[Pressenza] Ucraina: Revocare immediatamente tutte le accuse contro Vitaly Alekseenko

Notizie da Pressenza IPA – 19.01.2023

 

Pressenza

Ucraina: Revocare immediatamente tutte le accuse contro Vitaly Alekseenko

MIR Italia – Movimento Internazionale della Riconciliazione

In Ucraina, il 16 gennaio 2023, la Corte d’Appello di Ivano-Frankivsk ha respinto il ricorso del 46enne cristiano Vitaly Alekseenko contro la condanna per aver rifiutato la chiamata alle armi per motivi di coscienza. “Ho detto alla corte che sono d’accordo sul fatto che ho infranto la legge dell’Ucraina”, ha detto Alekseenko a Forum 18, “ma non sono colpevole secondo la legge di Dio”. Quando riceverà il verdetto scritto, che si aspetta per il 19 gennaio, la condanna a un anno di reclusione entrerà in vigore e si aspetta di essere portato in prigione subito dopo.

L’Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO), War Resisters’ International (WRI), International Fellowship of Reconciliation (IFOR) e Connection e.V. (Germania) considerano la condanna dell’obiettore di coscienza Vitaly Alekseenko una palese violazione del suo diritto alla libertà di pensiero, coscienza e religione, garantito dall’articolo 18 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, inderogabile in tempo di emergenza pubblica, secondo l’articolo 4.2 dell’ICCPR.

Le organizzazioni esprimono piena solidarietà a Vitaly Alekseenko e sollecitano le autorità ucraine a ritirare immediatamente tutte le accuse contro di lui.

Le organizzazioni sottolineano che la sua condanna avviene nel contesto in cui l’Ucraina ha sospeso il diritto all’obiezione di coscienza nell’attuale situazione di emergenza e chiedono che il relativo decreto venga immediatamente revocato.

Le organizzazioni ricordano inoltre la loro ferma condanna dell’invasione russa dell’Ucraina e chiedono ai soldati di non partecipare alle ostilità e a tutte le reclute di rifiutare il servizio militare.

Il governo ucraino dovrebbe salvaguardare il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare, anche in tempo di guerra, rispettando pienamente gli standard europei e internazionali, tra cui quelli stabiliti dalla Corte europea dei diritti umani. L’Ucraina è membro del Consiglio d’Europa e deve continuare a rispettare la Convenzione europea dei diritti umani. Nel momento in cui l’Ucraina diventa un candidato per l’adesione all’Unione Europea, dovrà rispettare i diritti umani definiti nel Trattato dell’UE e la giurisprudenza della Corte di Giustizia dell’UE, che includono il diritto all’obiezione di coscienza al servizio militare.

Campagna #ObjectWarCapaign:
Russia, Bielorussia, Ucraina: Protezione e asilo per i disertori e gli obiettori di coscienza al servizio militare
Maggiori informazioni sono disponibili qui.

Persone di contatto:
Alexia Tsouni, Ufficio europeo per l’obiezione di coscienza (EBCO), ebco@ebco-beoc.org, www.ebco-beoc.org (inglese, greco)
Semih Sapmaz, War Resisters’ International (WRI), semih@wri-irg.org, www.wri-irg.org (inglese, turco)
Zaira Zafarana, International Fellowship of Reconciliation (IFOR), zaira.zafarana@ifor.org, www.ifor.org (inglese, italiano)
Rudi Friedrich, Connection e.V., office@Connection-eV.org, www.Connection-eV.org (inglese, tedesco)

Potete leggere di più qui

Il comunicato ufficiale in inglese e’ disponibile qui

Siete invitati a condividere anche sui social media in inglese e in italiano.

Comunicato stampa congiunto IFOR, WRI, EBCO e Connection e.V

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Europa, Pace e Disarmo

Gli ingiustificabili ritardi delle Regioni nell’attuazione della legge sul “Dopo di Noi”

Giovanni Caprio

Pressenza

Diritti Umani, Diversità, Europa

Palestina occupata, ONU e questione palestinese

ANBAMED

Pressenza

Comunicati Stampa, Diritti Umani, Medio Oriente, Pace e Disarmo

La santità di una donna

Mosaico di pace, Tonio Dell’Olio

Pressenza

Asia, Genere e femminismi, Opinioni

«Il decreto Piantedosi è incostituzionale, non convertitelo in legge»

Redazione Italia

Pressenza

Africa, Europa, Migranti, Politica

Nessun “codice di condotta” nel Decreto legge anti-ONG

Fulvio Vassallo Paleologo

Pressenza

Diritti Umani, Migranti, Opinioni

Ecologia induista, l’interconnessione nel Tutt’Uno. Intervista a Gloria Germani – Parte I

Lorenzo Poli

Pressenza

Ecologia ed Ambiente, Europa, Interviste, Umanesimo e Spiritualità

Dieci anni dalla morte di Aaron Swartz, un grande combattente per la conoscenza libera

Javier Tolcachier

Pressenza

Cultura e Media, Internazionale, Scienza e Tecnologia, Umanesimo e Spiritualità

Torino: l’Ospedale Maria Adelaide di nuovo in vendita

Redazione Torino

Pressenza

Comunicati Stampa, Europa, Politica, Salute

Insetti a tavola? Non è più questione di se o quando, ma di come

Natale Salvo

Pressenza

Ecologia ed Ambiente, Salute

No alla guerra! Appello per un’assemblea pubblica e una mobilitazione a Genova

Redazione Italia

Pressenza

Comunicati Stampa, Europa, Pace e Disarmo

Documentario “In viaggio con Papa Francesco”, inizia un percorso di pace nell’Alto Verbano

Redazione Italia

Pressenza

Europa, Pace e Disarmo

Filippine, assolta la giornalista Premio Nobel per la Pace Maria Ressa

Riccardo Noury

Pressenza

Asia, Diritti Umani

Pressenza Agenzia stampa internazionale per la pace, la nonviolenza, l’umanesimo e la nondiscriminazione con sedi a Atene, Barcellona, Berlino, Bordeaux, Bruxelles, Budapest, Buenos Aires, Firenze, Madrid, Manila, Mar del Plata, Milano, Monaco di Baviera, Lima, Londra, New York, Parigi, Porto, Quito, Roma, Santiago, Sao Paulo, Torino, Valencia e Vienna.
Pressenza Facebook Pressenza Twitter Pressenza Youtube

 

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi