Fulvio Grimaldi: “Lula-Bolsonaro: chi c’è, chi ci fa?”

Fulvio Grimaldi – 10/01/2023

MONDOCANE: LULA-BOLSONARO, CHI C’E’, CHI CI FA? — Il gigante latinoamericano, i brasiliani, il mondo (fulviogrimaldi.blogspot.com)

 

LULA-BOLSONARO, CHI C’E’, CHI CI FA? Il gigante latinoamericano, i brasiliani, il mondo

Da Visione TV:

Guidati, interrogati e stimolati da Francesco Toscano, Gianmarco Landi, Romolo Lazzaretti e Fulvio Grimaldi, che ha visto il Brasile nel primo mandato presidenziale di Lula, per poi constatarne la crisi e la caduta, si confrontano con quanto sta succedendo, a partire dall’invasione di Brasilia da parte di sostenitori dell’ex-presidente Bolsonaro. Sostenitori che non accettano il verdetto delle elezioni presidenziali, vinte da Lula Da Silva.

Che giudizio dare dei due contendenti, a partire dal rispettivo retroterra sociale, dalle cose fatte, dalle posizioni assunte, dagli scandali attraversati, e dai riferimenti geopolitici. Bolsonaro che diffida dall’operazione pandemia come viene consacrata negli USA, rafforza il gruppo dei BRICS, sottratto all’obbligo di impegnarsi nella globalizzazione voluta dall’Occidente. Ma Bolsonaro, anche, che sta alla punta di uno schieramento che include i militari, i latifondisti, le potentissime chiese evangeliche.

Poi Lula, forte del successo nel primo mandato, indebolito dalle realizzazioni mancate del secondo, travolto dalla corruzione che ha travolto il suo partito, la presidente che gli è succeduta e lui stesso, ma che ancora ha la fiducia dei settori popolari, dei contadini senza terra, dei milioni di poveri nel desolato Nord Est. Lula che vanta una stretta amicizia con Washington attraverso figure apicali come Bush e Obama, ma che rivolge i suoi primi saluti a Putin e disapprova il diluvio di armi e soldi sull’Ucraina

I media occidentali, nella loro consueta manipolazione-semplificazione, offrono compatti un quadro drasticamente manicheo della contrapposizione che oppone non solo i due politici, dove uno, Lula, è l’angelo, e l’altro, Bolsonaro è il demonio, ma l’intera popolazione del gigante latinoamericano. Ma le cose stanno davvero così?

Intanto la grancassa sull’invasione dei palazzi delle istituzioni a Brasilia, è servito ai media falsi e bugiardi ad occultare il colpo di Stato compiuto su solito mandato USA in Perù contro un presidente eletto democraticamente e che si era schierato per riforme a vantaggio delle classi escluse. Da due settimane è in corso una repressione sanguinaria contro un intero popolo che protesta contro il golpe, ma siccome parlarne imbarazzerebbe i burattinai del golpe, di tutti i golpe latinoamericani, compreso quello ancora non del tutto sventato in Bolivia, si schiamazza sui “fascisti” che attaccano le sedi della “democrazia” a Brasilia.

Su quello che potrà significare tutto questo per il popolo brasiliano, per gli altri paesi del subcontinente e per gli equilibri mondiali, al futuro domestico e geopolitico imboccato da Lula l’ardua sentenza. In ogni caso attenti ad accettare le cose come vi vengono presentate dai soliti “tifosi”

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi