L’opinione del capo della commissione affari esteri del Senato russo sui fatti in Brasile

Andrew Korybko – 12/01/2023

Here’s What The Head Of The Russian Senate’s Foreign Affairs Committee Said About Brazil (substack.com)

 

Il senatore russo Konstantin Kosachev presiede la commissione per gli affari esteri del Consiglio della Federazione ed è quindi tra le fonti più affidabili del suo paese per discernere la sua vera posizione nei confronti degli eventi internazionali. Le sue parole dovrebbero quindi essere studiate da coloro che sperano di ottenere una comprensione più profonda di come la Russia interpreta qualunque essa sia. In questo caso, vale la pena rivedere l’intervista che ha rilasciato al giornale parlamentare ufficiale sul recente tentativo di cambio di regime in Brasile.

È in russo, ma Google Translate trasmette con successo i punti che stava cercando di sottolineare, almeno se si traducono le sue parole in inglese. La sua intervista può essere letta qui per coloro che vogliono verificarla in prima persona, mentre i lettori avranno poco tempo possono fare affidamento sul riassunto condiviso nel presente pezzo e sulla successiva analisi che lo accompagnerà in seguito. Per cominciare, Kosachev ha riconosciuto la profonda spaccatura nella società brasiliana dopo le elezioni ravvicinate dello scorso anno, che ha detto ha spinto alcuni a metterle in discussione.

Allo stesso tempo, non estende il credito alle accuse di frode e descrive invece tali accuse come guidate emotivamente. Di conseguenza, Kosachev ha aggiunto che ciò significa che il fallito cambio di regime stesso è stato quindi anche guidato emotivamente e non prova di problemi sistemici che ci si può aspettare destabilizzino regolarmente il Brasile. Il senatore ha aggiunto che un gruppo di radicali ha manipolato la folla e ha elogiato i militari per aver represso i disordini, che ha descritto come molto importanti.

Alcuni contavano sul fatto che quell’istituzione sostenesse coloro che hanno partecipato all’incidente dell’8 gennaio, ha affermato, ma non è chiaro chi, dal momento che ha detto che non c’era un singolo centro di controllo che orchestrasse eventi. Ha anche osservato come Bolsonaro abbia preso le distanze da coloro che hanno preso parte a ciò che è accaduto. Kosachev ha poi concluso l’intervista riaffermando la legittimità della presidenza di Lula ed esprimendo la speranza che riuscirà a rafforzare i legami con la Russia e il resto dei paesi BRICS.

Sebbene la sua visione del recente tentativo di cambio di regime del Brasile fosse concisa, era comunque significativa. Dalle sue parole, si può intuire che questo influente formulatore di politica estera non incolpa i militari nel loro insieme per ciò che è appena accaduto da quando alla fine hanno annullato i disordini, dopo tutto. Si possono interpretare le sue parole come un suggerimento che alcuni dei suoi membri avrebbero potuto sperare che i loro superiori avrebbero autorizzato un intervento a sostegno di coloro che erano coinvolti negli eventi, ma ciò non è accaduto alla fine della giornata.

È con l’osservazione in mente rispetto alle figure più influenti dell’esercito che riconoscono la legittimità della presidenza di Lula che Kosachev ha concluso che l’incidente dell’8 gennaio non suggerisce problemi sistemici. Quello a cui probabilmente si riferiva era che il risultato alla fine fallito del recente tentativo di cambio di regime dimostra che non c’è alcuna seria divisione tra le forze armate e la nuova amministrazione che potrebbe portare la prima istituzione nel suo complesso a rivoltarsi contro la seconda.

Ciò non significa che alcuni elementi all’interno dell’esercito non possano cercare di destabilizzare il governo di Lula per la propria prerogativa e al di fuori della conoscenza dei loro superiori istituzionali (indipendentemente dal fatto che ciò sia guidato in modo indipendente o in collusione con una potenza straniera come gli Stati Uniti). Piuttosto, Kosachev sembra semplicemente dire che i militari meritano davvero un elogio per essere stati con la nuova amministrazione in questo momento difficile in cui avrebbero potuto invece effettuare un colpo di stato convenzionale.

Con Lula che gode del sostegno dei militari, il senatore russo spera quindi che questo tre volte leader riesca a rafforzare ulteriormente le relazioni bilaterali e a compiere progressi tangibili su altri aspetti della sua agenda. Tutto sommato, le opinioni che Kosachev ha condiviso nella sua intervista sull’incidente dell’8 gennaio in Brasile sono penetranti e meritano di riflettere, in particolare lui ha indirettamente cancellato la speculazione che gli eventi fossero un fallito colpo di stato militare contrariamente a quanto alcuni hanno immaginato.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi