Spionaggio britannico, spregiudicatezza senza scrupoli

Giuliano Longo – Ore12 – 04/01/2022

Spionaggio britannico, spregiudicatezza senza scrupoli   – Ore12

 

I file trapelati alla pubblicazione indipendente di inchiesta giornalistica The Grayzone, rivelano che la società di spionaggio Anomaly 6 ha fornito  informazioni all’esercito britannico sull’attentato al ponte di Kerch e altri atti di pericoloso sabotaggio nel conflitto ucraino.

Il 6 dicembre, The Grayzone ha rivelato come le agenzie militari e di intelligence britanniche stiano implementando la tecnologia creata dall’oscura società di intelligence privata Anomaly 6 per spiare illegalmente i cittadini di tutto il mondo.

La tecnologia dell’azienda trasforma efficacemente ogni individuo sulla Terra in un potenziale bersaglio per la sorveglianza e/o il reclutamento di risorse monitorando i movimenti del proprio smartphone.

Anomaly 6 incorpora il software di tracciamento nelle applicazioni più diffuse, quindi analizza strati di dati teoricamente anonimi per scoprire una grande quantità di informazioni sensibili sul proprietario di un dispositivo.

I servizi di Anomaly 6 vengono forniti ai soldati e alle spie britanniche tramite Prevail Partners, una compagnia militare privata che The Grayzone ha smascherato come braccio destro del Governo Britannico per proseguire la sua guerra per procura in Ucraina.

L’azienda ha costruito un esercito terroristico partigiano segreto per conto di Kiev e ha contribuito a pianificare l’attentato al ponte di Kerch da parte dei servizi dell’Ucraina.

Ora, Grayzone può rivelare che Prevail sta sfruttando Anomaly 6 per fornire “intelligence abilitante alle decisioni all’architettura di difesa e sicurezza del Regno Unito”.

I file trapelati anonimamente  rivelano che la Defense Intelligence Agency (DIA) britannica ha utilizzato la tecnologia di Anomaly 6 per monitorare e tracciare i movimenti del personale militare e dell’intelligence russa in tempo reale, sia  di gruppo che individuale. Attraverso una raccolta aggressiva di dati, la tecnologia ha consentito la pianificazione  offensive militari e attacchi di artiglieria, omicidi, reclutamento di risorse e altre misure.

I file trapelati sollevano seri interrogativi sul fatto che la tecnologia di Anomaly 6 sia stata utilizzata durante il conflitto ucraino in una serie di operazioni mirate contro individui e infrastrutture specifici. Se lo ha fatto, la Gran Bretagna ha la responsabilità ultima per l’esito di queste azioni inquietanti, che in alcuni casi equivalgono a crimini contro l’umanità.

Come The Grayzone ha già dimostrato, Anomaly 6 commercializza la sua tecnologia con impeccabile precisione, mentre recupera enormi quantità di dati privati ​​e prende di mira individui innocenti, dipingendoli falsamente come pericolosi per la sicurezza nazionale.

L’approccio dell’azienda aumenta l’ovvio rischio che i cittadini russi e ucraini vengano identificati dall’apparato di intelligence militare britannico, con conseguenze pericolose se non mortali.

Quando la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022, Anomaly 6 stava già fornendo i suoi servizi di sorveglianza al Ministero dell’Interno britannico tramite Prevail. Nel corso di diversi mesi, l’azienda ha accumulato un conto multimilionario.

Anomaly 6 ha venduto la sua tecnologia alla Gran Bretagna come mezzo innovativo per tracciare i movimenti dei rifugiati appena arrivati ​​nel paese. A loro insaputa i migranti sono stati guidati attraverso “porte di raccolta dati passiva” non appena si sono registrati presso i centri per l’immigrazione.

I loro telefoni sono stati poi contrassegnati per il monitoraggio nella speranza che potessero portare le autorità a bande criminali e trafficanti di esseri umani.

È probabile che questa connivenza sia stata del tutto illegale ai sensi delle leggi sulla protezione dei dati e della Convenzione europea dei diritti umani.

Non appena Mosca ha lanciato la sua operazione militare, il governo britannico ha approfondito il  coinvolgimento con Anomaly 6. La Defense Intelligence Agency di Londra ha sollecitato quello che ha chiamato “Project MATTERHORN”, un processo in cui Prevail ha fornito “telemetria commerciale basata sulla posizione” di Anomaly 6 data,” in Bielorussia, Russia e Ucraina.

Sei settimane dopo, Prevail ha scritto all’Intelligence britannico delineando i costi dei pacchetti di estensione di tre e sei mesi. Apparentemente l’Agenzia britannica li ha accettati con la seconda offerta e due giorni dopo aver ricevuto la presentazione di Anomaly 6, la società ha fornito una proposta dettagliata e un contratto a Prevail.

Per 708.750 dollari nel semestre, Anomaly 6 è stato incaricato di fornire “un feed di dati specifici per paese contenente dati di telemetria commerciale di prima parte raccolti e consegnati all’infrastruttura basata su cloud diretta dal cliente”. Se l Defence Intelligence britannica lo richiede, “ulteriori paesi, regioni o domande” potrebbero essere aggiunti in qualsiasi momento durante il contratto.

I servizi di Anomaly 6 sono considerati preziosi dalla DIA e i  file esaminati da The Grayzone includono casi di studio che mostrano come la tecnologia dell’azienda sia stata utilizzata sia prima che dopo l’invasione russa “per ottenere una comprensione in tempo reale/quasi in tempo reale per la disposizione di “truppe, attrezzature e materiali letali” russi.

Ad esempio, Anomaly 6 ha monitorato la formazione militare pre-invasione di Mosca a partire dall’aprile 2021. Raccogliendo i segnali dei dati degli smartphone generati in un’area di addestramento dell’esercito russo a sud di Voronezh, la società ha identificato oltre 100 dispositivi che erano stati utilizzati presso la struttura ed è stata in grado di determinare un chiaro “schema di vita”, compresi gli indirizzi di casa (o “posti a letto”), le aree e i siti visitati di frequente e i luoghi di lavoro per ciascun utente.

Queste informazioni, suggeriva Anomaly 6, potrebbero essere utilizzate per “osservare i movimenti delle truppe in una potenziale zona di conflitto e molto altro ancora: la combinazione di questi dati con altri set di dati open source e classificati, consente e autorizza ulteriormente il cliente a ottenere risultati di successo della missione. “

Lo spyware di Anomaly 6 è stato utilizzato anche per “confermare” i rapporti di “siriani addestrati dai russi” nel conflitto, incrociando i dati per trovare smartphone attivi in ​​Siria nel 2021 che sarebbero stati rilevati in Ucraina nel marzo 2022.

Alcuni sono stati rintracciati a Voronezh struttura di addestramento, che la società ha ipotizzato “potrebbe essere un punto di sosta per integrare i siriani nelle forze russe sull’asse di Kharkiv”.

Tuttavia, l’azienda non ha considerato la possibilità di aver effettivamente rintracciato i dispositivi dei consiglieri militari russi distaccati a Damasco prima di dirigersi in Ucraina. Anche i principali think tank occidentali hanno respinto l’affermazione che i combattenti siriani siano stati attivi nel teatro ucraino.

Anomalia 6 confonde le identità dei bersagli, mettendo a grave rischio gli innocenti dichiarando di aver raggiunto una capacità di identificazione del bersaglio estremamente precisa.

La Gran Bretagna ormai è il pierino degli Stati Uniti a tutti i livelli, forse meore di defunti fasti imperiali.

Si ricorda che il 20 agosto, il servizio di sicurezza (SBU) dell’Ucraina addestrato dalla CIA ha assassinato Daria Dugina, la figlia del filosofo nazionalista russo Aleksandr Dugin, poi ci sono gli squadroni della morte del battaglione neonazista Azov che cacciano freneticamente i “collaborazionisti” nel territorio occupato dai russi. Anche  a loro è stato concesso l’uso dello spyware di Anomaly 6?

Questi sono solo alcuni degli innumerevoli scenari in cui la tecnologia di Anomaly 6 avrebbe potuto funzionare. E non è solo la DIA di Londra si avvale, per gentile concessione, di Prevail, ma anche  anche il quartier generale congiunto permanente della Gran Bretagna, unità di spionaggio militare d’élite assortite, forze speciali come SAS e SBS, GCHQ, MI5 e MI6.

Il coinvolgimento di Prevail nel complotto dell’attentato al ponte di Kerch in Crimea, dimostra la totale mancanza di scrupoli della compagnia per le vittime civili e il chiaro interesse per gli atti terroristici.

Si pensi che originariamente il sabotaggio del ponte si proponeva di far saltare in aria una nave piena di nitrato di ammonio sotto la struttura, sull’esempio della carneficina causata dall’esplosione al porto di Beirut del 2020, che ha ucciso centinaia di persone, ferendone migliaia e inflitto miliardi di danni. Un bell’esempio da emulare.

La condivisione dell’intelligence di Washington con l’Ucraina è ben nota e si è dimostrata fondamentale per l’esecuzione di una serie di operazioni di azioni controffensive di successo. Tuttavia, la Casa Bianca afferma di osservare rigidi limiti su ciò che rivela e quando, al fine di prevenire una guerra più ampia con Mosca. Ciò include il divieto di fornire informazioni mirate di precisione per alti funzionari russi  nome per nome.

Nessuna riserva o restrizione di questo tipo sembra esistere nel caso di Londra poiché la posizione  del governo britannico, dei servizi segreti e dell’esercito sembra essere che la guerra per procura debba essere intensificata il più possibile e all’interno dei circoli dell’intelligence militare di Londra, qualsiasi esercizio di prudenza da parte dell’amministrazione Biden è visto come un riflesso di codardia.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi