L’Ucraina non smetterà mai di glorificare Bandera, non importa quanto la Polonia si lamenti

Andrew Korybko – 03/01/2023

Ukraine Will Never Stop Glorifying Bandera No Matter How Much Poland Complains (substack.com)

 

Il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki ha espresso pubblicamente la sua profonda indignazione per la glorificazione del collaboratore nazista Stepan Bandera da parte del Parlamento ucraino in un tweet ora cancellato che celebrava il suo 114 ° compleanno il 1 ° gennaio. TVP World, finanziato pubblicamente, ha detto di aver detto al suo omologo ucraino Denis Shymgal quanto ciò fosse inaccettabile, aggiungendo che Morawiecki ha anche condiviso l’esperienza di sua madre con la milizia terroristica UPA di Bandera nell’era polacca Ivano-Frankivsk (precedentemente Stanislawow).

La sua protesta non farà alcuna differenza, dal momento che l’Ucraina non smetterà mai di glorificare Bandera, non importa quanto la Polonia si lamenti. Dopo che il presidente polacco Andrzej Duda ha ospitato il suo omologo Vladimir Zelensky il mese scorso sulla via del ritorno a Kiev dopo il suo viaggio a Washington, nonostante il leader ucraino non si sia scusato per l’attacco missilistico accidentale del suo paese a metà novembre che ha ucciso due polacchi, è diventato chiaro che Kiev è il vero “partner anziano” nella confederazione polacco-ucraina de facto.

La verità è che la Polonia, un tempo orgogliosa, è stata ridotta a un “sugar daddy geopolitico” dall’Ucraina a causa della disperazione della leadership del primo di ritagliarsi una “sfera di influenza” nell’Europa centrale e orientale (CEE), a tal fine si sottomette sempre a tutte le richieste di Kiev. In pratica, ciò significa che l’Ucraina può accidentalmente bombardare la Polonia impunemente e glorificare Bandera a livello statale senza conseguenze, sapendo perfettamente che Varsavia continuerà a darle tutto ciò di cui ha bisogno per combattere la Russia.

C’è poco che il popolo polacco possa fare dal momento che l’espressione pubblica di opinioni contraria sulla guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina è tabù e rischia di essere diffamato come un cosiddetto “agente russo” o addirittura danneggiato da folle nazionaliste nello scenario peggiore. Mentre un numero crescente di loro si lamenta dei privilegi che il loro governo ha precedentemente concesso ai milioni di rifugiati ucraini che si sono riversati nel loro paese, pochi osano criticare il conflitto stesso.

Il partito al potere “Diritto e Giustizia” (PiS per il suo acronimo polacco) ha manipolato le percezioni popolari a tal punto che soddisfare ogni richiesta di Kiev è oggi considerato un cosiddetto “dovere patriottico”. Zelensky e i suoi simili, come veri “partner senior” nella confederazione di fatto polacco-ucraina, sono quindi irreprensibili. Anche la loro glorificazione di Bandera, i cui seguaci fascisti hanno genocidato 100.000-200.000 polacchi durante la seconda guerra mondiale, non può essere criticata troppo apertamente.

Dopotutto, i media mainstream (MSM) dell’Occidente guidati dagli Stati Uniti hanno già rivisto la storia nell’ultimo anno a tal punto che tutte le condanne dei collaboratori genocidi di Hitler (che hanno anche massacrato numerosi ebrei) sono considerate la cosiddetta “propaganda russa”. Ciò ha portato i partner della Polonia a ridefinire il patriottismo polacco e ad imporre il loro nuovo concetto ai polacchi, in base al quale coloro che avevano orgogliosamente condannato Bandera per rispetto dei loro compatrioti caduti sono ora visti con sospetto come “traditori filo-russi”.

I patrioti polacchi in buona fede non possono più amare il loro paese, la sua storia e il suo popolo più di quanto odiano la Russia, dal momento che ora dovrebbero ingoiare il loro orgoglio accettando almeno passivamente la glorificazione dell’Ucraina dello stesso criminale di guerra letterale che ha genocidato il loro popolo decenni fa. Dal momento che Bandera è considerato da molti ucraini come il loro cosiddetto “padre fondatore” e la sua tossica russofobia li ispira a continuare a combattere, criticarlo è “politicamente scorretto” nel Golden Billion.

Questo blocco de facto della Nuova Guerra Fredda crede che tutti gli sforzi debbano essere fatti da tutti per perpetuare indefinitamente la guerra per procura della NATO contro la Russia, e “rovinare gli spiriti degli ucraini” ricordando loro fatti oggettivamente esistenti e facilmente verificabili su questo leader fascista è considerato “controproducente”. Ci si aspetta quindi che i polacchi stiano zitti su di lui, mentre al loro governo è permesso solo occasionalmente di segnalare la loro obiezione alla glorificazione di Bandera da parte di Kiev per placare il suo popolo.

La Polonia non ha l’approvazione degli Stati Uniti per fare qualcosa di significativo per punire l’Ucraina per il suo revisionismo storico, come minacciare di negare il sostegno militare a quell’ex Repubblica sovietica. Nello scenario estremamente improbabile che Varsavia abbia mai seriamente tollerato una cosa del genere, la guerra ibrida congiunta USA-Germania contro la Polonia verrebbe immediatamente ripresa nel perseguimento del cambio di regime in vista delle elezioni generali di questo autunno, che potrebbero anche comportare sanzioni con pretesti pretestuosi per manipolare l’elettorato.

La tragica ironia è che per quanto il PiS volesse ritagliarsi la propria “sfera di influenza” regionale nel corso del conflitto ucraino, ha inavvertitamente portato la Polonia a cadere sotto una combinazione di influenza americana, tedesca e persino ucraina. Questo aspirante leader è ora ridotto a un “sugar daddy geopolitico” che continua ad alimentare la progenie del suo nemico esistenziale fascista dell’era della seconda guerra mondiale sotto il dolore del cambio di regime se osa trattenere gli aiuti per protestare contro la glorificazione di Bandera da parte di Kiev.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi