Zelensky nel suo discorso di Capodanno ha rivelato molto più di quanto volesse

Andrew Korybko – 01/01/2023

Zelensky’s New Year’s Address Revealed A Lot More Than He Intended (substack.com)

 

Zelensky non è noto per aver mai detto molto di sostanza, e il suo discorso di Capodanno non è stato un’eccezione. È stato solo un gigantesco appello emotivo agli ucraini che rivela molto sulle insicurezze della sua parte quando legge tra le righe. Gran parte di esso era solo lui che elencava i nomi delle città ucraine nella speranza di motivare i loro residenti a continuare a combattere, ma altri inavvertitamente hanno detto molto più di quanto intendesse.

Ad esempio, all’inizio ha sbraitato che “Quest’anno può essere definito un anno di perdite per l’Ucraina, per l’intera Europa e per il mondo intero. Ma è sbagliato. Non dovremmo dirlo. Non abbiamo perso nulla. Ci è stato tolto. L’Ucraina non ha perso i suoi figli e le sue figlie: sono stati portati via dagli assassini. Gli ucraini non hanno perso le loro case – sono stati distrutti dai terroristi. Non abbiamo perso le nostre terre: sono state occupate dagli invasori. Il mondo non ha perso la pace, la Russia l’ha distrutta”.

In quel passaggio, Zelensky riconosce che la guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso il suo paese ha effettivamente portato a innumerevoli “perdite per l’Ucraina, per l’intera Europa e il mondo intero”, nonostante cerchi di attribuirle tutte esclusivamente alla Russia. Sta anche ammettendo che la Russia mantiene ancora il controllo della terra che Kiev rivendica come propria per il suo approccio massimalista al conflitto ucraino. Queste quattro osservazioni contraddicono completamente la “narrativa ufficiale” spacciata dai media mainstream occidentali guidati dagli Stati Uniti.

Quando ha implorato che “al momento, quando sembra che non si possa andare oltre, ricordatevi che abbiamo già passato con voi”, il leader ucraino stava reagendo a quei suoi compatrioti che si sono resi conto che sono solo pedine nella guerra per procura della Nuova Guerra Fredda per determinare il corso della transizione sistemica globale. . Sa che non vedono alcun motivo per continuare a combattere, ecco perché ha cercato di incoraggiarli a portare avanti i suoi appelli emotivi.

Questi includevano forse l’ammissione più schiacciante che un leader abbia mai fatto durante un conflitto. Secondo Zelensky, “Tutti sono importanti in guerra. Chi impugna un’arma, il volante di un’auto, il timone di una nave o di un aereo, un bisturi o un puntatore. Tutti quelli che sono dietro un computer portatile, che guidano una mietitrebbia, un treno. Chi è a un posto di blocco e una centrale elettrica. Giornalisti e diplomatici, lavoratori dei servizi pubblici e soccorritori”.

Senza rendersene conto, il leader ucraino ha sostanzialmente sostenuto che tutte le persone di cui sopra sono presunti obiettivi legittimi. Non solo, ma sta tacitamente ammettendo che l’SBU gestisce effettivamente una rete di troll fascisti quando elogia il ruolo di “tutti coloro che sono dietro un laptop”. Il suo riferimento ai “lavoratori delle utility” che sono anche “importanti in guerra” mostra che la Russia non dovrebbe essere criticata per aver preso di mira alcune infrastrutture che aiutano l’aggressione militare del suo nemico.

Il suo elogio dei “giornalisti” può essere interpretato sia come un riconoscimento del ruolo che la guerra dell’informazione a sostegno della sua parte ha svolto nel conflitto finora, sia come la sua convinzione che i giornalisti del suo nemico siano obiettivi legittimi per lo stesso motivo. Questo è probabilmente il più vicino che Kiev arriverà mai a confermare le fonti ufficiali statunitensi anonime del Washington Post che hanno detto loro in ottobre che il loro governo incolpa i suoi delegati per l’assassinio terroristico della giornalista russa Darya Dugina.

Rimuovendo ogni ambiguità sulla sua mentalità di guerra totale, Zelensky ha dichiarato che “Non ci sono piccole questioni in una grande guerra. Non ce ne sono di inutili. Ognuno di noi è un combattente. Ognuno di noi è una facciata. Ognuno di noi è la base della difesa”. Ciò non lascia dubbi sull’osservazione di cui sopra relativa alla sua piena militarizzazione della società, il che significa tecnicamente che nessuno è più un civile e può quindi essere legittimamente preso di mira anche se la Russia continua a concentrarsi solo su obiettivi militari tradizionali.

L’ultima parte del suo discorso in cui ha inavvertitamente toccato qualcosa che non avrebbe dovuto è stata quando ha detto che “Il mondo ha ascoltato l’Ucraina. Parlamento europeo, Bundestag, Parlamento del Regno Unito, Knesset, Congresso degli Stati Uniti. Il mondo ha sentito l’Ucraina. L’Ucraina nei media. Nel cuore delle persone. Nella parte superiore della ricerca di Google. Il mondo ha visto l’Ucraina. Nelle piazze principali di Toronto, New York, Londra, Varsavia, Firenze, Sydney e altre città”.

Il passaggio precedente mostra quanta importanza attribuisce alle sue apparizioni programmate e il ruolo che crede che giochino nel rafforzare lo spirito degli ucraini. Loro e l’Ucraina non sono oggetto dell’invidia di tutti come lui ha lasciato intendere, ma di un crescente fastidio che viene loro imposto dai loro leader che non si stancano mai di tifare per Kiev in questa epocale guerra per procura. Tutto è accuratamente coreografato, ma anche lui stesso ha recentemente ammesso che è insufficiente.

Zelensky ha detto al Congresso durante il suo viaggio a Washington il mese scorso che il Sud del mondo, che rappresenta la stragrande maggioranza dell’umanità, non è stato vinto nella battaglia per i cuori e le menti. Ciò dimostra che le somme incalcolabili spese per propagare la causa della sua parte non sono riuscite a nient’altro che a creare una camera di eco tra il miliardo d’oro [Golden Billion] dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti. Lo sa anche lui, motivo per cui ha menzionato solo le città e i parlamenti occidentali nel suo discorso di Capodanno invece di quelli non occidentali.

Esaminando tutto ciò che Zelensky ha inavvertitamente rivelato nel suo discorso, è chiaro che è insicuro del sostegno del suo popolo per perpetuare indefinitamente questa guerra per procura e del continuo sostegno del suo patrono. Il tutto puzza di disperazione, ergo l’enfasi sugli appelli emotivi. Non aveva intenzione di farlo, ma ha anche attirato un bersaglio su tutto il suo paese sostenendo che ogni membro della società è parte della sua “guerra”. Col senno di poi, Zelensky avrebbe dovuto mantenere il suo discorso breve invece di farneticare come ha fatto.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi