Damasco: Consiglio UE non credibile, allineato agli USA nell’imporre sanzioni contro la Siria

La Siria ha condannato fermamente la dichiarazione del Consiglio europeo sulla proroga di un altro anno delle sanzioni imposte ad alcune istituzioni e individui siriani con il pretesto di sviluppare e utilizzare armi chimiche, Read More “Damasco: Consiglio UE non credibile, allineato agli USA nell’imporre sanzioni contro la Siria”

La sentenza per l’omicidio di Rafik Hariri in Libano: la farsa da 1 miliardo di dollari

La sentenza per l’omicidio di Rafik Hariri in Libano: la farsa da 1 miliardo di dollari

di Alberto Rodríguez García* – RT

La Corte speciale che indagava sull’omicidio di una delle figure più importanti della storia moderna del Libano, Rafic Hariri, la cui morte ha dato il via alla “ rivoluzione dei cedri ” e al ritiro della Siria dal paese costiero – indirizzando il contesto verso l’invasione israeliana dal Libano meridionale nel 2006 – si è rivelata un completo bluff; una finzione molto costosa, una farsa da un 1 miliardo di dollari.

L’indagine sull’omicidio di Rafic Hariri avrebbe dovuto portare giustizia in Libano e porre fine – o almeno giustificare per una delle parti – le tensioni settarie degli ultimi quindici anni tra Hezbollah e chi accusa il partito di omicidio dell’ex primo ministro. E ci sono settori tra le élite libanesi che hanno passato anni a stropicciarsi le mani, fantasticando sull’idea di un tribunale sostenuto dalle Nazioni Unite ritebesse Hezbollah e la Siria di Bashar al-Assad responsabili dei problemi interni del Libano. Ma il verdetto non è piaciuto, si legge che “non ci sono prove che la leadership di Hezbollah fosse coinvolta in alcun modo nell’assassinio di Hariri (…) né ci sono prove dirette che coinvolga la Siria” . E con questo verdetto, la coalizione del 14 marzo in Libano e i suoi alleati sono andati su tutte le furie.

Senza un tribunale che fosse d’accordo con loro, i guerrafondai e settari più radicali si sono aggrappati alla conclusione che “la Siria e Hezbollah avrebbero potuto avere motivi per uccidere Hariri”, ignorando che poco prima che fosse chiarito che “Hariri e il segretario generale di Hezbollah, il signor Hassan Nasrallah, ha avuto buoni rapporti negli anni prima della morte di Hariri, oltre a tenere riunioni regolari “. Ed è che la giustizia non è mai stata voluta, ma per riaffermare il settarismo, la divisione e il caudillismo; eliminando non solo i rivali politici, ma anche tralasciando il partito più votato in Libano.

Un settarismo che il giorno dopo il verdetto del Tribunale speciale era già stato sollevato a Khalde, a sud di Beirut, dai seguaci più fanatici del religioso salafita Omar Ghosn. Un settarismo che, ad appena una settimana dal verdetto, ha causato la morte di due giovani dopo che i salafiti hanno attaccato gli sciiti di Khalde con armi pesanti e persino lanciagranate RPG. Una disputa che ha portato a sparatorie fino a tarda notte e che è iniziata perché gli sciiti che celebrano l’Ashura (a differenza dei sunniti, commemorano il martirio dell’Imam Hussein ibn Ali, nipote di Maometto e che considerano il legittimo successore del profeta) hanno appeso uno striscione con la scritta “Mai umiliazione”; La dichiarazione dell’Imam Hussein nella battaglia di Karbala quando il comandante degli Omayyadi Ubayd Allah b. Ziyad si è offerto di arrendersi. Alcune parole che non sono piaciute né a Ghosn né ai suoi seguaci.

Coloro che una decina di anni fa chiesero un tribunale speciale delle Nazioni Unite per indagare sull’omicidio di Rafic Hariri ora non riconoscono le conclusioni del tribunale . Perché … perché … perché … non serve a giustificare 15 anni di divisioni e di odio. Perché sebbene ‘ tutti sappiano chi ha ucciso Hariri’ , nemmeno un tribunale può affermarlo, il che porta alla conclusione che ciò che è successo non è così ovvio, né ciò che ‘ tutti credono’  deve essere vero. E il fatto è che nonostante il rumore, il motivo del delitto è ancora sconosciuto oggi, come avrebbe potuto giovare in minima parte all’imputato, perché altri autori, ipotesi e motivazioni non sono stati presi in considerazione, perché nessuno si chiede chi abbia registrato il video di Ahmed Abu Adass (il presunto attentatore suicida che ha rivendicato l’attacco che il tribunale ha esonerato dalla colpa), che ha inviato il video in cui si denunciava l’attacco ad Al Jazeera, che si è fatto esplodere in realtà … E sebbene non abbiano risposto a quelle domande o apparentemente non risponderanno mai, nell’investimento milionario di Hariri, Arabia Saudita e Israele possiamo vedere che il processo è stato sempre settario e politico. Tanto quanto, o anche di più, l’omicidio di Rafic Hariri.

E nonostante il miliardo di dollari investito, nessuno degli obiettivi della Coalizione del 14 marzo per acquisire rilevanza politica è stato raggiunto. Le stesse persone che hanno affermato che l’esplosione del porto di Beirut fosse opera di Hezbollah per mettere a tacere il Tribunale speciale libanese e il suo verdetto, sono le stesse che stanno cercando a tutti i costi di mettere a tacere il Tribunale speciale libanese e il suo verdetto. Sono le stesse persone che sognavano una nuova rivoluzione del cedro che avrebbe relegato gli sciiti al secondo posto nella società; con Amal che assicura lo status quo e Hezbollah completamente al di fuori della scena politica e sociale del paese. Ma è andato storto, quindi devono solo incitare il settarismo, attraverso lo scontro, in qualche modo legittimare il loro odio più viscerale .

In assenza di argomenti per un colpo di stato totale entro il 14 marzo, devono continuare solo negli ultimi quindici anni. Discorsi di tensione, settarismo, uso di Hezbollah come capro espiatorio per incolpare degli stessi problemi di cui fanno parte anche Futuro, Forze Libanesi, Falange, Partito Socialista Progressista. Una tensione assurda ma che, come è successo questa settimana a Khalde, uccide; sebbene sia “il Partito di Dio” (traduzione di Hezbollah) il mediatore che sta calmando la situazione di fronte all’inattività dell’esercito.

E mentre il paese si distrae con odio e divisione, Israele continua a tormentare l’unico esercito contro il quale ha perso una guerra. In appena un mese, le forze israeliane hanno bombardato due volte il territorio libanese , danneggiando l’abitazione di alcuni civili che vivono nella zona e appiccando il fuoco in un’estate davvero crudele per la popolazione.

I pagatori non sono soddisfatti della farsa che hanno voluto finanziare. In questo caso, l’indipendenza ha vinto sui desideri più cattivi.

*Giornalista, esperto in Medio Oriente, propaganda e terrorismo

Notizia del:
https://www.lantidiplomatico.it/dettnews-la_sentenza_per_lomicidio_di_rafik_hariri_in_libano_la_farsa_da_1_miliardo_di_dollari/82_37025/