Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

regione lazio

  • Mentre in aula del Consiglio Regionale continua la discussione sul collegato al bilancio, Legambiente Lazio torna a chiedere un passo indietro sugli emendamenti approvati che aprono alla caccia nei Parchi regionali e azioni ambientali all'assessora all'Ambiente Onorati.

  • Con un emendamento alla legge per la semplificazione e lo sviluppo regionale, la Regione Lazio apre alla caccia, seppur selettiva, nei Parchi e alla presenza di cacciatori con armi in mano dentro le aree protette.

  • La Regione Lazio introduce la caccia selettiva nei Parchi.  Le modifiche alle leggi finora vigenti sono state approvate con i primi articoli della proposta di legge n. 55/18 “Disposizioni per la semplificazione e lo sviluppo regionale” in discussione in questi giorni  nel Consiglio regionale.  L’allarme lo lancia Legambiente Lazio.

  • Nei giorni scorsi la Regione Lazio approva la declinazione normativa che sembra dare una spallata ai principi di tutela della biodiversità nelle aree protette e spalancare le porte ad opere di edificazione finalizzate alla “valorizzazione” di terreni privati.

  • Approvato dalla Giunta regionale del Lazio lo schema di protocollo d’intesa tra Regione Lazio, Roma Capitale e Città metropolitana di Roma Capitale per la “gestione del cinghiale” che prevede tre metodi di eliminazione dell’animale dalla città eterna, dopo la sua cattura.