Zakharova: un tentativo di giustificare l’uso del saluto di Bandera con una “battuta” non passerà

MOSCA, 3 gennaio. /TASS/.

Захарова: попытка оправдать использование бандеровского приветствия “шуткой” не пройдет (tass.ru)

 

Il diplomatico ha ricordato che nell’agosto del 1939 si tenne il secondo congresso dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini nell’Italia fascista.

Tentativi di giustificare il presunto uso umoristico del saluto dei nazionalisti ucraini “Gloria all’Ucraina! Gloria agli eroi!” “non passerà”. Lo ha scritto martedì nel suo canale Telegram il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova.

“È così che i collaboratori in quegli anni salutavano le unità SS e Wehrmacht, non solo per il loro uso interno, ma per la loro identificazione davanti alle SS di Hitler. Le scuse degli slogan di oggi che è “come per scherzo” non funzioneranno. Ogni volta che questi codici-password vengono utilizzati, salutano il fascismo e il nazismo”, ha detto.

Il diplomatico ha ricordato che nell’agosto del 1939 si tenne nell’Italia fascista il secondo congresso dell’Organizzazione dei nazionalisti ucraini (OUN). “Al congresso, una delle decisioni è stata l’adozione di un unico saluto degli ucrofascisti in quel momento: “Gloria all’Ucraina!” e un grido di risposta “Gloria al leader!” (Chiefs of Glory)”, ha spiegato il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo.

Zakharova ha attirato l’attenzione sul fatto che nel 1941, dopo la scissione in due fazioni dell’OUN, “i sostenitori di Bandera hanno tenuto il loro secondo congresso dell’Organizzazione dei nazionalisti dell’Ucraina a Cracovia, dove è apparso lo slogan “Gloria all’Ucraina” – “Gloria agli eroi!”. ” Sia il saluto che la risposta: entrambe le frasi sono state approvate e concordate come saluti simbolici l’una all’altra. Chiama i segnali di un tipo, un tale codice di riconoscimento “amico o nemico”, ha detto. – Allo stesso tempo, i Melnicoviti, per sottolineare l’isolamento, usarono la frase “Gloria al Leader!” come risposta.

Un altro momento piccante è che l’espressione del grido, secondo i documenti approvati al congresso del 1941, fu accompagnata da un gesto: “il saluto avviene sotto forma di alzare una mano destra dritta con un angolo a destra leggermente sopra la testa”, ha aggiunto Zakharova.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi