La crisi alimentare a Gaza causata da Israele costringe la gente a mangiare le foglie degli alberi

TAREQ S. HAJJAJ – 03/07/2024

https://mondoweiss.net/2024/07/israels-starvation-policy-in-gaza-is-forcing-people-to-eat-tree-leaves

 

Ahmad Abdulrahim, 38 anni, passeggiava tra i resti dei mercati di Gaza City con 150 shekel in tasca, la somma di denaro che ha usato per sfamare la sua famiglia di cinque persone per una settimana prima del genocidio. Oggi, quella quantità difficilmente può comprare un solo pasto.

I mercati, ormai poco più che resti bombardati, sono vuoti di tutti i beni di prima necessità, tra cui verdura, carne e frutta. Per la maggior parte delle persone, tali lussi non sono disponibili se non a prezzi inimmaginabili. La maggior parte degli ortaggi, per quanto rari, proviene dagli orti delle persone.

Tutto ciò che Ahmad riuscì a trovare furono prodotti per la pulizia e cibo in scatola. Ahmad ha detto a Mondoweiss che a causa della dipendenza a lungo termine dei suoi figli da questi alimenti, hanno iniziato a sviluppare problemi di salute. Dopo una lunga ricerca, Ahmad trovò delle zucchine; Camminò più velocemente quando notò il venditore, che li aveva messi in un piccolo mucchio per terra sopra un sacchetto di plastica. Quando ha chiesto il prezzo, è rimasto sorpreso di sapere che un chilogrammo di zucchine costava 80 shekel (20 dollari). Prima della guerra, era di 3 shekel al chilo (meno di un dollaro).

Tale era il prezzo per la maggior parte delle altre verdure che si potevano trovare. Un chilo di peperoni verdi costava 250 shekel (66 dollari), mentre prima costava 5 (1,4 dollari). Un chilo di cetriolo e pomodoro costava 90-100 shekel (23-26 dollari), che prima erano 2-3 shekel (53-80 centesimi).

Ahmad ha detto che mentre tornava a casa, deluso, temeva la reazione della sua famiglia quando hanno scoperto che aveva speso quasi la metà dei loro soldi per due lattine di fagioli.

“Sto iniziando ad avere a che fare con i miei figli da adulti”, ha detto. “Sto dicendo loro che questa è una guerra, e il nostro nemico vuole che muoiamo di fame. Sto dicendo loro che dovremmo essere grati di essere stati in grado di sopravvivere finora. Prometto loro che quando questa guerra finirà, porterò loro tutto ciò che vogliono”.

Lo stato di fame a Gaza non è finito. Nel nord di Gaza è drammaticamente aumentato, ma in modi diversi da come era all’inizio della guerra. Periodi prolungati di malnutrizione e privazione di nutrienti vitali stanno avendo un impatto cumulativo sulla popolazione di Gaza, specialmente per coloro che ne hanno più bisogno, come i bambini e le donne incinte.

“Prima di questa crisi, c’era abbastanza cibo a Gaza per sfamare la popolazione”, ha detto il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus a marzo. “La malnutrizione era un evento raro. Ora, le persone stanno morendo e molte altre sono malate. Si prevede che oltre un milione di persone dovranno affrontare una fame catastrofica a meno che non venga permesso l’ingresso di una quantità significativamente maggiore di cibo a Gaza”.

Solo lo 0,8% dei bambini di età inferiore ai cinque anni soffriva di malnutrizione acuta prima della guerra, ha affermato l’OMS. A febbraio, quella cifra era balzata al 12,4% – 16,5%.

Da quando questi numeri sono stati riportati, la guerra genocida di Israele ha solo peggiorato la sistematica privazione di cibo per la popolazione. Ma la propaganda israeliana vorrebbe farci credere che non c’è carestia, e che non c’è una politica israeliana di fame deliberata. Molti media israeliani si concentrano in modo fuorviante sulle definizioni tecniche di ciò che costituisce una carestia e citano in modo disonesto passaggi dei rapporti dell’ICP delle Nazioni Unite sulle condizioni a Gaza.

La realtà sul campo racconta una storia opposta, in cui la privazione sistematica della popolazione di Gaza dalle fonti di nutrimento sta portando a conseguenze a lungo termine. I funzionari sanitari e gli operatori sanitari di Gaza lo hanno già osservato per settimane.

Hussam Abu Safia, direttore dell’ospedale Kamal Adwan, ha dichiarato ad Aljazeera che lo spettro della carestia sta ancora una volta spazzando il nord di Gaza, sottolineando che la mancanza di disponibilità di alimenti con diversi valori nutrizionali avrà un impatto a lungo termine sulla popolazione. Dall’inizio della seconda invasione del quartiere Shuja’iyya di Gaza City da parte dell’esercito israeliano la scorsa settimana, l’accesso al cibo dei residenti nel nord di Gaza è solo peggiorato.

Abu Safia ha detto che nessuna materia prima è entrata nel nord della Striscia di Gaza per settimane, lasciando la farina come unico alimento di base disponibile. Questo è ben lungi dall’essere sufficiente per soddisfare le esigenze nutrizionali dei bambini, degli anziani e delle donne incinte, che hanno tutti bisogno di grassi e proteine, ha affermato Abu Safia.

“Nel giro di 14 giorni, 214 bambini sono arrivati in ospedale mostrando segni di malnutrizione”, ha detto Abu Safiya ad Al Jazeera ben prima dell’inizio della seconda invasione di Shuja’iyya. “Di cui oltre 50 casi di malnutrizione avanzata e 6 casi in condizioni critiche nell’unità di terapia intensiva”.

“Questi bambini vivono esclusivamente di sostituti di liquidi e non abbiamo latte o cibo speciale per loro, il che mette a rischio le loro vite”, ha detto.

Mangiare le foglie degli alberi

La gente nel nord di Gaza può dire che questa ondata di fame è la peggiore mai visitata nella Striscia, lasciando molti a chiedersi quali siano le loro prospettive di sopravvivenza se queste condizioni non cambiano.

Alcuni residenti di Gaza City hanno fatto ricorso all’uso di foglie di alberi, come le foglie di gelso, per preparare il dawali, un piatto tipicamente composto da riso profumato avvolto in foglie di vite.

“La gente sta cuocendo le erbacce”, ha detto Mahmoud Issa, un giornalista locale e residente a Gaza City, a Mondowiess poco prima dell’invasione degli Shuja’iyya. “Cuociono le foglie in acqua e spezie. Anche usare l’acqua è rischioso, perché non c’è energia per far funzionare gli impianti di desalinizzazione”.

“L’energia solare non è più disponibile nemmeno a Gaza. I droni israeliani hanno sistematicamente preso di mira ogni pannello solare su ogni tetto di Gaza. Vogliono che le persone perdano la speranza e muoiano di fame”, ha continuato.

Issa ha spiegato che la gente crede che i cibi in scatola scaduti, quando resi disponibili a Gaza, stiano facendo ammalare i loro figli. Questo ha portato alcuni a cercare di evitare tali alimenti per paura di non essere in grado di ottenere cure per i loro figli se si ammalassero, dato che il nord di Gaza non ha più alcun sistema sanitario di cui parlare.

“Le famiglie sanno che non c’è modo di curare i loro figli se vengono avvelenati, quindi stanno abbandonando i cibi in scatola”, ha detto.

Ma anche se a Gaza sono stati segnalati casi di intossicazione alimentare dovuti al consumo di prodotti alimentari scaduti, stanno emergendo anche segnalazioni di ulteriori casi di intossicazione alimentare da consumo di foraggio.

Frutta, verdura, pollo, carne e pesce non sono disponibili a Gaza, ha spiegato Mahmoud.

“Tre mesi fa, il checkpoint israeliano in piazza Kuwaiti è stato chiuso, e anche il checkpoint in al-Rasheed Street è stato chiuso”, ha detto. “L’esercito israeliano permette l’ingresso di camion di cibo dal valico di Erez, ma questo non è sufficiente per la popolazione nel nord di Gaza”.

“Quando il valico di Rafah era in funzione, arrivavano oltre 60 camion, tra cui verdure surgelate, carne, pollo e altri alimenti necessari”, ha spiegato. “A quel punto potevamo sopravvivere. Era tollerabile. Ma ora tutti i valichi sono chiusi e la gente ha iniziato a morire di fame”.

Sharing - Condividi