Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

iran

  • Dopo la decisione degli Stati Uniti di uscire unilateralmente dall'accordo nucleare concordato nel 2015 da Iran e Gruppo 5 + 1, l'Agenzia internazionale dell'energia atomica (AIEA) ha ancora una volta ribadito che Teheran non ha mancato di rispettare gli impegni assunti nell'ambito del Patto. Il tutto a prova (ennesima) della violazione (l'ennesima) del diritto internazionale da parte di Washington.

  • Il presidente dell'Iran, della Russia e della Turchia hanno evidenziato nella dichiarazione congiunta rilasciata al termine del loro incontro venerdì a Teheran il loro impegno per il rispetto della sovranità, l'indipendenza, l'unità e integrità territoriale della Siria, nonché i principi della Carta delle Nazioni Unite.

  • Brian Hook: "Dal canale di Suez per lo Stretto di Malacca e tutti i punti di congestione, le petroliere iraniane sono ormai un pericolo galleggiante (...) Ci auguriamo vivamente che non ci siano incidenti, ma gli incidenti sono una possibilità molto reale a causa della storia dell'Iran".

  • La Federazione Russa ha esortato la comunità internazionale a rendere la situazione nel Golfo Persico meno tesa, non come fanno gli Stati Uniti. e alcuni dei suoi alleati, ha dichiarato il vice ministro degli affari esteri della Russia, Sergey Ryabkov.

  • Da martedì scorso, il canale di notizie iraniano in lingua spagnola, HispanTV ha limitato l'accesso all'account del motore di ricerca della società americana Google, non potendo accedere ai suoi indirizzi YouTube, con oltre 500 mila follower, né Google Plus.

  • E perché Trump vuole eliminare l’accordo nucleare con l’Iran? Il presidente degli Stati Uniti avrebbe avuto tempo fino al 12 maggio per prendere una decisione sul piano d’azione congiunto con l’Iran. Ma ha voluto con grande clamore anticiparne la decadenza all’8 Maggio così che il Pianeta ne potesse essere doverosamente sorpreso anche nei tempi.