Twitter, documenti rivelano che Trump non aveva incitato alla violenza

RT – 12/12/2022

Lo staff di Twitter sapeva che Trump non aveva violato la politica – Musk – RT World News

 

Twitter sospese definitivamente l’account di Donald Trump nei giorni successivi alla rivolta del 6 gennaio al Campidoglio, anche se i dipendenti dichiararono di non avere avuto alcun motivo legittimo per bandire il presidente degli Stati Uniti in carica, secondo le comunicazioni interne esaminate dalla giornalista Bari Weiss.

La quinta puntata di Twitter Files è stata approvata dal CEO della piattaforma, Elon Musk, che ha risposto dicendo che “sotto la pressione di centinaia di dipendenti attivisti, Twitter deplatforms Trump … anche se loro stessi riconoscono che non ha violato le regole”.

Mentre i messaggi tra i membri dello staff di Twitter pubblicati da Weiss lunedì rivelano un diffuso disagio per il fatto che Trump stava “cercando di infilare l’ago dell’incitamento senza violare le regole”, hanno anche mostrato un accordo generale sul fatto che il presidente sotto attacco non aveva effettivamente “incitato alla violenza” – nemmeno in modo “codificato” – con i suoi tweet durante e intorno al giorno della manifestazione “Stop the Steal”.

Centinaia di dipendenti di Twitter hanno comunque firmato una lettera aperta al Washington Post chiedendo al CEO Jack Dorsey di bandire il presidente, arrivando a implicare che il loro datore di lavoro aveva avuto un ruolo in ciò che il presidente eletto Joe Biden e i media tradizionali stavano già definendo una “insurrezione”.

Secondo quanto riferito, il capo di Legal, Policy and Trust, Vijaya Gadde, ha colto il suggerimento di qualcuno secondo cui i tweet tecnicamente innocenti di Trump potrebbero essere interpretati come “incitamento codificato a ulteriori violenze”. Allo stesso tempo, i membri del “team di applicazione scalata” della piattaforma sembravano abbracciare l’idea che Trump fosse il “leader di un gruppo terroristico responsabile di violenze / morti paragonabili allo sparatore di Christchurch o a Hitler e su quella base e sulla totalità dei suoi tweet, dovrebbe essere deplatformato”, secondo i messaggi pubblicati da Weiss.

A seguito di una riunione dello staff tesa, Twitter avrebbe annunciato la sospensione permanente di Trump “a causa del rischio di ulteriore incitamento alla violenza”. Nessuna vera regola di Twitter era stata infranta, soprattutto dato il margine di manovra concesso alle figure politiche in nome dell’interesse pubblico.

L’allora COO Parag Agrawal osservò al capo della sicurezza Peiter ‘Mudge’ Zatko che “la moderazione centralizzata dei contenuti IMO ha raggiunto un punto di rottura ora”.

PER SAPERNE DI PIÙ: I file di Twitter rivelano il blitz per contenere Trump

Weiss e i suoi colleghi giornalisti di Twitter Files sono stati selezionati da Musk per analizzare le comunicazioni interne che hanno portato alla soppressione da parte di Twitter della storia del laptop di Hunter Biden e al divieto di Trump. Musk ha anche promesso rivelazioni sul silenzio di opinioni alternative sul Covid-19.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi