, Umanesimo e Spiritualità

Pressenza Agenzia stampa internazionale per la pace, la nonviolenza, l’umanesimo e la nondiscriminazione con sedi a Atene, Barcellona, Berlino, Bordeaux, Bruxelles, Budapest, Buenos Aires, Firenze, Madrid, Manila, Mar del Plata, Milano, Monaco di Baviera, Lima, Londra, New York, Parigi, Porto, Quito, Roma, Santiago, Sao Paulo, Torino, Valencia e Vienna.
Pressenza Facebook Pressenza Twitter Pressenza Youtube

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi