Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

AmbienteWeb - Ambientalismo, Pacifismo, Diritti, Libera Comunicazione

terrorismo

  • Il prossimo passo contro il Venezuela è il terrorismo contro la sua popolazione. In questi 15 minuti il Prof. Vladimir Adrianza Salas spiega tutto quello che è successo da giovedì scorso ad oggi. Dopo non potete dire di non aver saputo.

  • Il bilancio finale è stato di tredici vittime. Ma la sparatoria nel locale di Thousand Oaks, in California, sembra essere solo una voce che si aggiunge all’elenco dei morti negli Stati Uniti per arma da fuoco: un bollettino di guerra che testimonia come il vero terrorismo sia il possesso facile di armi, di ogni tipo.

  • In una sua intervista concessa oggi al giornale greco "Kathimerini", il presidente siriano Bashar al-Assad ha evidenziato che il presunto attacco chimico a Douma è un "gioco" per colpire l'esercito siriano: "Stati Uniti, Francia, Gran Bretagna e i loro alleati hanno attaccato l'esercito siriano per sollevare il morale dei terroristi e impedirgli di liberare più aree in Siria."

  • Una provocazione con armi chimiche è in preparazione nei prossimi due giorni nella municipalità siriana di Kafr Zita, nella provincia di Hama, con l'intenzione di accusare Damasco, come riportato dal rappresentante ufficiale del ministero della Difesa russo, Igor Konashénkov.

  • Il presidente russo Vladimir Putin ha incontrato il suo omologo siriano Bashar al Assad nella città di Sochi, ha riferito il portavoce del presidente russo Dmitry Peskov. Il leader siriano si trova in Russia per una visita di lavoro e che i colloqui tra i due presidenti sono stati approfonditi.

  • "I terroristi nella provincia siriana di Idlib si preparano ad eseguire delle provocazioni, tra queste l'uso di armi chimiche". Lo ha dichiarato il presidente russo Vladimir Putin nella conferenza stampa che ha seguito l'importante vertice di Teheran con Rohani e Erdogan sul futuro di Idlib e in generale quello della Siria.