Il Presidente della Duma Volodin avverte l’Occidente della “tragedia globale”

RT – 22/01/2023

Mosca avverte l’Occidente della “tragedia globale” – RT Russia ed ex Unione Sovietica

 

Una “tragedia globale” potrebbe essere in serbo per l’umanità se l’Occidente continua a fornire armi all’Ucraina, ha avvertito il legislatore più anziano della Russia. Vyacheslav Volodin, il presidente della Duma di Stato, ha anche suggerito che Mosca potrebbe vendicarsi con armi più potenti, se il suo territorio fosse minacciato.

Le osservazioni di Volodin sono arrivate pochi giorni dopo un incontro alla base aerea statunitense di Ramstein in Germania, in cui le potenze occidentali si sono impegnate a continuare a sostenere Kiev.

Domenica, Volodin ha preso Telegram per sottolineare che se le armi fornite dagli Stati Uniti e dagli altri Stati membri della NATO fossero utilizzate per “colpire città civili e tentare di impadronirsi dei nostri territori, come minacciano [di fare]”, Mosca risponderebbe con “armi più potenti”.

Il legislatore russo ha continuato a sostenere che i funzionari occidentali dovrebbero essere consapevoli della loro responsabilità per evitare un tale scenario.

“Prendendo in considerazione la superiorità tecnologica delle armi russe, i politici stranieri che prendono tali decisioni devono capire: questa potrebbe finire per essere una tragedia globale che distruggerebbe i loro paesi”, ha avvertito Volodin.

La leadership ucraina insiste per riprendere il controllo di tutti i territori che erano all’interno dei confini del paese stabiliti dopo il crollo dell’Unione Sovietica nel 1991. Kiev dice che è pronta a riprendere quelle regioni con la forza se Mosca si rifiuta di rinunciarvi. La Crimea è diventata parte della Russia a seguito di un referendum nel 2014, mentre altre quattro regioni hanno seguito l’esempio l’anno scorso.

Mercoledì, il New York Times, citando diversi funzionari statunitensi anonimi, ha riferito che l’amministrazione Biden è ora più propensa a prendere in considerazione la possibilità di fornire all’Ucraina le capacità di attacco necessarie per colpire obiettivi in Crimea.

Poco prima della riunione di Ramstein del 20 gennaio, gli Stati Uniti hanno annunciato un nuovo pacchetto di aiuti alla difesa per l’Ucraina per un importo di 2,5 miliardi di dollari. Comprende, tra le altre cose, veicoli da combattimento della fanteria Bradley, veicoli corazzati per il trasporto di truppe Stryker, veicoli protetti da imboscate resistenti alle mine, Humvee, oltre a 20.000 colpi di artiglieria regolari e 600 proiettili da 155 mm guidati di precisione. Inoltre, Washington si è impegnata a fornire a Kiev più missili per i sistemi di lancio multiplo HIMARS M142 e MLRS M270.

All’inizio di questo mese il Regno Unito ha confermato i piani per fornire all’Ucraina un certo numero di carri armati principali Challenger 2. Tuttavia, gli alleati occidentali non sono riusciti a ottenere un accordo dalla Germania per inviare i suoi carri armati Leopard 2 a Kiev.

Oltre agli americani Bradley e Stryker, l’Ucraina è pronta a ricevere veicoli da combattimento corazzati francesi AMX-10 RC, che alcuni esperti descrivono come “carri leggeri”. Il presidente Emmanuel Macron ha annunciato l’intenzione di consegnare l’hardware all’inizio di questo mese.

La Svezia ha anche promesso di dare un contributo che includerà veicoli da combattimento di fanteria CB-90 e obici semoventi Archer.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi