La Turchia fornisce a Kiev bombe a grappolo (vietate)

RT – 11/01/2023

Membro della NATO che invia bombe a grappolo vietate in Ucraina – media – RT World News

 

L’Ucraina ha ricevuto partite di controverse munizioni a grappolo dalla Turchia, ha riferito la rivista Foreign Policy. Kiev aveva chiesto a Washington le armi dell’era della Guerra Fredda per mesi.

Le spedizioni sono in corso da novembre, hanno detto all’outlet funzionari statunitensi ed europei attuali ed ex. Non era chiaro quante delle munizioni fossero state ricevute o se fossero già state usate sul campo di battaglia.

Le armi in questione sono chiamate munizioni convenzionali migliorate a doppio scopo, o DPICM. Sono stati progettati durante l’era della Guerra Fredda, quando la NATO stava progettando di schierarli contro un’invasione sovietica su larga scala dell’Europa. I proiettili sono pieni di dozzine di submunizioni, destinate a colpire personale e bersagli corazzati leggeri, sparpagliati su una vasta area per una maggiore letalità.

Come molte altre munizioni a grappolo, i DPICM tendono a produrre pericoli di lunga durata, poiché alcune submunizioni possono non riuscire a detonare e hanno il potenziale di mutilare o uccidere qualcuno anni dopo essere state schierate.

La legge statunitense vieta l’esportazione di qualsiasi arma a grappolo con un tasso di fallimento superiore a una certa soglia. Gli stessi regolamenti richiedono garanzie che le munizioni a grappolo non saranno utilizzate in aree in cui potrebbero essere presenti civili. Washington ha ripetutamente respinto le richieste di Kiev per la fornitura di DPICM.

La maggior parte dei membri europei della NATO sono firmatari della Convenzione del 2008 sulle munizioni a grappolo (CCM), che vieta questo tipo di armi. La Turchia non è uno di loro, ma ha lo status di osservatore nell’organizzazione con sede a Ginevra che sovrintende all’attuazione del trattato. Ha indicato che rispetta le regole, anche se non è obbligato a farlo.

Secondo Foreign Policy, le armi fornite all’Ucraina sono state prodotte durante la Guerra Fredda nell’ambito di un accordo di co-produzione con gli Stati Uniti. Le aziende turche producevano proiettili di artiglieria a grappolo da 155 mm e 122 mm, affermava la rivista.

Né la Russia né l’Ucraina sono parti del CCM, ed entrambi hanno riferito di aver usato le loro munizioni a grappolo di fabbricazione sovietica nel loro conflitto armato. A marzo, un missile Tochka-U con un carico utile a grappolo ha ucciso più di 20 persone e ferito altre decine nella città di Donetsk. Mosca ha accusato Kiev per l’attacco, ma questo è stato negato. Human Rights Watch (HRW) ha dichiarato in seguito di non poter indagare sull’incidente.

“L’Ucraina ha già un enorme problema tra le mani, e lo sta solo amplificando introducendo quest’arma”. Mark Hiznay, ricercatore senior della divisione armi per HRW, ha detto a Foreign Policy, commentando lo sforzo di Kiev per ottenere più armi a grappolo.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi