[Lettera95] Decreto Sicurezza, norme sulle Ong eticamente inaccettabili

Lettera95 | Gennaio 2023

 

Libera: “Un decreto che introduce norme eticamente inaccettabili che colpisce chi vuole salvare vite umane.”

Un decreto che introduce norme eticamente inaccettabili, che riducono fortemente la possibilità per le Ong di porsi come un’ancora di salvataggio per i migranti. Il dovere di accoglienza e di soccorso è la base della civiltà. Se viene meno, l’emorragia di umanità rischia di diventare inarrestabile. Le leggi devono tutelare i diritti, non il potere. Devono promuovere la giustizia sociale, non le disuguaglianze e le discriminazioni. La politica esca dai tatticismi, dai giochi di potere, dalla logica del consenso, riduca le distanze sociali e si lasci guidare dai bisogni delle persone.Lo diciamo con forza: nessun decreto, nessuna norma può criminalizzare la solidarietà.

In un nota Libera commenta le norme sulle Ong previste nel decreto Sicurezza approvato dal Governo.

Si stima – prosegue Libera- che nel 2022 circa 1.500 persone siano morte nel tentativo di una vita dignitosa, lontano da guerre, fame e carestie. Gli equipaggi che con coraggio e autofinanziandosi salvano i naufraghi, non possono essere messi di fronte a queste clausole restrittive. Costringere le navi umanitarie a percorrere centinaia di miglia per portare i naufraghi a terra, sostenendo costi economici e ambientali imponenti, è un modo per ostacolare l’accoglienza, diminuire le operazioni e generare tensione con i migranti a bordo, persone allo stremo delle forze. Alle Ong verrebbe inoltre chiesto di occuparsi di raccogliere le potenziali richieste d’asilo dei salvati, ma le pratiche di protezione internazionale non possono che essere gestite dalle autorità competenti, a terra, e dopo il salvataggio. Le Ong che si occupano di salvare vite hanno cercato una via per opporsi alla perdita di civiltà. Sono iniezioni di umanità, esempio di responsabilità e integrità morale, in un tempo in cui rischiamo di essere schiacciati dal cinismo, dall’indifferenza, dalla sete di potere.

 

Libera. Associazioni nomi e numeri contro le mafie

 Un nuovo anno ci aspetta.
Iniziative, mobilitazioni, campagne, nuovi progetti da coltivare e vivere insieme. Il prossimo 21 marzo la Giornata della Memoria e Impegno che si svolgerà a Milano, nuovi progetti educativi nelle scuole, dossier di denuncia e proposta.
La lotta alle mafie e alla corruzione non può essere opera di navigatori solitari. Abbiamo bisogno di persone appassionate, generose, corresponsabili.
Diventa socio di Libera e accompagnaci per tutto il 2023. Ti aspettiamo!

Il decreto colpisce chi vuole salvare vite umane, riduce fortemente la possibilità per le Ong di porsi come un’ancora di salvataggio per i migranti.

Istituire subito la Commissione Parlamentare Antimafia. La richiesta di Libera al Presidente Meloni, Presidente della Camera e Senato e tutti i capigruppo al Senato e Camera

Non basta più indignarsi bisogna muoversi. Che la morte della piccola non sia vana e possa rappresentare un punto di svolta nella lotta al crimine organizzato per evitare future vittime.

Mentre si accende lo scontro tra Governo e distributori per il mancato taglio delle accise sul carburante, torna d’attualità il tema delle pompe bianche. Un settore che secondo l’antimafia “è vulnerabile” a interessi criminali.

 Mettere a disposizione dati chiari e accessibili è il primo passo per garantire che le risorse a disposizione vengano impiegati presto e bene.

Il nuovo kit di Libera Formazione per supportare docenti ed educatori nell’insegnamento dell’educazione civica a scuola e oltre.

La XXVIII Giornata della Memoria e dell’Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie si svolerà a Milano e simultaneamente, in centinaia di luoghi in Italia, Europa, Africa e America Latina.

Nella storia di Vincenzo Liguori il fato gioca un ruolo assurdo nella sua tragicità. Perché al dramma della morte di un uomo innocente, fatalmente ucciso senza avere alcuna colpa, affianca quello del dolore di una figlia, fatalmente costretta a scoprire della morte di suo padre “per lavoro”.

Le malattie mentali, i luoghi di cura, l’alcol, gli stupefacenti, la giustizia sociale, Dio, il senso di essere al mondo. Intervista a Daniele Mencarelli, con il nuovo romanzo “Fame d’aria”

Per la pace, la libertà, la giustizia sociale.
Diventa socio di Libera!
--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi