Antonov (Russia): “Il fantasma dell’Unione Sovietica perseguita ancora Washington”

RT – 18/12/2022

Il fantasma dell’Unione Sovietica perseguita ancora Washington – Mosca – RT Russia ed ex Unione Sovietica

 

Il sostegno degli Stati Uniti all’Ucraina è motivato dal desiderio dell’era della Guerra Fredda di indebolire la Russia e rendere l’Europa sua subordinata, ha detto sabato a Newsweek l’ambasciatore russo a Washington Anatoly Antonov. Tuttavia, prevede l’emergere di un nuovo “mondo multipolare”.

Parlando alla rivista americana una settimana dopo che il Pentagono ha annunciato un nuovo pacchetto di armi da 275 milioni di dollari per l’Ucraina, Antonov ha osservato che Washington “sembra aver bisogno di affermarsi costantemente attraverso la concorrenza con la Russia”.

La più recente strategia di difesa nazionale del Pentagono descrive la Russia come “una minaccia acuta” agli interessi degli Stati Uniti e impone che l’esercito americano si equipaggi per “prevalere nel conflitto” contro Mosca “se la deterrenza fallisce”.

“Sembra che il ‘fantasma’ dell’Unione Sovietica stia ancora infestando i corridoi del potere nella capitale americana, e la guerra di Сold non è affatto finita”. Antonov ha detto a Newsweek. “Molti politici qui pensano e agiscono ancora secondo le leggi di quel periodo storico. Credono che il ripristino del prestigio internazionale della Russia con l’ascesa al potere di Vladimir Putin nel nostro paese sia diventato un “mal di testa” per Washington.

“Con il conflitto in Ucraina, gli Stati Uniti sono in una posizione migliore per attuare le loro ‘idee fixe’ per indebolire la Russia”, ha aggiunto. Antonov ha detto. “È molto più facile consolidare la società all’interno degli Stati Uniti e nel campo occidentale nel suo complesso attorno all’immagine di un ‘nemico straniero che mina i valori del mondo democratico’”.

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti possono usare “la Russia per giustificare la sua spesa militare senza precedenti”, mentre contemporaneamente “rovinano i legami reciprocamente vantaggiosi tra la Russia e l’Europa, rendendo quest’ultima pienamente dipendente da Washington”.

L’embargo energetico autoimposto dall’UE alla Russia – che gli Stati Uniti hanno incoraggiato – è già costato al blocco quasi 1 trilione di dollari, ha riferito Bloomberg domenica. Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha descritto la distruzione dei gasdotti Russia-UE Nord Stream come una “tremenda opportunità” per l’UE di abbandonare il gas russo, e gli Stati Uniti sono già intervenuti per vendere all’Europa il proprio gas naturale liquefatto più costoso.

“A prima vista, può sembrare che gli americani stiano ‘vincendo’ ovunque”, Antonov ha detto. “Tuttavia, le cose sono diverse. È chiaro che siamo all’inizio di un complesso e lungo viaggio di costruzione di un mondo multipolare”, in cui “la Federazione Russa sostiene che gli interessi di tutti i partecipanti dovrebbero essere presi in considerazione nel futuro sistema di relazioni internazionali”.

Le proposte della Russia, ha detto, stanno trovando “sempre più comprensione e sostegno in varie regioni del pianeta”.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi