Il “Tribunale speciale” del Parlamento europeo non è quello che sembra

Andrew Korybko – 22/01/2023

The European Parliament’s “Special Tribunal” Isn’t What It Seems (substack.com)

 

Il Parlamento europeo ha votato a stragrande maggioranza per creare un cosiddetto “tribunale speciale” per indagare sui presunti crimini di guerra russi compiuti nel corso dell’operazione militare speciale di Mosca in Ucraina. La risoluzione non è giuridicamente vincolante, anche se si prevede comunque che molti membri dell’UE vi parteciperanno attivamente visto che le decisioni di questo organismo occupano un posto di primo piano nel loro processo decisionale.

Il problema, tuttavia, è che questo “tribunale speciale” non è quello che sembra a prima vista. Gli osservatori casuali potrebbero non esserne consapevoli, ma l’Ucraina non ha mai ratificato lo Statuto di Roma per aderire formalmente alla Corte penale internazionale (CPI). Al giorno d’oggi collabora strettamente con quell’istituzione, ma la sua mancanza di membri ufficiali ostacola in qualche modo le attività della CPI. Quindi, una delle ragioni dietro questo “tribunale speciale” è quella di riempire il vuoto giuridico che è stato parzialmente creato nientemeno che da Kiev stessa.

Il secondo punto di interesse per gli osservatori casuali è che questa struttura di nuova creazione indagherà anche sul presidente bielorusso Alexander Lukashenko e sul resto della leadership militare e politica del suo paese sulla base del fatto che la Bielorussia è uno “stato abilitante” per il presunto “crimine di aggressione” della Russia. Il fatto è che non esiste una cosa come un cosiddetto “stato abilitante” menzionato da nessuna parte nello Statuto di Roma, il che significa che il Parlamento europeo ha appena inventato il proprio concetto giuridico politicamente egoistico.

Non solo, ma la risoluzione che questo organismo ha appena approvato incoraggia anche l’UE “a impegnarsi in una discussione sulla possibilità legale di utilizzare i beni sovrani dello Stato russo come riparazioni”. Il testo aggiungeva che ciò potrebbe potenzialmente essere fatto “negando a tali beni le protezioni dell’immunità sovrana”. Ciò costituisce un precedente estremamente inquietante in base al quale uno dei principi del diritto internazionale consuetudinario viene unilateralmente abrogato, il che potrebbe avere conseguenze molto imprevedibili.

Considerando queste tre osservazioni controverse, è chiaro che il “tribunale speciale” del Parlamento europeo è piuttosto problematico. Per cominciare, cerca di aggirare le Nazioni Unite e le sue istituzioni correlate che dovrebbero essere gli arbitri supremi del diritto internazionale creando una struttura quasi legale per indagare su un conflitto in un paese che non fa nemmeno parte della CPI, che a sua volta è controverso e problematico per ragioni che esulano dallo scopo della presente analisi.

In secondo luogo, il Parlamento europeo ha appena inventato il proprio concetto giuridico, quello di un cosiddetto “stato abilitante” quando si tratta del “crimine di aggressione”. Ciò dimostra che i burocrati di quel continente non si fermeranno davanti a nulla nel cercare di convincere gli altri in tutto il mondo che la loro versione degli eventi sul conflitto ucraino non è solo moralmente giusta, ma anche legalmente sana. Il primo è discutibile mentre il secondo è controfattuale, eppure stanno cercando di manipolare le percezioni su quest’ultimo attraverso il loro “tribunale speciale”.

E in terzo luogo, il precedente di abrogare unilateralmente uno dei principi del diritto internazionale consuetudinario – l’immunità sovrana – discutendo il sequestro e la ridistribuzione dei beni statali stranieri all’interno delle giurisdizioni dei paesi europei minaccia di minare la fiducia globale in quel continente. Dopotutto, non c’è alcuna garanzia che il Parlamento europeo non possa emulare l’azione letteralmente illegale che sta incoraggiando l’UE a intraprendere contro la Russia quando si tratta di altri stati in futuro.

Nel complesso, il “tribunale speciale” del Parlamento europeo non è quello che sembra. Lungi dall’essere lo strumento legale creativo per portare i presunti criminali di guerra davanti alla giustizia come i suoi sostenitori lo hanno fatto passare, questa struttura di nuova creazione è emblematica del cosiddetto “ordine basato sulle regole” dell’Occidente in cui questo insieme di paesi cerca di imporre unilateralmente la sua volontà a tutti gli altri con falsi pretesti legali. Per questo motivo, questo “tribunale speciale” dovrebbe essere trattato con il massimo sospetto e persino condannato.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi