Il segretario navale di Biden ha confermato l’imminente crisi militare-industriale degli USA sull’Ucraina

Andrew Korybko – 12/01/2023

Biden’s Naval Secretary Confirmed The US’ Impending Military-Industrial Crisis Over Ukraine (substack.com)

 

Il segreto peggio custodito negli Stati Uniti nell’ultimo anno è stato appena lasciato uscire dal Segretario Navale di Biden dopo aver confermato che il suo complesso militare-industriale potrebbe presto lottare per soddisfare sia le esigenze del proprio paese che quelle dell’Ucraina. Defense One ha dato la notizia che è stata successivamente ripresa dai media conservatori e liberali, come rispettivamente Fox News e Newsweek, dimostrando così quanto fossero serie le parole di Carlos Del Toro che entrambe le parti le stanno amplificando. Ecco cosa ha detto:

Al segretario è stato chiesto di rispondere ai commenti fatti alla conferenza dall’ammiraglio Daryl Caudle, comandante del comando delle forze della flotta degli Stati Uniti. Caudle, ha detto il giornalista, è preoccupato che “la Marina potrebbe arrivare al punto in cui deve prendere la decisione se deve armarsi o armare l’Ucraina, e la Marina è già arrivata a quel punto?”

Del Toro ha risposto: “Per quanto riguarda le consegne di sistemi d’arma per la lotta in Ucraina … Sì, questa è sempre una preoccupazione per noi. E lo monitoriamo molto, molto da vicino. Non direi che ci siamo ancora arrivati, ma se il conflitto andrà avanti per altri sei mesi, per un altro anno, certamente continuerà a stressare la catena di approvvigionamento in modi che sono impegnativi”.

Il segretario della Marina ha detto che il vice segretario alla Difesa Kathleen Hicks ha lavorato “a stretto contatto con l’industria [della difesa], per motivarli a scoprire quali sono le loro sfide o ostacoli per essere in grado di aumentare i propri tassi di produzione”.

“È ovvio che queste aziende hanno una pipeline sostanziale per il futuro”, ha detto Del Toro. “Ora devono investire nella loro forza lavoro, così come gli investimenti di capitale che devono fare all’interno delle proprie aziende per aumentare i loro tassi di produzione”.

Lo scambio di cui sopra non lascia dubbi sul fatto che la valutazione ufficiale del Segretario della Marina sulla crisi militare-industriale degli Stati Uniti sull’Ucraina sia terribile, il che significa che ciò che il New York Times (NYT) ha riferito a lungo alla fine di novembre non può più essere attribuito alla “propaganda russa” come hanno affermato i troll della “NAFO”. È vero che lo scenario a somma zero potrebbe presto avvicinarsi in cui gli Stati Uniti devono scegliere se soddisfare le proprie esigenze minime di sicurezza nazionale o sacrificarle per l’Ucraina.

Del Toro è nel giro come un funzionario in servizio che ovviamente capisce quanto grave stia rapidamente diventando la situazione, a differenza dell’ex segretario alla Difesa Robert Gates e del segretario di Stato Condoleezza Rice che recentemente si sono uniti a due alti funzionari ucraini nel chiedere ancora più aiuti militari statunitensi all’Ucraina. Né questi due, l’attuale ministro della Difesa Alexey Reznikov, né l’ambasciatore nel Regno Unito Vadim Prystaiko credono che i circa 100 miliardi di dollari che gli Stati Uniti hanno già dato a Kiev siano sufficienti.

Tutti e quattro stanno quindi mettendo incautamente in pericolo gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, come il suo attuale Segretario della Marina li intende, dal momento che stanno facendo pressioni affinché quel paese sacrifichi il soddisfacimento dei propri bisogni minimi per servire invece l’Ucraina. Questa osservazione dovrebbe dare a tutti gli americani, senza eccezioni, una pausa di riflessione sul fatto che valga davvero la pena continuare a perpetuare artificialmente la guerra per procura della NATO contro la Russia attraverso l’Ucraina o se la pace debba essere finalmente perseguita.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi