Per la liberazione di Leonard Peltier (detenuto negli USA), un invito a scrivere agli europarlamentari

PeaceLink – 04/01/2023

 

Invito a scrivere alle ed ai parlamentari italiani che siedono nel Parlamento Europeo affinche’ uniscano la loro voce alla richiesta della liberazione di Leonard Peltier, proseguendo nell’impegno gia’ espresso dal Parlamento Europeo nel 1994 e nel 1999 e rinnovato nel 2021 dal Presidente David Sassoli.

Gli indirizzi di posta elettronica delle e dei parlamentari europei sono disponibili nel sito del Parlamento Europeo (www.europarl.europa.eu).
Modello di lettera:

Egregie ed egregi parlamentari europei,
conoscete gia’ la vicenda di Leonard Peltier, l’illustre attivista nativo americano difensore dei diritti umani di tutti gli esseri umani e dell’intero mondo vivente, da 47 anni detenuto innocente.
E sapete anche che la sua liberazione nel corso di quasi mezzo secolo e’ stata richiesta da personalita’ come Nelson Mandela, madre Teresa di Calcutta, Desmond Tutu, Rigoberta Menchu’, Shirin Ebadi, papa Francesco, il Dalai Lama ed innumerevoli altre.
Ricorderete anche che il compianto Presidente del Parlamento Europeo, David Sassoli, pochi mesi prima dell’improvvisa scomparsa, aveva promosso un appello per la liberazione di Leonard Peltier. E del resto il Parlamento Europeo gia’ negli anni Novanta del secolo scorso aveva ripetutamente richiesto la sua liberazione.
Negli ultimi mesi due nuovi autorevoli inviti sono stati rivolti al Presidente degli Stati Uniti d’America affinche’ conceda la grazia che liberi l’illustre attivista nativo americano: alcuni mesi fa la commissione giuridica ad hoc dell’Onu; e lo scorso settembre con voto unanime il comitato nazionale del Partito Democratico statunitense (il partito politico cui appartiene lo stesso Presidente Biden).
Sarebbe di grande importanza che anche il Parlamento Europeo volesse ancora una volta unire la sua voce all’appello promosso da prestigiosissime personalita’, innumerevoli associazioni umanitarie (prima fra tutte Amnesty International), istituzioni di tutto il mondo, affinche’ il Presidente statunitense conceda la grazia che restituisca la liberta’ a un uomo innocente che e’ ormai per l’umanita’ intera testimone e simbolo della lotta per i diritti umani e dei popoli e per la difesa della Madre Terra.
Per tutto quanto precede siamo quindi a pregarvi di un vostro autorevole impegno a richiedere al Presidente degli Stati Uniti d’America la concessione della grazia che restituisca la liberta’ a Leonard Peltier.
Il modello delle lettera è stato realizzato dal Centro di ricerca per la pace di Viterbo che cura la mailing list nonviolenza di PeaceLink
Una scheda su Peltier: clicca qui
Un libro di Peltier con prefazione di Ramsey Clark
La mia danza del sole
Accusato ingiustamente dal governo americano – ricorrendo a strumenti legali, paralegali e illegali – dell’omicidio di due agenti dell’FBI nel 1975 (un breve resoconto tecnico della farsa giudiziaria è affidata all’ex ministro della giustizia degli Stati Uniti Ramsley Clark, autore della prefazione), Peltier, al tempo uno dei leader di spicco dell’American Indian Movement (AIM), marcisce in condizioni disumane in una prigione di massima sicurezza da quasi trent’anni. Nonostante la sua innocenza sia ormai unanimemente sostenuta dall’opinione pubblica mondiale, nonostante una campagna internazionale in suo favore che ha coinvolto il Dalai Lama, Nelson Mandela, il subcomandante Marcos, Desmond Tutu, Rigoberta Menchu, Robert Redford (che sulla vicenda di Peltier ha prodotto il documentario Incident at Oglala), Oliver Stone, Howard Zinn, Peter Matthiessen, il Parlamento europeo e Amnesty International, per il governo americano il caso del prigioniero 89637-132 è chiuso. Non sorprende dunque che Peltier sia divenuto un simbolo dell’oppressione di tutti i popoli indigeni del mondo.
«Nel caso di Peltier si sono verificate enormi anomalie giudiziarie. Leonard Peltier è una persona piena di umanità e per questa regione io sarò accanto a tutti coloro che lo sostengono finché non lo vedremo libero». (Rigoberta Menchù, premio Nobel per la Pace)
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi