Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Newsletter OIPA dell'11 marzo 2019

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

 

 

“IL MIO CANE È A CASA”, INVECE ERA STATA ABBANDONATA UN ANNO PRIMA: DENUNCIATA PER ABBANDONO DALLE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA DI ROMA

Una storia che ha del paradossale, quella emersa durante i controlli da parte delle guardie zoofile dell’OIPA di Roma: circa un anno fa la piccola meticcia Trilly è stata trovata per strada mentre vagava in cerca di cibo tra i cassonetti dell’immondizia, magra e disorientata. Colpita, la signora decise di aprire accoglierla e, date le pessime condizioni, non aveva pensato che Trilly potesse avere un proprietario né, tanto meno, un microchip. Durante il controllo, però, le guardie dell’OIPA scoprono il contrario e risalgono alla proprietaria che, una volta contattata rispondeva mentendo dicendo che il cane si trovava presso la sua abitazione. Confermato che si trattava di un palese caso di abbandono, l’ex proprietaria è stata denunciata mentre Trilly è stata posta sotto sequestro e affidata alla sua nuova famiglia.

 

 

GALLIPOLI (LE), CANI VITTIME DI UN PESTAGGIO: PRESI A BASTONATE E LASCIATI AGONIZZARE. L’OIPA DENUNCIA E CHIEDE ALLE AUTORITÀ L’INSTALLAZIONE DI TELECAMERE E PIÙ CONTROLLI PER AVERE MAGGIORI TUTELE

Maki, malmenata da una miriade di colpi ciechi che le hanno fratturato alcune vertebre, buttata a morire in un fosso. Joy, un violento calcio sui denti, che ha rotto mandibola e denti, paralizzato in una pozza di sangue dal dolore e dalla paura. Violenza cieca, gratuita, terribile e ingiustificata, che ha quasi ucciso due dolci cani di quartiere a Gallipoli, amati e accuditi, abituati a vivere liberi senza creare problemi: due pestaggi in piena regola, che hanno lasciato sgomento, paura e tanto, tanto dolore. L’OIPA, auspicando che la giustizia scopra e punisca questi atti di violenza, è pronta a effettuare non solo una denuncia per maltrattamento e tentata uccisione di animale, ma chiede alle autorità maggiori tuteleattraverso la richiesta di posizionare delle telecamere su quella strada e nella zona industriale adiacente.

 

 

GAIA, RANDAGIA INCINTA A CUI AVEVANO SPARATO, HA PERSO I SUOI 8 CUCCIOLI E RISCHIA DI NON TORNARE A CAMMINARE: DONA UN AIUTO PER LE SUE CURE

Vi ricordate di Gaia? Randagia incinta di 8 cuccioli era stata crivellata dai colpi di un fucile a pallettoni e lasciata agonizzare sanguinante sul ciglio di una strada. Salvata dagli angeli blu dell’OIPA di Salerno, fin da subito molte erano le preoccupazioni riguardanti la sopravvivenza, sua e dei cuccioli, che infatti sono morti poco dopo aver visto la luce. Ma non solo: le ferite causate dai colpi d’arma da fuoco si sono localizzate soprattutto nelle gambe posteriori, danneggiandole a tal punto che Gaia potrebbe addirittura non tornare a camminare. Ora si tenterà un percorso di riabilitazione, volto a capire se riuscirà a tornare a muovere le zampe nuovamente o se invece sarà necessario usare per lei un carrellino.

 


ZOPPICAVA PER STRADA, SOLO, SANGUINANTE E CON LA ZAMPA FRATTURATA: YURI, SOCCORSO DAGLI ANGELI BLU DELL’OIPA DI CAMPOBASSO, LOTTA PER TORNARE A CAMMINARE

Si muoveva a fatica, zoppicando e soffrendo. Immaginate cosa stesse provando Yuri, cagnolino di taglia piccola, solo per strada, con la zampa fratturata ed insanguinata, sperduto e impaurito: non sappiamo il motivo per cui è stato abbandonato, non sappiamo chi l’ha lasciato solo a gestire un mondo esterno che non sapeva affrontare, ma sappiamo il grande dolore, fisico e psicologico, che ciò ha causato. Soccorso dagli angeli blu dell’OIPA di Campobasso, è stato operato d’urgenza. L’operazione è andata a buon fine, ma ora Yuri sta lottando con l’osteomielite e per guarire completamente Yuri dovrà affrontare delle cure antibiotiche oltre che un percorso di riabilitazione, nella speranza che possa tornare a correre felice.

 


SOSTIENI GLI ANGELI BLU: ISCRIVITI ALL’OIPA

L’OIPA è una grande famiglia animata dall’amore per gli animali e dal desiderio di vedere rispettati i loro diritti. Con il tuo sostegno possiamo essere ogni giorno più efficaci nel lanciare un messaggio di fondamentale importanza: gli animali non sono oggetti utili ai fini dell’uomo, ma soggetti con un’identità da conoscere e rispettare. 

Ecco perché ti chiediamo di fare di nuovo parte di questa grande squadra: rinnovando la tua tessera associativa alimenterai il sentimento più importante, quello che porta gli angeli blu, i volontari dell’OIPA, a scendere in campo ogni giorno per salvare, accudire e proteggere tutti gli animali: l’empatia.

Associandoti all’OIPA, ci garantirai un prezioso contributo per continuare a farlo. Grazie.

 

 

I CERCAFAMIGLIA: CODY

Oggi vi presentiamo il bellissimo Cody. Un bel gatto di circa 6 mesi che si chiama così per via della sua simpatica codina tutta storta. Recuperato dagli angeli blu di OIPA Roma in una zona dove spesso avvelenano i gatti, Cody è stata messa al sicuro insieme alla mamma e ai fratellini appena nati (tutti negativi ai test fiv e felv). Tutti i suoi fratelli sono stati adottati, chi vuole dare lo stesso lieto fine anche a Cody?
 

 
     



16 marzo

Ancona
Animali in città: diritti,
doveri, tutela


 


16 marzo

Mestre
Raccolta alimentare

 

 

 

 

Pin It