Questo sito utilizza cookie, tra cui cookie analytics di terze parti per l’analisi delle statistiche di traffico ai fini dell’ottimizzazione del sito.
Proseguendo la navigazione nel sito si acconsente al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy.
Per maggiori informazioni consultare l’informativa estesa.

Newsletter OIPA del 20 maggio 2019

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/testata.jpg

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/banda-news1.jpg

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/01.jpg


STERILIZZAZIONE E REIMMISSIONE SUL TERRITORIO DEI CANI LIBERI: IL PROGETTO DEGLI ANGELI BLU DELL'OIPA DI NAPOLI


Continua instancabile il lavoro dei volontari dell'OIPA di Napoli che, in costante collaborazione e sinergia con l'ASL e gli organi preposti, da anni portano avanti un progetto di monitoraggio, censimento, cattura, sterilizzazione ed infine liberazione dei cani che vivono liberi sul territorio. Sono diverse le strategie che possono essere messe in atto per garantire una buona e corretta gestione del randagismo: una di queste è la sterilizzazione e la reimmissione sul territorio di cani selvatici e cani di quartiere. Non sempre, infatti, “togliere il cane dalla strada”, chiudendolo in un box di canile, vuol dire salvarlo.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-scopri.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/02.jpg

 

ABBANDONATI E LASCIATI AL LORO DESTINO DALLE ISTITUZIONI: GATTA MALATA PARTORISCE CON LE SUE ULTIME FORZE E MUORE

Vittima di un mancato piano di sterilizzazione comunale, una gatta è stata trovata dagli angeli blu dell’OIPA di Palermo in condizioni disperate e in procinto di partorire. La corsa in clinica veterinaria e il ricovero d’urgenza ha permesso alla gatta di partorire, poi, esausta, si è spenta. Dei quattro cuccioli partoriti, ne è sopravvissuto uno, Kiko che lotta per la vita accudito dai volontari minuto per minuto.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-aiuto.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/03.jpg


INNERVOSITO DALLE GUARDIE ZOOFILE CHE CONTROLLAVANO IL SUO CANE DENUTRITO E LEGATO AD UNA CATENA, LO SLEGA ALL’IMPROVVISO SPAVENTANDOLO E FACENDOLO SCAPPARE IN STRADA: SALVATO PRIMA CHE FOSSE INVESTITO


Episodio folle accaduto nei pressi dei Castelli Romani, dove le guardie zoofile dell’OIPA di Roma si erano recate a controllare le condizioni di un meticcio maremmano di circa 3 anni, denutrito, legato ad una pesante catena e sofferente a causa di ulcere e piaghe. Il proprietario, messo di fronte all’evidenza, ha iniziato a dare in escandescenza e ha sganciato la catena causando la fuga del cane che, spaventato, è finito su una strada a scorrimento veloce. Fortunatamente Rino, questo il nome del maremmano, è stato recuperato dalle guardie zoofile un attimo prima che venisse investito. Dopo aver denunciato il proprietario, i volontari hanno scritto un lieto fine a questa storia trovando a Rino una nuova famiglia.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-scopri.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/04.jpg


QUANDO LA VOGLIA DI VIVERE SUPERA LA CRUDELTÀ UMANA: OTELLO, ABBANDONATO IN UNO SCATOLONE DI LEGNO SCHELETRICO E MALATO, SALVATO IN EXTREMIS DALL’OIPA SIRACUSA


È stato trovato chiuso in uno scatolone dagli angeli blu dell’OIPA di Siracusa, respirava affannosamente, senza riuscire a reggersi sulle zampe e con tutte le ossa esposte, quasi sul punto di lasciarsi andare. Poi il salvataggio dei volontari e la corsa in clinica veterinaria, fondamentale per stabilizzare la situazione, nonostante il quadro clinico risulti ancora compromesso, ma Otello non ha assolutamente voglia di arrendersi. 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-aiuto.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/05.jpg

 

“LE PERSONE QUI CI METTONO L’AUTO, IO IL CANE”: RECLUSA IN UN RECINTO IMPROVVISATO E LEGATA CON UNA CORDA, LE GUARDIE ZOOFILE DELL’OIPA NAPOLI SEQUESTRANO UN PITBULL

“Le persone qui ci mettono la macchina, io il cane”: questa la risposta ricevuta dalle guardie zoofile dell’OIPA in seguito ad un sequestro di una pitbull che viveva segregata in un recinto improvvisato fatto con materiali di recupero in un cortile condominiale. Legata ad una corda di neanche un metro che le ha lesionato il collo semplicemente perché provava a fuggire dall’isolamento sociale a cui era costretta, tanto da ferirsi e rompere il recinto, a Queen, erano state tagliate entrambe le orecchie solo per motivi “estetici”, come ammesso dallo stesso proprietario.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-scopri.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/banda-cercafamiglia.jpg

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/190520/06.jpg

 

I CERCAFAMIGLIA: BIANCA

Oggi vi presentiamo Bianca, nonnina di circa 10 anni dal cuore d'oro, socievole con tutti, sia umani che amici animali. Sempre alla ricerca di una mano che la accarezzi sul suo dolce musetto, quando i volontari dell'OIPA arrivano in canile non possono fare a meno di notare i suoi occhioni ancora pieni di speranza e desiderosi di amore. Bianca è pronta per raggiungere la sua nuova casa: è già chippata, vaccinata e sterilizzata. Ha alle spalle tanti, troppi, anni di canile ma ancora spera nella sua occasione di felicità fuori dal quel box in cui passa tutte le sue giornate, ormai da anni.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-cerca1.gif

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-cerca2.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/slide/5xmille-02.jpg


SALVATO DAL TUO 5X1000 – GLI ANGELI BLU PROTEGGONO GLI ANIMALI OGNI GIORNO, CON UNA FIRMA PUOI FARLO ANCHE TU: CODICE FISCALE 97229260159

Un batuffolo bianco spunta all’improvviso sulla strada, una brusca frenata non impedisce al cucciolo di cane di essere travolto e gettato a bordo strada. Il cucciolo resta lì, terrorizzato. Accanto a lui le auto continuano a sfrecciare, indifferenti. Il suo destino è segnato: morire da solo. Ma i suoi occhi incontrano quelli di un angelo blu, è una volontaria dell’OIPA che, incurante del pericolo, ferma l’auto e corre dal cucciolo ferito, iniziando una disperata corsa contro il tempo per dargli una speranza di salvezza.

Questa immagine non è una foto “in posa”, ma un momento catturato durante un tentativo di salvataggio reale. Un intervento unico, come la storia che vi abbiamo raccontato, ma uguale a molti altri che avvengono ogni giorno in molte regioni d’Italia. L’OIPA è esattamente questo: empatia, coraggio, dedizione.

Scegliendo di donarci il tuo 5x1000 sostieni l’impegno quotidiano di centinaia di volontari che non si fermano davanti al senso di impotenza che si può provare di fronte al destino avverso di un animale, ma agiscono direttamente per cambiare le cose.

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/bottone-scopri.gif

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/elementi/banda-appuntamenti1.jpg

 

 

 

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/appuntamenti/aperitivo7.gif

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/appuntamenti/cane16.gif

https://www.oipa.org/italia/newsletteroipa/foto/appuntamenti/conferenza1.gif

24 maggio
Maranello (MO)
Apericena benefit
a Maranello (MO)
 

25 maggio
Venezia
Raccolta alimentare
per gli animali in difficoltà

25 maggio
Milano
Conferenza "Il gatto,
oltre il confine"

 

 

 

Pin It