Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

parco archeologico centocelle,

  • La pista di atterraggio Francesco Baracca all’interno del PAC trova scritta sull’asfalto, 20 metri x 250, la volontà di alcuni cittadini circa la destinazione dell’area a Parco.

  • Dopo la mobilitazione sotto all'Assessorato Ambiente del 12 dicembre scorso, ancora nessuna risposta concreta da parte dell'Assessorato di Pinuccia Montanari: assente nei fatti come nelle relazioni con le realtà locali che esprimono il timore di un secondo TMB Salario.

  • "Vogliamo la definitiva delocalizzazione degli autodemolitori, a cui si riconosce il ruolo importante di gestione e riciclo dei materiali derivanti dalle auto dismesse che potranno così fare investimenti definitivi per la messa a norma delle loro attività, liberi dal singhiozzo del rinnovo anno per anno".

  • Circa 2.000 le firme raccolte con la petizione on line lanciata per chiedere la definitiva delocalizzazione delle attività di autodemolizione che insistono sull’area del Parco Archeologico di Centocelle. Ill 30 giugno scadrà il termine di proroga.

  • Martedì 19 marzo prossimo dalle ore 15 alle ore 17, nella Sala Giulio Cesare del Campidoglio, si terrà una Assemblea espressamente dedicata alle complesse problematicità del Parco.

  • Dalle analisi si evincono concentrazioni significative che superano i limiti di legge (D. Lgs. 152/2006) per il verde pubblico, privato e residenziale e in alcuni casi per l'uso industriale e commerciale. In particolare sono stati superati i limiti nei valori di diversi metalli pesanti, tra cui berillio, selenio, stagno, tallio, vanadio.

  • Nel caos del consiglio comunale straordinario sull’emergenza rifiuti di ieri, hanno trovato faticosamente spazio anche i comitati cittadini. Dopo una lunga attesa all’ombra del Marco Aurelio una delegazione dei comitati cittadini è riuscita ad entrare in Campidoglio per assistere alla seduta.

  • A quasi due anni dall'Ordinanza della Sindaca la promessa bonifica del Parco non ha fatto passi avanti. Anzi il Parco è a rischio chiusura e questa prolungata inerzia lo sta trasformando in una potenziale minaccia per la salute dei cittadini. Mobilitazione il 12 dicembre dalle ore 16:00 davanti assessorato.

  • Nonostante il vincolo paesaggistico e ben cinque specifici vincoli archeologici, il PAC continua a versare in uno stato di evidente degrado. Le ville romane rimangono sotto terra e “l'osteria di Centocelle”, monumento romano studiato fin dal 600, è in progressivo decadimento.

  • Grazie all’impegno dei cittadini che martedì 15 gennaio hanno presenziato alla seduta del Consiglio comunale straordinario sull’emergenza rifiuti, la voce dei comitati e delle associazioni di Roma, che da anni sostengono la vertenza del Parco Archeologico di Centocelle, arriverà ai vertici di questa Amministrazione.

  • Incapace di mantenere le scadenze per la bonifica che lei stessa si è data con l’Ordinanza sindacale n. 22 del 10/2/2017, Roma capitale smentisce ora nei fatti l’atto di indirizzo politico con cui, nella sua mozione 54 impegna la Sindaca ad “attivarsi presso il Governo per manifestare la contrarietà di Roma Capitale a realizzare nel Parco di Centocelle il cd Pentagono italiano”.