Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Roma, sfratto sospeso per famiglia in difficoltà

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

COMUNICATO STAMPA

CASA ROMA: SOSPESO SFRATTO ESECUTIVO DI INQUILINA PDZ

AS.I.A/USB, IMPORTANTE RISULTATO. ORA BLOCCARE TUTTI GLI SFRATTI

Roberta, residente in un alloggio dei Piani di Zona a Roma con due figli minori, di cui uno disabile, è momentaneamente salva dal pericolo di uno sfratto imminente.

 

Durante l’udienza tenutasi ieri per valutare la sospensione dello sfratto esecutivo, il Giudice  Dott. Vigorito, Presidente della IV sezione bis del Tribunale Civile di Roma, ha confermato la sospensione richiesta dall’Avvocato Vincenzo Perticaro che, nella stessa udienza, ha inoltre ottenuto un’ulteriore proroga della sospensione dell’esecuzione e la concessione di un termine per contestare la memoria depositata dagli avvocati della proprietà, la Sette costruzioni SpA.

Il caso di Roberta, a cui erano stati persino staccati riscaldamento ed acqua calda, suscitando l’intervento della deputata Lombardi (M5S), è emblematico della condizione in cui versano migliaia di famiglie dei Piani di Zona, che dopo aver pagato per anni dei canoni di locazione molto più alti di quelli previsti dalla normativa per l’edilizia agevolata, o avendo saldato per intero l’acquisto degli appartamenti, subiscono ora gli sfratti da parte delle società costruttrici.

L’AS.I.A./USB evidenzia come la sentenza emessa ieri dal Tribunale di Roma rappresenti un importante risultato per la difesa dei diritti di tutti gli abitanti dei Piani di Zona e ribadisce la necessità di un provvedimento generale per il blocco di tutti gli sfratti emessi nei confronti di tante famiglie che stanno subendo una gigantesca ingiustizia.

A questo proposito l’avvocato Vincenzo Perticaro ha depositato per l’AS.I.A./USB un esposto al Commissario straordinario per Roma Capitale, Francesco Paolo Tronca, in cui sono state evidenziate le responsabilità del Comune e della Regione nella mancata applicazione della legge.

L’AS.I.A/USB continuerà a battersi affinché venga fatta piena luce sullo scandalo dei Piani di Zona e vengano tutelati i diritti degli abitanti e della collettività tutta.

 

Roma, 29 gennaio 2016

 

Ufficio Stampa USB

Pin It