Zelensky sanziona i massimi esponenti del clero ortodosso ucraino

RT – 25/01/2023

Zelensky sanziona i massimi religiosi – RT Russia ed ex Unione Sovietica

 

Il presidente Vladimir Zelensky ha ordinato sanzioni personali contro figure di alto livello della Chiesa ortodossa ucraina (UOC). Il governo di Kiev ha lanciato un giro di vite sulla denominazione l’anno scorso, sostenendo che ospitava agenti russi.

L’ordine pubblicato mercoledì dall’ufficio del presidente ucraino emana una mozione emessa dal Consiglio nazionale di sicurezza e difesa per sequestrare beni e imporre altre restrizioni a dieci persone.

L’elenco include il metropolita Pavel di Vyshgorod e Chernobyl, il chierico anziano nel monastero ortodosso più importante dell’Ucraina, il Pechersk Lavra di Kiev, e il metropolita in pensione Yelisei di Izium e Kupiansk. Prende di mira anche diversi sacerdoti della Chiesa ortodossa russa le cui parrocchie si trovano in Crimea, così come l’uomo d’affari ucraino Vadim Novinsky, che detiene l’ufficio di diacono nella Chiesa ortodossa ucraina.

Il Consiglio di sicurezza ha anche schiaffeggiato le sanzioni in modo simile su individui che presumibilmente rappresentano una minaccia per l’Ucraina. I critici di Zelensky dicono che sta usando il corpo, che controlla, per perseguitare gli oppositori politici.

La Chiesa ortodossa ucraina, che ha legami storici con la Chiesa ortodossa russa, è stata presa di mira da un giro di vite da novembre. Poi l’agenzia di sicurezza interna SBU ha iniziato a fare irruzione nei monasteri e in altre proprietà della chiesa, secondo quanto riferito alla ricerca di prove di collusione con la Russia. Le chiese potrebbero nascondere sabotatori, accumulare armi o essere altrimenti coinvolte nel tradimento, ha affermato l’agenzia.

Questo mese i media in Ucraina hanno rivelato che Zelensky aveva privato 13 sacerdoti della Chiesa ortodossa ucraina della loro cittadinanza ucraina dopo aver imposto loro sanzioni personali. I rapporti hanno detto che l’ordine presidenziale che li priva del loro status è stato emesso segretamente alla fine di dicembre. L’elenco, pubblicato dalle agenzie di stampa, includeva alcuni vescovi precedentemente perquisiti dalla SBU.

L’Ucraina ha vissuto disordini religiosi per decenni, con alcuni sacerdoti che si sono staccati dalla Chiesa ortodossa ucraina per formare organizzazioni scismatiche. Una delle scissioni più importanti ha avuto luogo nel 2018 ed è stata ampiamente percepita nel paese come un tentativo dell’allora presidente Pyotr Poroshenko di aumentare le sue possibilità di rielezione.

La Chiesa ortodossa dell’Ucraina (OCU), che è stata istituita di conseguenza, ha spinto il governo ucraino per aiutare a rilevare le parrocchie e le proprietà della Chiesa ortodossa ucraina.

--------------------------
Iscriviti al nostro canale Telegram
al nostro account Twitter
o visita la nostra pagina Facebook

--------------------------

Sharing - Condividi