Ucraina nucleare? Tra le “preoccupazioni” per la presunta minaccia russa, il mondo trascura il vero pericolo

Olga Sukharevskaya, ex diplomatica ucraina – RT – 06/01/2023

Ucraina nucleare? Tra le “preoccupazioni” per la presunta minaccia russa, il mondo trascura il vero pericolo – RT Russia ed ex Unione Sovietica

 

L’anno scorso, i media occidentali e i politici di alto rango hanno discusso attivamente la possibilità che le truppe russe usino armi atomiche in Ucraina. Ci sono state anche speculazioni sulla probabilità che scoppi una guerra nucleare. Tuttavia, si potrebbe dire che il rischio è probabilmente molto più alto dall’altra parte delle barricate.

Storia atomica dell’Ucraina

L’Ucraina era uno stato nucleare dopo il crollo dell’URSS, quando 1.700 testate atomiche attive rimasero nel paese. I suoi politici di quel tempo ebbero la prudenza di abbandonare questo status. Le armi sono state portate in Russia sotto controllo internazionale e i loro mezzi di consegna sono stati distrutti. I silos missilistici ucraini, ad eccezione di uno che ora è un museo vicino a Kiev, sono stati fatti saltare in aria, mentre i suoi bombardieri strategici in grado di trasportare armi nucleari sono stati trasferiti in Russia o distrutti.

Nonostante questo, c’erano ancora molti specialisti nucleari in Ucraina, poiché la ricerca sulla fissione nucleare è stata condotta a Kharkov dal 1930. Inoltre, cinque centrali nucleari sono state costruite in Ucraina durante gli anni sovietici: Zaporozhye, Rovno, Khmelnitsky e Sud-Ucraina, così come la famigerata Chernobyl, dove un incidente che ha coinvolto un’unità elettrica ha portato a un’esplosione che ha vomitato ricadute radioattive in tutta Europa.

Inoltre, l’uranio viene estratto in un deposito nella regione ucraina di Kirovograd e arricchito in un impianto nella città di Zheltye Vody. Negli anni 2010, c’erano piani con la russa Rosatom per costruire un impianto in Ucraina che avrebbe prodotto combustibile per le centrali nucleari. Tuttavia, questi sono stati abbandonati dopo il colpo di stato di Maidan nel 2014, quando il paese ha adottato una posizione contraddittoria nei confronti della Russia.

RT
Impianto minerario e di trasformazione Vostochny. © uatom.org

Attualmente, tre delle cinque centrali nucleari originali dell’Ucraina rimangono sotto il suo controllo. Chernobyl, che ha continuato a generare elettricità anche dopo l’incidente del 1986, è stata finalmente dismessa nel 2020, mentre Zaporozhye, la più grande centrale nucleare d’Europa, è sorvegliata dalle truppe russe dallo scorso anno. Attualmente è gestito da Rosatom ma non produce elettricità, in gran parte per motivi di sicurezza. Ciò è dovuto ai regolari attacchi di razzi e artiglieria da parte delle truppe ucraine, che hanno danneggiato numerosi pezzi di equipaggiamento ausiliario.

Spingere per riottenere le armi nucleari

Va notato che non tutti in Ucraina erano felici che il paese rinunciasse alle sue armi nucleari. I politici ucraini hanno spesso fallito nel nascondere il fatto che il loro sogno di riottenere armi nucleari non è tanto legato alla sicurezza del loro paese, quanto al desiderio di dettare la loro volontà al resto del mondo. I nazionalisti radicali ucraini erano particolarmente insoddisfatti dell’abbandono dello status nucleare del paese, e molti dei loro manifesti contengono una clausola che ne chiede il ripristino.

Ad esempio, “il ritorno delle armi nucleari” è specificamente citato come obiettivo nel paragrafo 2 della sezione Dottrina militare nella dichiarazione del programma dell’organizzazione Patriot of Ukraine, mentre il paragrafo 7 della sua sezione Politica estera recita: “L’obiettivo finale della politica estera ucraina è il dominio del mondo”. Patriot of Ukraine è stato creato nel 2014 dal famigerato Andrey Biletsky, che lo ha formato sulla base dell’ideologia del battaglione neonazista Azov e aveva sognato che l’Ucraina possedesse armi nucleari già nel 2007.

Nel 2009, il Consiglio regionale di Ternopil, che era allora dominato dal partito neonazista Svoboda di Oleg Tianibok (chiamato Partito social-nazionale fino al 2004), chiese che il presidente, il primo ministro e il capo della Verchovna Rada dell’Ucraina “terminassero il Memorandum di Budapest del 1994 e ripristinassero lo status nucleare dell’Ucraina”.

Il desiderio dell’Ucraina per una bomba atomica è aumentato soprattutto dopo il febbraio 2014. In un’intervista a USA Today nel marzo di quell’anno, il deputato ucraino Pavel Rizanenko ha definito l’adesione dell’Ucraina al Trattato di non proliferazione delle armi nucleari un “grosso errore”. E questa non era solo l’opinione di un deputato. Solo pochi giorni dopo, i rappresentanti del partito Batkivshchyna, guidato dall’ex primo ministro Yulia Timoshenko, e UDAR, guidato dall’attuale sindaco di Kiev, Vitaly Klitschko, tra cui il segretario della commissione parlamentare per la sicurezza nazionale e la difesa, Sergey Kaplin, hanno presentato un disegno di legge sul ritiro dal trattato di non proliferazione. Kaplin ha affermato che l’Ucraina potrebbe creare armi nucleari in soli due anni perché aveva già quasi tutto il necessario: materiali fissili, attrezzature (eccetto centrifughe), tecnologia, specialisti e persino mezzi di consegna. Nel settembre dello stesso anno, anche il ministro della difesa ucraino, Valery Geletey, ha espresso il desiderio di sviluppare armi nucleari.

RT
(L) Andriy Biletsky; c) Oleh Tyahnybok; (R) Serhiy Kaplin © Pavlo Conchar / SOPA Images / LightRocket via Getty Images; STR / NurPhoto tramite Getty Images; Collegamenti esterni

Nel dicembre 2018, l’ex rappresentante della missione ucraina presso la NATO, il maggiore generale Pyotr Garashchuk, ha annunciato la reale possibilità che l’Ucraina crei le proprie armi nucleari. Nel 2019, Aleksandr Turchinov, che ha usurpato il potere in Ucraina nel febbraio del 2014, ha definito la rinuncia dell’Ucraina alle armi nucleari un “errore storico”. Dopo di lui, nell’aprile 2021, l’ambasciatore ucraino in Germania, Andrey Melnik, ha dichiarato che se l’Occidente non avesse aiutato l’Ucraina nel suo confronto con la Russia, il paese avrebbe lanciato un programma nucleare e creato una bomba atomica. E il 19 febbraio 2022, prima dell’inizio dell’operazione militare speciale della Russia, il presidente ucraino Vladimir Zelensky ha annunciato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco che l’Ucraina ha il diritto di abbandonare il Memorandum di Budapest, che proclamava lo status di libero nucleare del paese.

Forse la dichiarazione più sorprendente di un politico ucraino è stata fatta da David Arakhamia, il capo della fazione parlamentare al potere del parlamento ucraino, Servo del popolo. “Potremmo ricattare il mondo intero e ci verrebbero dati soldi per il servizio (armi nucleari), come sta accadendo in molti altri paesi ora”, ha detto a metà del 2021.

Gamma di possibilità

L’Ucraina è tecnicamente in grado di creare una bomba atomica? Assolutamente. Sì, arricchire l’uranio-235 alla purezza necessaria per innescare una reazione a catena costerebbe molto, principalmente per creare centrifughe per separare gli isotopi. Tuttavia, anche se questo può essere il modo più efficace per separare gli isotopi, non è l’unico. Le prime bombe americane sganciate su Hiroshima e Nagasaki sono state create senza l’uso di questa tecnologia.

Inoltre, non bisogna dimenticare che non ci sono solo bombe all’uranio, ma anche al plutonio. I reattori autofertilizzanti sono usati per sintetizzare questo elemento chimico, il più delle volte utilizzando la tecnologia dei reattori ad acqua pesante, e i reattori di ricerca sono in grado di produrre plutonio per uso militare. Attualmente esiste un impianto di ricerca nucleare presso l’Istituto di fisica e tecnologia di Kharkov e un reattore VVR-M adatto alla produzione di plutonio presso l’Istituto per la ricerca nucleare dell’Accademia nazionale delle scienze dell’Ucraina a Kiev. Fino al marzo 2022, c’era un impianto costruito negli Stati Uniti a Kharkov che poteva produrre isotopi irradiando i materiali di partenza con un potente flusso di neutroni, che poteva anche essere utilizzato per sviluppare materiali fissili per una bomba.

RT
Impianto nucleare «Neutron Source»

Inoltre, l’Ucraina ha la capacità tecnica di creare un’arma nucleare basata sull’uranio-233, piuttosto che sull’uranio-235, che viene solitamente utilizzato. Una bomba simile fu testata dagli Stati Uniti nel 1955 durante l’Operazione Teiera, e la sua potenza era paragonabile a quella della bomba Fat Man che distrusse la città giapponese di Nagasaki. Per ottenere l’uranio-233, è sufficiente sostituire uno dei gruppi di combustibile di un reattore della centrale nucleare convenzionale con una cassetta al torio-232, una cui fornitura si trova vicino a Mariupol, una città che è stata ferocemente difesa dai nazionalisti ucraini del reggimento Azov all’inizio di quest’anno.

C’è un altro segno indiretto che entrambe le versioni all’uranio e plutonio delle armi nucleari sono state segretamente sviluppate sotto la direzione delle autorità post-Maidan. All’inizio del 2021, l’Ucraina ha completamente vietato l’esportazione di combustibile nucleare esaurito (SNF) in Russia, come richiesto da un accordo sulla sua fornitura da parte di Rosatom. SNF, tra le altre cose, è una fonte di plutonio per uso militare, che può essere isolato dalle celle a combustibile che sono state in un reattore di una centrale nucleare.

L’energia nucleare sull’orlo del disastro

Altrettanto pericolosa è la politica nucleare perseguita dal governo ucraino.

L’Ucraina ha ereditato cinque centrali nucleari con 18 reattori attivi dall’URSS. Tre di loro situati presso la centrale nucleare di Chernobyl sono stati dismessi entro il 2000. Cinque dei sei reattori della centrale nucleare di Zaporozhye, tre dei quattro reattori della centrale nucleare di Rovno, uno dei due reattori della centrale nucleare di Khmelnitsky e tutti e tre i reattori della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale hanno superato la loro durata di vita originale e hanno ricevuto estensioni della loro vita operativa per altri 10-15 anni. Le estensioni della licenza sono state talvolta concesse con violazioni delle normative esistenti poiché, dopo il 2015, l’Ispettorato statale di regolamentazione nucleare dell’Ucraina ha smesso di cooperare con i fornitori russi e non ha revisionato i contenitori dei reattori, che diventano fragili dopo un’esposizione prolungata alle radiazioni neutroniche. Nel 2015, esperti indipendenti hanno notato le condizioni critiche del reattore 1 della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale, che, tuttavia, ha avuto la sua vita utile estesa fino al 2025.

L’Unione ucraina dei veterani dell’energia nucleare e dell’industria ha inviato una lettera di avvertimento al governo nell’aprile 2020, sostenendo che il settore dell’energia nucleare del paese si trovava di fronte a una “situazione minacciosa”, che, secondo gli autori della lettera, potrebbe portare a “una nuova Chernobyl”.

La mancanza di responsabilità, che ha portato al disastro del 1986, non si ferma a trascurare le condizioni tecniche dei reattori che non vengono adeguatamente monitorati e mantenuti dai loro sviluppatori. Durante l’amministrazione del presidente Viktor Juščenko, fu presa la decisione di sostituire alcune delle barre di combustibile standard nei reattori ucraini con gruppi di combustibile senza licenza forniti dalla Westinghouse Electric Company. Nel 2012, quell’esperimento ha portato a un arresto di emergenza del reattore 3 della centrale nucleare dell’Ucraina meridionale, dopo che i gruppi di combustibile Westinghouse sono stati danneggiati a causa delle caratteristiche specifiche del design delle contraffazioni americane.

RT
Un’enorme mappa dell’Ucraina con i colori della bandiera nazionale, si vede di fronte alla centrale nucleare di Yuzhnoukrainsk nella città di Yuzhnoukrainsk, nella regione di Mykolaiv, 300 chilometri a sud di Kiev. © ANATOLII STEPANOV / AFP

Che i gruppi di combustibile fabbricati da Westinghouse tendano a funzionare male nei reattori di progettazione sovietica non era una rivelazione. Hanno ripetutamente causato emergenze nelle centrali nucleari in Finlandia, Ungheria, Repubblica Ceca e Slovacchia, ma ciò non ha scoraggiato la leadership ucraina. Nemmeno le perdite di circa 175 milioni di dollari causate dall’uso di assemblaggi non standard hanno convinto l’Ucraina a condurre esperimenti rischiosi con le sue risorse nucleari.

Il nuovo governo “rivoluzionario”, salito al potere nel 2014, si è affrettato a tuffarsi nei propri esperimenti con l’energia nucleare insieme a Westinghouse, che soffriva di difficoltà finanziarie. Per la società, che ha presentato istanza di fallimento nel 2017, il mercato ucraino avrebbe potuto essere un’ancora di salvezza tanto necessaria – tuttavia, non doveva esserlo, perché ancora una volta è emerso che i gruppi di combustibile contraffatti erano pericolosi per i reattori di tipo VVER. Le emergenze nelle centrali nucleari ucraine sono diventate un evento di routine, eppure le assemblee di Westinghouse rappresentavano il 46% di tutto il combustibile nucleare utilizzato in Ucraina entro la fine del 2018.

Questi esperimenti rischiosi andavano oltre l’uso di gruppi di combustibile non standard. Nell’autunno del 2014, Kiev ha inviato ordini diretti per aumentare la produzione di elettricità presso la centrale nucleare dell’Ucraina meridionale dal 5 al 7%. Per raggiungere questo obiettivo, tre reattori VVER-1000 avrebbero dovuto funzionare in “modalità runaway controllata” e un intero algoritmo è stato sviluppato da ingegneri ucraini e britannici. È stato questo tipo di esperimento che ha portato all’esplosione della centrale nucleare di Chernobyl nel 1986. Un potenziale disastro è stato evitato solo da uno “sciopero italiano” organizzato dal personale della NPP, che si è rifiutato di eseguire gli ordini degli estranei. Questo potrebbe essere stato ciò che intendeva l’ex segretario generale della NATO Anders Fogh Rasmussen quando ha detto: “Abbiamo, su richiesta ucraina, inviato una piccola squadra di esperti civili in Ucraina per assistere gli ucraini nel migliorare la sicurezza delle loro centrali nucleari civili”.

La “convenienza rivoluzionaria” è stata usata come pretesto per un esodo di massa di ingegneri nucleari esperti dalle centrali nucleari ucraine. Come ha detto la deputata ucraina Viktoria Voytsitska nel 2018, letteralmente tutte le categorie di lavoratori stavano pensando di lasciare le centrali nucleari ucraine, dai conducenti di motori a vapore e rigger agli ingegneri che controllavano reattori e altre attrezzature ad alta tecnologia.

RT
Centrale nucleare dell’Ucraina meridionale. © Wikimedia

Provocazione per l’escalation nucleare

Dopo che le forze russe assunsero il controllo della centrale nucleare di Zaporozhye, divenne un bersaglio per incessanti bombardamenti ucraini, a volte con l’uso di sistemi di lancio multiplo di fabbricazione occidentale, artiglieria pesante e droni d’attacco. L’impianto ha subito danni significativi ed è stato costretto a smettere di generare elettricità a causa della distruzione delle apparecchiature ausiliarie e della minaccia per i reattori stessi. Allo stesso tempo, una missione dell’AIEA “non è stata in grado” di stabilire chi stava sparando sul sito nucleare, dove erano presenti soldati russi.

Mentre i media occidentali erano impegnati a fomentare l’isteria sul potenziale uso di armi nucleari tattiche da parte della Russia in Ucraina, è emerso che l’Ucraina stava presumibilmente tramando una provocazione esattamente di quella natura. Secondo i servizi segreti russi, nell’ottobre 2022, l’Eastern Mining and Enrichment Combine nella città di Zheltye Vody e l’Istituto di Kiev per la ricerca nucleare erano nelle fasi finali dello sviluppo di una bomba sporca su ordine del governo ucraino. Un impianto missilistico a Dnepropetrovsk ha costruito un modello del missile russo Iskander, che avrebbe dovuto trasportare una carica radioattiva ed essere “abbattuto” sulla zona di esclusione di Chernobyl. L’obiettivo era accusare la Russia di usare armi nucleari e spingere la NATO a vendicarsi in natura. In altre parole, iniziare una guerra nucleare in Europa.

Tutti questi fatti significano che l’Ucraina di oggi è probabilmente una vera minaccia alla sicurezza nucleare non solo in Europa, ma su scala globale. Ha tutto ciò che ci vorrebbe, dalle persone irresponsabili responsabili della sicurezza e della protezione nei siti nucleari, alle capacità tecniche.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi