[Comune Info] Cosa avete in mente per il 2035?

Rassegna del 13/12/2022

Newsletter

logo-comune

Cosa avete in mente per il 2035?

Arriva il jet Tempest, caccia supersonico di sesta generazione

Okay, raccontiamo anche questa come se fosse una fiaba, ma una di quelle per adulti, perché ho la netta impressione che i più piccoli la conoscano già, visto che i cosiddetti “grandi” la mettono in scena quotidianamente.
Allora, com’è d’uopo, c’erano una volta i protagonisti di questa storia, ovvero tre sovrani: Sunak, re del Regno DisunitoKishida, imperatore dell’Arcipelago del Sol Morente, e la Regina Giorgia, monarca del Paese dello Stivale.
Un bel giorno, ovvero il contrario, essendo alquanto preoccupata, la Madre Terra – cioè la mamma di tutti, quindi anche loro – si recò dai nostri e disse: “Vado subito al punto, perché il tempo stringe, anche se non ho ancora capito se ve ne siate resi conto o meno. A ogni modo, siccome non me la sto passando affatto bene e non ho idea di quanto sarò ancora qui con voi, volevo sapere cosa avevate pensato per il futuro, ecco.”
I tre si guardarono perplessi l’un l’altro, come a dire parla tuno io no, rispondi tu, eccetera, e allora la Terra si spazientì: “Non siamo a scuola, eh? Non interrogo e non sono la vostra maestra, solo vostra madre e in quanto tale mi preoccupo per il domani, cosa che dovreste fare anche voi in quanto umani. Per esempio, cosa avete in mente per il 2035?”
I nostri stavolta si guardarono come se a tal proposito avessero una risposta pronta, ma la Terra incalzò: “Non ho detto una data a caso, eh? Solo cinque anni prima, ovvero entro il 2030, secondo un autorevole studio il 92% dei paesi che ospito sperimenterà temperature “estremamente calde”, o temperature che sarebbero state osservate solo una volta al secolo in epoca preindustriale, ogni due anni. Sempre entro il 2035 le emissioni globali di anidride carbonica aumenteranno del 43% se le principali nazioni rimarranno legate alle politiche energetiche esistenti e non agiranno per frenare il riscaldamento globale, secondo la US Energy Information Administration. Quest’ultima, nella sua analisi energetica globale a lungo termine, prevede che nel 2035 il consumo di energia aumenterà del 49% tra il 2007 e il 2035. Capite cosa intendo? Nel 2035 la metà degli ecosistemi delle barriere coralline in tutto il mondo dovrà affrontare permanentemente condizioni inadatte se il cambiamento climatico continuerà senza sosta. Ma soprattutto, un’altra importante ricerca condotta da scienziati britannici e dei Paesi Bassi afferma che nel 2035 attraverseremo un punto di non ritorno, dopodiché sarà estremamente improbabile riuscire a fermare l’aumento della mia temperatura di 2 gradi Celsius, dando il via a un pericoloso miscuglio di disastri globali. Restare sotto i 2 gradi Celsius è fondamentale per il mio benessere, mi auguro lo sappiate. Una volta che mi sarò riscaldata di altri 2 gradi, gli scienziati prevedono una serie di effetti catastrofici, da inondazioni diffuse nelle zone costiere a ondate di caldo torrido e tempeste estreme.”
La Madre Terra si interruppe, perché aveva il fiatone e si era accaldata, ormai incapace di sapere se fosse colpa dell’effetto dell’agitazione o quello serra.
“Allora?” domandò di nuovo ai tre. “Cosa avete in mente per il 2035?”
“Un aereo”, rispose Sunak.
“Cosa?”
“Un aereo”, confermò la Regina Giorgia.
“Un aereo?” chiese la Madre di tutti.
“Ma un aereo da combattimento, eh? Sarà pronto proprio entro il 2035”, chiarì l’Imperatore del Sol Morente.
“Già”, sottolineò il sovrano inglese. “Un jet supersonico di sesta generazione.”
“Mica robetta”, aggiunse la regina nostrana. “Pensa che si chiama Tempest, cioè Tempesta, e costa circa 25 miliardi di sterline, quasi 30 miliardi di euro.”
“E l’avete pure chiamato Tempesta…”
La Madre Terra per poco non svenne, ma stavolta era certa che non fosse colpa del riscaldamento globale.
“Sono praticamente spacciata, a meno di un miracolo…” pensò angosciata.
O una rivoluzione…

Fonte: Storie e Notizie n. 2093

Vie d’uscita dalla mercificazione

Vie d'uscita dalla mercificazione
Dall’homo oeconomicus prestazionale all’homo convivialis cooperativo

Altrove

Altrove
Occorre pensare a una società nella quale i migranti non hanno più alcun bisogno di essere rappresentati e tutelati in quanto tali. Un capitolo del libro “Paesaggi inteculturali nella terra di mezzo. Esperienze per una società plurale”

L’orrore dimenticato dei Cpr

L'orrore dimenticato dei Cpr
Nuovi fondi per i Cpr. Ma quanti sono? E cosa accade in questi centri?

Autonomie in terra mapuche

Autonomie in terra mapuche
Il processo di recupero delle terre favorisce importanti alleanze

Femminismi in America Latina I

Femminismi in America Latina I
I movimenti ecoterritoriali delle donne tra estrattivismo e patriarcato

Il riscatto delle streghe

Il riscatto delle streghe
Riscrivere i racconti per l’infanzia liberandoli dai capri espiatori

Il grido dell’Ultima Generazione

Il grido dell'Ultima Generazione
Fare politica con forme di lotta lontane dalla tradizione

Che aria tira nel quartiere?

Che aria tira nel quartiere?
Un progetto di scienza partecipata per monitorare l’inquinamento dell’aria

Autunno caldo e altri disastri

Autunno caldo e altri disastri
Entro il 2050 potrebbero sparire i ghiacciai dei Pirenei e delle Dolomiti

Sicurezza o giustizia climatica

Sicurezza o giustizia climatica
Gli interessi del settore energetico e la guerra permanente

Lavoro educativo informale

tutor-gcefac78ad_1280
Quella delle “ripetizioni” resta una storia del nostro tempo per tante ragioni. Le lavoratrici e i lavoratori coinvolti, tanti e molto diversi tra loro, sembrano indispensabili a tenere a galla una barca malconcia. Intorno a questo lavoro riproduttivo si muovono “modelli Airbnb” ma anche esperienze di autorganizzazione, dalle forme più basilari a quelle più strutturate

C’Hera una volta lo spreco-graffiti

comunehera02
Su diversi marciapiedi di Ferrara sono apparse queste scritte. Sono utili? C’è della bellezza in quella campagna? Ci sono alternative?

Dieci anni e più. La festa

festa-facebook-spazio
La campagna per i 10 anni di Comune 20 dicembre, tutto pronto per la festa a Roma. Abbiamo raggiunto un numero elevato di prenotazioni per la cena, purtroppo siamo costretti a fermarle: la cucina di Scup è infaticabile e accogliente ma non è un ristorante. Cercheremo di offrire la possibilità di trovare qualcosa di buono da mangiare presso i banchi autorganizzati del Mercato dei beni essenziali
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi