Site icon

Kiev dovrebbe accettare il cessate il fuoco che il presidente Xi sta cercando di mediare con la Russia

Andrew Korybko – 17/03/2023

Kiev dovrebbe accettare il cessate il fuoco che il presidente Xi sta cercando di mediare con la Russia (substack.com)

 

Gli Stati Uniti sono così preoccupati che Kiev potrebbe accettare il cessate il fuoco che il presidente Xi sta cercando di mediare con la Russia durante il viaggio della prossima settimana che il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Kirby ha reagito in preda al panico avvertendo che questo “avrebbe sostanzialmente ratificato la conquista della Russia”. Ci sono ragioni credibili per cui Zelensky potrebbe sfidare il suo mecenate riconoscendo tacitamente le attuali realtà sul terreno nonostante le sue pressioni per non farlo, a cominciare dalla debacle che la battaglia per Artyomovsk/”Bakhmut” si è rivelata essere.

Può un fulmine diplomatico colpire due volte?

L’imminente viaggio del presidente Xi a Mosca dal 20 al 22 marzo si basa esplicitamente sulla mediazione di un cessate il fuoco tra Kiev e la Russia, come confermato dal portavoce del ministero degli Esteri Wang. La CNN lo ha citato dicendo che “la proposta della Cina si riduce a una frase, che è quella di sollecitare la pace e promuovere i colloqui”, che arriva poco dopo che Pechino ha mediato il rivoluzionario riavvicinamento iraniano-saudita. Le speranze sono quindi alte che la Cina possa replicare questo successo con la Russia e l’Ucraina la prossima settimana.

“Piccole crepe” nei legami USA-Ucraina

Gli Stati Uniti sono così preoccupati che Kiev potrebbe accettare il cessate il fuoco che il presidente Xi sta cercando di mediare con la Russia durante il viaggio della prossima settimana che il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale Kirby ha reagito in preda al panico avvertendo che questo “avrebbe sostanzialmente ratificato la conquista della Russia”. Ci sono ragioni credibili per cui Zelensky potrebbe sfidare il suo mecenate riconoscendo tacitamente le attuali realtà sul terreno nonostante le sue pressioni per non farlo, a cominciare dalla debacle che la battaglia per Artyomovsk/”Bakhmut” si è rivelata essere.

Il Washington Post ha finalmente detto tutta la verità su quanto male stanno andando le forze di Kiev”, che ha seguito l’avvertimento di Politico che la suddetta battaglia è stata una delle “piccole crepe” che crescono nei loro legami e ha preceduto il New York Times che prevedeva che avrebbe potuto mettere a rischio la controffensiva di Kiev. . Zelensky ha già sfidato il consiglio degli Stati Uniti di due mesi fa di abbandonare Artyomovsk / “Bakhmut”, quindi c’è un precedente per lui che lo sfida presto anche su un cessate il fuoco.

Il tempo stringe per Kiev per decidere

Naturalmente vorrebbe che la sua parte potesse conquistare l’intero territorio ucraino pre-2014, ma è impossibile farlo in pieno a causa di quanto profondamente radicate le forze russe siano in Crimea e sempre più difficile anche in parte a causa di quanto male stia andando la battaglia per Artyomovsk / “Bakhmut”. Nel caso di un imminente sfondamento russo attraverso le linee del fronte, che potrebbe seguire la cattura della suddetta città da parte delle sue forze, Zelensky ha già avvertito che la Russia potrebbe quindi attraversare il resto del Donbass.

Al fine di evitare ulteriori perdite – e possibilmente dando alla sua parte il tempo di “ricostruire le loro forze, riequipaggiarle, riarmarle, trattenerle in modo che possano poi riprendere gli attacchi in un momento di loro scelta” esattamente come Kirby ha affermato che la Russia avrebbe fatto – Zelensky potrebbe quindi accettare un cessate il fuoco. È vero che qualsiasi pausa nei combattimenti, indipendentemente dalla ragione dietro di esso, se Kiev è sincera nel riavviare i colloqui di pace in seguito o sta solo temporaneamente guadagnando tempo per riarmarsi, riconoscerebbe tacitamente i guadagni della Russia.

Tuttavia, è nell’interesse nazionale oggettivo dell’Ucraina in questo punto cruciale dell’operazione speciale evitare preventivamente lo scenario peggiore di cui Zelensky ha avvertito durante la sua ultima intervista esclusiva alla CNN relativa alla Russia che attraversa il resto del Donbass dopo aver catturato Artyomovsk / “Bakhmut”. Se la controffensiva di Kiev è già kaput a causa del fatto che ha sprecato le sue capacità nel tenere quella città, allora è meglio accettare le sue perdite e possibilmente guadagnare tempo invece di rischiare di peggiorarle nell’immediato futuro.

La ragionevole riluttanza della Russia per un cessate il fuoco

Ci vogliono due per ballare il tango, tuttavia, e il portavoce del Cremlino Peskov ha affermato non più tardi di questa settimana che “Dobbiamo raggiungere i nostri obiettivi. Ora questo è possibile solo con mezzi militari, purché la posizione delle autorità di Kiev rimanga invariata”. Questo segnala in superficie che la Russia non è pronta per un cessate il fuoco poiché è fiduciosa di poter sfondare Artyomovsk / “Bakhmut” nel prossimo futuro e quindi avere una seria possibilità di farlo subito dopo rotolare attraverso il resto del Donbass esattamente come Zelensky ha avvertito.

Mosca ha anche sentito che i suoi precedenti cosiddetti “gesti di buona volontà” nel nord della capitale ucraina la scorsa primavera come un quid pro quo per portare i colloqui di pace alla fine falliti all’epoca alla loro fase finale e quello intorno a Snake Island la scorsa estate prima dell’accordo sul grano sono stati sfruttati da Kiev. In quanto tale, non c’è più molto interesse a scommettere ancora una volta che un altro “gesto di buona volontà” potrebbe finalmente essere tutto ciò che è necessario per risolvere politicamente il conflitto o almeno alcune delle sue cause profonde.

Compromessi reciproci sulla via della pace

Proprio come Kiev riconoscerebbe tacitamente i guadagni della Russia sul terreno accettando un cessate il fuoco in questo momento, così anche Mosca riconoscerebbe tacitamente il continuo controllo di Kiev sul resto delle quattro regioni della Russia recentemente riunificate dietro la Linea di Controllo (LOC). Il primo risultato contraddice l’obiettivo massimalista di Kiev di riconquistare tutto il territorio ucraino pre-2014, mentre il secondo contraddice l’obiettivo minimo di Mosca di affermare il suo mandato su tutte le sue nuove regioni.

L’unico modo concepibile in cui il Cremlino potrebbe anche solo accennare a tornare indietro su quell’obiettivo politico già minimo sul terreno dopo aver già pubblicato mappe che mostrano i confini amministrativi completi delle sue quattro regioni appena riunite come parte della Russia è se Kiev facesse molto di più che accettare un cessate il fuoco. Zelensky dovrebbe probabilmente ritirare le sue forze a una certa distanza dal LOC insieme almeno a ridurre le sue importazioni di attrezzature fornite dalla NATO affinché la Russia consideri seriamente questo scenario.

Le ottiche sensibili richiedono intenzioni serie

Ciò che gli ultimi due paragrafi dimostrano è che Kiev e Mosca farebbero entrambi importanti compromessi politici a modo loro se accettassero un cessate il fuoco mediato dalla Cina, anche se farlo insieme ad altre misure di rafforzamento della fiducia reciproca potrebbe rilanciare il processo di pace. Dopotutto, nessuna delle due parti contraddirebbe tacitamente i propri obiettivi politici (massimo nel caso di Kiev e minimo in quello di Mosca) solo per guadagnare tempo e quindi sollevare dubbi sul loro impegno.

Questi rispettivi obiettivi sono molto importanti per il loro pubblico interno, e per non parlare delle loro truppe che stanno combattendo sul fronte per inseguirli, segnalando così tacitamente che un compromesso è stato fatto solo per il bene di un cessate il fuoco senza nient’altro di significativo in cambio potrebbe danneggiare il loro morale. Ciò potrebbe a sua volta rendere molto più difficile riguadagnare lo slancio, anche se l’unico intento nell’accettare un cessate il fuoco mediato dalla Cina è quello di guadagnare tempo per riprendere il conflitto qualche tempo dopo.

Gli interessi oggettivi di ciascuna parte in un cessate il fuoco

Per questi motivi, ciascuna parte dovrebbe valutare molto attentamente i pro e i contro di tale scenario, anche se accettare di fermare il conflitto a questo punto sarebbe davvero nel loro interesse. Da parte di Kiev, le sue forze sembrano vicine all’orlo del collasso secondo l’ultimo rapporto del Washington Post, che dà credito al seguito spirituale del New York Times sostenendo che questo disastroso stato di cose causato dalla battaglia per Artyomovsk/”Bakhmut” potrebbe persino aver rovinato la sua controffensiva.

Per quanto riguarda gli interessi della Russia, qualsiasi “gesto di buona volontà” da parte di Zelensky nel ritirare le sue forze a una certa distanza dal LOC e da altre mosse militari sarebbe ovviamente apprezzato, ma il suo interesse primario risiede nell’esacerbare le “piccole crepe” di cui Politico ha avvertito nei legami USA-Ucraina. Se Zelensky ha espresso interesse a sfidare gli Stati Uniti accettando un cessate il fuoco mediato dalla Cina, allora anche la Russia potrebbe accettare anche senza alcun “gesto di buona volontà” militare da parte di Kiev solo per questo motivo.

Per elaborare, l’Ucraina è considerata tra i politici occidentali una causa “troppo grande per fallire”, e sono già andati così lontano nel sostenerla che non possono tirarsi indietro a questo punto. Ciò significa nel contesto della presente analisi che continueranno a finanziare la sua ricostruzione e il riarmo post-conflitto anche se Zelensky accetta un cessate il fuoco nonostante Kirby lo abbia avvertito di non farlo. Kiev non deve preoccuparsi di essere scaricata dall’Occidente come lo sono stati l’Afghanistan, l’Iraq e la Libia.

In realtà, potrebbe effettivamente guadagnare ancora di più in senso economico-finanziario accettando qualsiasi cessate il fuoco mediato dalla Cina, dal momento che la Repubblica popolare potrebbe incentivare Kiev facendo penzolare la carota di una significativa assistenza post-conflitto attraverso sovvenzioni e prestiti a tasso estremamente basso. Non solo, ma Zelensky potrebbe appoggiarsi alla Cina per bilanciare l’Occidente in questo senso facendo in modo che questi due competano per gli accordi di ricostruzione più ottimali, assicurando così che Kiev ottenga sempre condizioni vantaggiose.

“Salvare la faccia” e garantire il cessate il fuoco

La domanda, naturalmente, è se potrebbe sopravvivere al pugno nello stomaco al morale ucraino che potrebbe significare riconoscere tacitamente i guadagni della Russia e quindi abbandonare di default gli obiettivi massimalisti di Kiev. Zelensky potrebbe probabilmente farlo a causa della dittatura de facto che ha imposto dall’inizio dell’ultima fase del conflitto oltre un anno fa, soprattutto se ha inquadrato qualsiasi successiva ripresa dei colloqui di pace come se avesse salvato il resto del Donbass dall’essere rovesciato dalla Russia a causa di errori di calcolo consigliati dagli Stati Uniti.

Né Kiev né Mosca dovrebbero abbandonare i loro rispettivi obiettivi politici nel senso del soft power, dal momento che entrambi potrebbero ancora mantenere ufficialmente le loro rivendicazioni, anche se soprattutto senza fare nulla di tangibile per farle avanzare. Mentre le loro società avrebbero reazioni contrastanti quando si rendono conto che questo approccio significa che i loro leader non perseguiranno seriamente tali affermazioni, non equivale ancora a un abbandono formale di loro, consentendo così ai loro leader di “salvare la faccia”.

La Cina potrebbe persino addolcire l’accordo offrendo di schierare le proprie forze di pace lungo il LOC con l’approvazione di entrambe le parti per garantire che nessuno dei due si senta abbastanza vivace da violare il cessate il fuoco in nessuna circostanza. La Russia ovviamente non rischierebbe di mettere in pericolo le forze di pace cinesi dal momento che questi due sono ufficiosamente in un’intesa in mezzo all’imminente triforcazione delle relazioni internazionali, mentre Kiev si taglierebbe fuori da miliardi di aiuti abbandonando anche ogni possibilità di semi-sovranità.

Considerazioni conclusive

Il precedente stabilito da Zelensky che ha palesemente sfidato le richieste del suo patrono statunitense di abbandonare Artyomovsk/”Bakhmut” due mesi fa e quindi sprecare le capacità di Kiev che altrimenti avrebbero potuto andare verso la sua controffensiva solleva speranze che anche lui li sfiderà palesemente su un cessate il fuoco. Entrambe le parti hanno ragioni legate ai loro interessi nazionali oggettivi nel congelare il LOC e riprendere i colloqui di pace il prima possibile, anche se questo ovviamente non significa che alla fine lo faranno.

Exit mobile version